Mi­sin: «Ades­so la Fer­ma­na de­ve ri­par­ti­re»

Il tut­to­fa­re Mi­sin an­che a Trie­ste tra i mi­glio­ri, met­te nel mirino il mat­ch ca­sa­lin­go con il Vi­cen­za «Sia noi che lo­ro ar­ri­via­mo da due scon­fit­te, do­vre­mo ti­ra­re fuo­ri il mas­si­mo per po­ter esul­ta­re»

Corriere Adriatico (Fermo) - - Da Prima Pagina - Lo­ren­zo At­tor­re­si

A Trie­ste si è ri­ve­la­to il ca­na­ri­no con più pal­lo­ni toc­ca­ti, 64, con più pas­sag­gi com­ple­ta­ti, 41, con più drib­bling ese­gui­ti, 4 riu­sci­ti su 5 ten­ta­ti­vi, con più cross e con­tra­sti. Le sta­ti­sti­che non men­to­no mai e han­no in­cen­sa­to Alex Mi­sin co­me mo­to­ri­no tut­to­fa­re. Cam­bia la ca­te­go­ria ma la dut­ti­li­tà del pe­sa­re­se non va­ria: in C De­stro l’ha uti­liz­za­to mez­za­la in un cen­tro­cam­po a tre, me­dia­no a due, ester­no di cen­tro­cam­po a quat­tro e al Roc­co ad­di­rit­tu­ra a tut­ta fa­scia nel 3-4-3 per fi­ni­re la ga­ra da ter­zi­no de­stro in una di­fe­sa tra­di­zio­na­le a quat­tro.

Mi­sin, la po­lie­dri­ci­tà è un van­tag­gio o una sfor­tu­na so­prat­tut­to quan­do de­ve sa­cri­fi­car­si in zo­ne di cam­po non pret­ta­men­te sue?

«Do­man­da dif­fi­ci­le. Con la ca­pa­ci­tà di sa­per­si adat­ta­re puoi ren­der­ti uti­le in più oc­ca­sio­ni e non so­lo nei po­sti in cui pre­di­li­gi gio­ca­re. Quan­do agi­sco a si­ni­stra ma­ga­ri fac­cio più fa­ti­ca per­ché so­no sul pie­de in­ver­ti­to, dall’al­tra par­te mi tro­vo me­glio per­ché ten­do ad aprir­mi col cor­po. Il mio ruo­lo na­tu­ra­le è la mez­za­la? Ma an­che scher­mo nel cen­tro­cam­po a due».

A Trie­ste una scon­fit­ta du­ra da di­ge­ri­re?

«Sa­pe­va­mo di an­da­re sul dif­fi­ci­le cam­po di una squa­dra co­stret­ta a sbloc­car­si. Do­po il ri­go­re a fred­do non ci sia­mo per­si d’ani­mo co­struen­do va­rie pal­le gol: è chia­ro che se non con­cre­tiz­zi con­tro com­pa­gi­ni di quel ca­li­bro c’è il ri­schio di pren­de­re la se­con­da re­te e co­sì è sta­to. Di­spia­ce per­ché il gol che ha chiu­so la ga­ra non è sca­tu­ri­to da un’azio­ne ma­no­vra­ta ma da un cross dal­la tre­quar­ti su cui ab­bia­mo sba­glia­to in­ter­pre­ta­zio­ni col­let­ti­ve».

Mi­sin, un so­lo pun­to in tre ga­re. L’ave­va­te mes­so in con­to spul­cian­do il ca­len­da­rio o spe­ra­va­te in qual­co­sa di più do­po il gran­de av­vio?

«Con la Trie­sti­na ave­va­mo ne­gli oc­chi il se­con­do tem­po del mer­co­le­dì precedente col Bas­sa­no ove ave­va­mo spin­to i no­stri ri­va­li al­le cor­de. E dun­que al Roc­co era­va­mo ot­ti­mi­sti ma è gi­ra­to tut­to stor­to. In ge­ne­ra­le que­sta C è di­ver­sa ri­spet­to a quel­la che ave­vo vis­su­to in pas- sa­to col Fa­no (50 pre­sen­ze in Le­ga Pro Se­con­da Di­vi­sio­ne, ndr). Le squa­dre so­no più or­ga­niz­za­te. L’adat­ta­men­to non è sta­to sem­pli­ce ma stia­mo con­ti­nuan­do a la­vo­ra­re per mi­glio­ra­re».

Do­me­ni­ca ar­ri­va il Vi­cen­za re­tro­ces­so dal­la B, al­tra can­di­da­ta a sta­re las­sù

«Lu­ne­dì ha per­so e de­ve tor­na­re a fa­re punti. Noi do­vre­mo

es­ser bra­vi a sfrut­ta­re ap­pie­no tut­to quel che la­sce­rà. E’ chia­ro che con­tro una squa­dra del ge­ne­re do­vre­mo ti­ra­re fuo­ri il mas­si­mo per po­ter esul­ta­re».

Nel­la top 11 gial­lo­blù dei mi­nu­ti gio­ca­ti com­pa­io­no an­che in que­sta sta­gio­ne i va­ri Va­len­ti­ni, Co­mot­to, Ur­bi­na­ti, Pe­truc­ci, Mi­sin, Cre­mo­na, Iot­ti, i vec­chi che ti­ra­no la carretta da an­ni

«E’ mo­ti­vo di or­go­glio far par­te di que­sto grup­po, po­ten­zia­to da al­tri gio­ca­to­ri nuo­vi ed esper­ti che ci stan­no dan­do una gran­de ma­no».

«Con Bas­sa­no e Trie­sti­na spe­ra­va­mo di por­ta­re a ca­sa qual­co­sa ma il gio­co non è man­ca­to»

A la­to, Alex Mi­sin cen­tro­cam­pi­sta tut­to­fa­re del­la Fer­ma­na. So­pra, i ti­fo­si ca­na­ri­ni il cui ap­por­to do­me­ni­ca po­treb­be es­se­re fon­da­men­ta­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.