Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Co­me è po­lie­dri­ca la Ci­na di Del Co­ro­na

Il gior­na­li­sta del Cor­rie­re del­la Se­ra pre­sen­ta il suo li­bro al Pan con An­na­ma­ria Pa­ler­mo

- Di Me­la­nia Gui­da

Si è mes­so nei pan­ni di se stes­so, Mar­co Del Co­ro­na, quel­li del gior­na­li­sta (per il «Cor­rie­re del­la Se­ra» è sta­to cor­ri­spon­den­te da Pe­chi­no dal 2008 al 2012, ora è vi­ce­ca­po­re­dat­to­re del quo­ti­dia­no e con­ti­nua a se­gui­re quel­lo che suc­ce­de a Orien­te) uti­liz­zan­do la let­te­ra­tu­ra per av­vi­ci­nar­si ad al­cu­ni aspet­ti del­la Ci­na.

Na­sce co­sì «Un tè con Mo Yan e al­tri scrit­to­ri ci­ne­si» (Obar­raO edi­zio­ni, 2015), il li­bro che og­gi po­me­rig­gio, per la quin­ta edi­zio­ne di «Mil­leu­na­ci­na», il fe­sti­val de­di­ca­to al­la cul­tu­ra ci­ne­se tra­di­zio­na­le e con­tem­po­ra­nea, pre­sen­te­rà al Pan, al­le ore 18, insieme con An­na­ma­ria Pa­ler­mo.

Un’in­da­gi­ne sul­la vi­ta in­tel­let­tua­le nel­la Ci­na con­tem­po­ra­nea in gra­do di re­sti­tuir­ci, at­tra­ver­so le scel­te dei suoi mag­gio­ri scrit­to­ri co­stret­ti a mi­su­rar­si con un’ar­te nell’ar­te che è an­che pra­ti­ca di vi­ta, l’im­ma­gi­ne mul­ti­for­me di un pae­se sfac­cet­ta­to, in con­ti­nuo di­ve­ni­re e, sin­go­lar­men­te, mol­to lon­ta­no da­gli ste­reo­ti­pi oc­ci­den­ta­li. Dal pre­mio No­bel Mo Yan, se­du­to in una ca­sa da tè che con­fi­da che la cen­su­ra in Ci­na esi­ste, ma si può ag­gi­ra­re pro­fes­san­do il suo ot­ti­mi­smo per il fu­tu­ro del pae­se, ad Acheng, che do­po an­ni di si­len­zio apre la sua di­mo­ra e rac­con­ta del ro­man­zo che non può pub­bli­ca­re. Da Su Tong che par­la del­la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le a Hu Yua che ve­de la Ci­na co­me una suo­ra che si è fat­ta pro­sti­tu­ta pas­san­do per Yang Hon­gy­ing la «Ro­w­ling ci­ne­se», star del­la let­te­ra­tu­ra per l’in­fan­zia fi­no a Liao Yi­wu, fug­gi­to dal re­gi­me e ora me­mo­ria poe­ti­ca di chi ve­de i pro­pri di­rit­ti vio­la­ti. Scrit­to­ri di­ver­sis­si­mi, te­sti­mo­ni dell’esi­sten­za di tan­tis­si­me Ci­ne.

Se do­ves­si­mo trac­cia­re un trat­to co­mu­ne? «Una par­ti­co­la­re at­ti­tu­di­ne a un pro­sai­co e ben sal­do prag­ma­ti­smo», spie­ga Del Co­ro­na. «Il ci­ne­se non è mai astrat­to, è sem­pre mol­to di­ret­to, qua­si ma­te­ria­li­sta. An­che per quan­to ri­guar­da la re­li­gio­ne. Se va al tem­pio, lo fa per un obiet­ti­vo spe­ci­fi­co, per ot­te­ne­re qual­co­sa». Ben lon­ta­ni dall’idea­li­smo che er­ro­nea­men­te po­trem­mo lo­ro at­tri­bui­re? «E’ co­sì. Pur nel­le di­ver­si­tà, ognu­no di lo­ro è pro­fon­da­men­te an­co­ra­to al­la real­tà. L’equi­li­brio so­cia­le, per esem­pio, con­ta più del fat­to che qual­cu­no pos­sa di­re la sua». E nel caso del No­bel Mo Yan? «E’ iscrit­to al Par­ti­to co­mu­ni­sta, è vi­ce­pre­si­den­te dell’As­so­cia­zio­ne de­gli scrit­to­ri, è mem­bro del­la Con­fe­ren­za con­sul­ti­va, è di fat­to or­ga­ni­co al po­te­re, tut­ta­via in mol­ti suoi la­vo­ri – da “Le can­zo­ni dell’aglio” de­gli an­ni Ot­tan­ta al mol­to più re­cen­te “Le ra­ne” – la sua cri­ti­ca al po­te­re e agli uo­mi­ni che lo in­car­na­no è du­ris­si­ma. Im­pla­ca­bi­le».

 ??  ?? Pre­mio No­bel Fra i pro­ta­go­ni­sti del li­bro, lo scrit­to­re Mo Yan
Pre­mio No­bel Fra i pro­ta­go­ni­sti del li­bro, lo scrit­to­re Mo Yan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy