Mar­co Lil­lo: «Mai avu­to no­ti­zie da lui» De Ma­gi­stris: «Per­so­na in­te­gra»

La pre­sen­ta­zio­ne del li­bro su Ren­zi

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Primo Piano - Fa­bio Po­sti­glio­ne

NA­PO­LI «Il pm Hen­ry John Woo­d­cock e sua mo­glie, la gior­na­li­sta Fe­de­ri­ca Scia­rel­li, non so­no le mie fon­ti, que­sta è una cer­tez­za e spe­ro di es­se­re sot­to in­ter­cet­ta­zio­ne, ma­ga­ri dal­la pro­cu­ra di Reg­gio Ca­la­bria che mi ha in­da­ga­to per una fu­ga di no­ti­zie, co­sì si riu­sci­rà a com­pren­de­re che lo­ro so­no estra­nei». Mar­co Lil­lo, il gior­na­li­sta del «Fat­to» che per pri­mo ha sve­la­to me­si fa l’in­da­gi­ne Con­sip è ar­ri­va­to pun­tua­le al­le 18 in via San­ta Chia­ra. Ad at­ten­der­lo il col­le­ga Vin­cen­zo Iu­ril­lo per la pre­sen­ta­zio­ne del li­bro «Di pa­dre in fi­glio», e tan­tis­si­mi al­tri gior­na­li­sti. Due gior­ni fa il suo no­me è bal­za­to al­le cro­na­che di tut­ti i gior­na­li, non per uno scoop, ma per­ché sa­reb­be sta­to il de­sti­na­ta­rio di no­ti­zie ri­ser­va­te sull’in­chie­sta che ha por­ta­to all’ar­re­sto dell’im­pren­di­to­re na­po­le­ta­no Al­fre­do Ro­meo e all’iscri­zio­ne nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti di uo­mi­ni del Go­ver­no e di ver­ti­ci del­le for­ze dell’or­di­ne, da par­te del pm na­po­le­ta­no, co­me so­stie­ne la Pro­cu­ra di Ro­ma. «Non so­no le mie fon­ti e su que­sto io mi gio­co la mia cre­di­bi­li­tà co­me gior­na­li­sta, co­me uo­mo e an­che la mia di­gni­tà. Chia­ra­men­te non pos­so ri­ve­la­re la fon­te, ma non è det­to che sia una per­so­na. Quan­te vol­te nel­le re­da­zio­ni ar­ri­va­no pli­chi con do­cu­men­ti se­gre­ti? Può ca­pi­ta­re. Ma il pun­to non è que­sto: si ri­schia di guar­da­re il di­to e non la lu­na. La lu­na per me è l’in­da­gi­ne con­dot­ta dal­la Pro­cu­ra di Na­po­li e non da quel­la di Ro­ma, sul­la più gran­de ed im­por­tan­te ga­ra d’ap­pal­to d’Eu­ro­pa - ha det­to Lil­lo que­sto è sta­to me­ri­to del pm Woo­d­cock e dei pm na­po­le­ta­ni e non lo di­co io ma lo di­ce la stes­sa Pro­cu­ra di Ro­ma e an­che i giu­di­ci», ha spie­ga­to. «Ho chie­sto di es­se­re ascol­ta­to dai pm di Ro­ma, so­no sta­to fi­no a tar­da se­ra lì ma da­to che so­no in­da­ga­to per un rea­to con­nes­so, ov­ve­ro la pub­bli­ca­zio­ne di at­ti co­per­ti da se­gre­to, de­vo es­se­re sen­ti­to con un av­vo­ca­to di­fen­so­re ma ciò non av­ver­rà pri­ma che la pro­cu­ra ascol­ti al­tre per­so­ne», ha det­to Lil­lo. Sul se­que­stro del cel­lu­la­re a Fe­de­ri­ca Scia­rel­li non ha dub­bi: «Un at­to for­te ma lei si­cu­ra­men­te di­mo­stre­rà la sua estra­nei­tà ai fat­ti». E poi in to­no po­le­mi­co si chie­de: «Sap­pia­mo tut­to dei cel­lu­la­ri se­que­stra­ti al ca­pi­ta­no del Noe Sca­far­to, ades­so sa­pre­mo di quel­lo di Fe­de­ri­ca, ma del te­le­fo­no di Ti­zia­no Ren­zi, che sap­pia­mo fi­no ad ora?».

Al­la pre­sen­ta­zio­ne del li­bro an­che il sin­da­co Lui­gi de Ma­gi­stris: «Sul ca­so Con­sip ci so­no sem­pre più om­bre ma pos­so di­re che il pm Woo­d­cock l’ho sem­pre per­ce­pi­to co­me una per­so­na au­to­no­ma, in­di­pen­den­te, co­rag­gio­sa e one­sta. Via via che si va avan­ti in que­sta in­da­gi­ne piut­to­sto che la lu­ce si con­ti­nua­no a ve­de­re nu­bi e que­sta non è una buo­na no­ti­zia per­ché in una in­da­gi­ne che toc­ca il cuo­re del­la po­li­ti­ca e del­le isti­tu­zio­ni de­ve es­se­re la­scia­ta in­di­pen­den­za al­la ma­gi­stra­tu­ra. I cit­ta­di­ni vo­glio­no che si ar­ri­vi pre­sto al­la ve­ri­tà».

La po­le­mi­ca Sap­pia­mo tut­to del cel­lu­la­re se­que­stra­to al ca­pi­ta­no Sca­far­to e a Fe­de­ri­ca Scia­rel­li, ma del te­le­fo­no di Ti­zia­no Ren­zi, che sap­pia­mo?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.