La Pro­vin­cia non ci sta, pron­ta a ri­vol­ger­si al Tar con­tro gli an­nul­la­men­ti

Corriere Adriatico (Macerata) - - Marche - Lu­ca Mar­co­li­ni

ASCO­LI Mul­te con l’au­to­ve­lox, la stan­ga­ta è ser­vi­ta e pio­vo­no i ri­cor­si in pre­fet­tu­ra ad Asco­li. Tra gli ul­ti­mi ca­si che ora ve­dran­no la Pro­vin­cia di Asco­li op­por­si ai re­la­ti­vi ri­cor­si, ci so­no sia pri­va­ti sia azien­de che si so­no vi­sti ar­ri­va­re nel gi­ro di qual­che me­se an­che 4, 5 e più ver­ba­li di con­trav­ven­zio­ne. In par­ti­co­la­re, i ri­cor­si per i qua­li l’Am­mi­ni­stra­zio­ne pro­vin­cia­le do­vrà ora di­fen­der­si, di fron­te al giu­di­ce di pa­ce, so­no re­la­ti­vi al­la scor­sa esta­te, nel pe­rio­do tra giu­gno e lu­glio do­ve il ve­lo­ma­tic ha fat­ti stra­ge di mul­ta­ti.

Si­tua­zio­ni li­mi­te

C’è, ad esem­pio, chi ha ri­ce­vu­to ad­di­rit­tu­ra 4 mul­te nell’ar­co del­lo stes­so me­se. E ades­so bi­so­gne­rà ca­pi­re co­me si pro­nun­ce­ran­no, ca­so per ca­so, i giu­di­ci di pa­ce. Fat­to sta che il fe­no­me­no, sep­pu­re con di­ver­sa in­ten­si­tà e fre­quen­za, si pro­trae dal 2014 quan­do tan­ti fu­ro­no i ri­cor­si a fron­te di una raffica di con­trav­ven­zio­ni ele­va­te pro­prio nel­lo scor­cio con­clu­si­vo di quell’an­no, an­che con le pri­me sen­ten­ze del giu­di­ce di pa­ce di Asco­li che da­va­no ra­gio­ne ai agli au­to­mo­bi­li­sti fi­ni­ti nel mi­ri­no del­le mac­chi­net­te di ri­le­va­men­to del­la ve­lo­ci­tà e del­la po­li­zia pro­vin­cia­le (per la vio­la­zio­ne dei li­mi­ti di ve­lo­ci­tà). Con la Pro­vin­cia che in­ter­pel­lò il pro­prio Uf­fi­cio le­ga­le ri­cor­ren­do in ap­pel­lo per di­fen­de­re il pro- prio ope­ra­to e ri­ven­di­ca­re le som­me del­le mul­te. In real­tà, il ri­schio dei ri­cor­si, già in quel­la fa­se, era sta­to ipo­tiz­za­to pro­prio per la quan­ti­tà del­le mul­te com­mi­na­te. Ri­cor­si che già al­la fi­ne del­lo scor­so me­se di gen­na­io ave­va­no vi­sto un ri­co­no­sci­men­to al­le ragioni dei cit­ta­di­ni pro­prio at­tra­ver­so le pri­me sen­ten­ze. Ed an­co­ra, a di­stan­za di tre an­ni, il mu­ro con­tro mu­ro tra Pro­vin­cia e au­to­mo­bi­li­sti mul­ta­ti con­ti­nua.

San­zio­ni pe­san­ti

In real­tà, a pe­sa­re, è la stra­ge di por­ta­fo­gli nei di­ver­si ca­si in cui le mul­te per al­cu­ni au­to­mo­bi­li­sti si ac­cu­mu­la­no, fi­no an­che a su­pe­ra­re i 1.300 eu­ro. Per poi sfo­cia­re in que­sti con­ti­nui ri­cor­si ai giu­di­ci di pa­ce o in ra­teiz­za­zio­ni nei pa­ga­men­ti. Per­ché, co­me det­to, chi si è tro­va­to gior­nal­men­te a tran­si­ta­re nel­le zo­ne “fo­to-con­trol­la­te” ma­ga­ri per an­da­re a la­vo­ra­re, la maz­za­ta è ar­ri­va­ta a più ri­pre­se, an­che con quat­tro o cin­que mul­te spal­ma­te nell’ar­co di un me­se. E for­se, una ri­fles­sio­ne, se si con­ti­nua­no a re­gi­stra­re tan­te san­zio­ni, una ri­fles­sio­ne an­dreb­be fat­ta: se le mul­te con­ti­nua­no a fioc­ca­re per su­pe­ra­men­to dei li­mi­ti di ve­lo­ci­tà, do­po tre an­ni, for­se il si­ste­ma dell’au­to­ve­lox non è la so­lu­zio­ne più ef­fi­ca­ce… An­che se, per sco­rag­gia­re l’al­ta ve­lo­ci­tà nel­le fra­zio­ni, da qual- che me­se an­che l’Aren­go ha de­ci­so di uti­liz­za­re il si­ste­ma del ve­lo­ma­tic, con pre-av­ver­ti­men­to su gior­ni e ora­ri di po­si­zio­na­men­to. Per quel che ri­guar­da Asco­li, al­di­là del pro­ble­ma ve­lo­ci­tà, ci si av­via ora al mo­men­to de­ci­si­vo per il rin­no­vo dei per­mes­si di cir­co­la­zio­ne e so­sta all’in­ter­no del cen­tro sto­ri­co con una si­tua­zio­ne che, per la pri­ma vol­ta, sa­rà leg­ger­men­te più com­ples­sa.

I pass al rin­no­vo

Sta­vol­ta, in­fat­ti, nel­la fa­se di rin­no­vo dei per­mes­si, che sa­rà con­cor­da­ta nei pros­si­mi gior­ni tra Aren­go e Sa­ba, si do­vrà te­ner con­to – ri­spet­to al pas­sa­to – del­la pre­sen­za dei var­chi elet­tro­ni­ci. E que­sto rap­pre­sen­ta un pas­sag­gio più com­pli­ca­to per la fa­se di ade­gua­men­to del­la ban­ca da­ti col­le­ga­ta al­le te­le­ca­me­re, pre­di­spo­sta per an­ni so­la­ri. In al­tre pa­ro­le, per evi­ta­re pro­ble­mi lo­gi­sti­ci e or­ga­niz­za­ti­vi, i per­mes­si do­vreb­be­ro es­se­re rin­no­va­ti e au­to­ma­ti­ca­men­te rein­se­ri­ti nel­la ban­ca da­ti dei var­chi en­tro il pros­si­mo 31 di­cem­bre, ov­ve­ro en­tro l’an­no in cor­so. Per poi far sì che tut­ti i ti­to­la­ri di per­mes­so pos­sa­no re­go­lar­men­te tran­si­ta­re, dal pri­mo gen­na­io 2018, nel­le zo­ne a traf­fi­co li mi­ta­to sen­za ri­schia­re di in­cap­pa­re in san­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.