Nicodemo: «Il Pd va rior­ga­niz­za­to Il sin­da­co di Na­po­li? Un po­pu­li­sta che non ha un vi­sio­ne po­li­ti­ca»

Co­mu­ni­ca­to­re a Pa­laz­zo Chi­gi, au­to­re del sag­gio «Di­sin­for­ma­zia»

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Primo Piano - di Si­mo­na Bran­do­li­ni

Un pe­sce ros­so tra­ve­sti­to da squa­lo «per­ché mol­to spes­so le no­ti­zie fal­se cre­sco­no tal­men­te tan­to che sem­bra­no più pe­ri­co­lo­se di quel che so­no in real­tà». È la co­per­ti­na e il suc­co di Di­sin­for­ma­zia, pri­mo sag­gio di Fran­ce­sco Nicodemo (si pre­sen­ta que­sta se­ra al­le 19 al Riot con Mau­ri­zio de Gio­van­ni, Fran­ce­sco Pin­to e Mi­che­le Mez­za). «Un li­bro di un cu­rio­so, non di uno stu­dio­so», di­ce l’au­to­re ma­sche­ran­do mo­de­stia. Il man­tra è: co­mu­ni­ca­zio­ne è po­li­ti­ca. E co­sì è spie­ga­to an­che il dop­pio ruo­lo di Nicodemo da un bel po’, co­mu­ni­ca­to­re pri­ma per Ren­zi poi per Gen­ti­lo­ni e po­li­ti­co dem.

Fa­ke­news, po­st-ve­ri­tà, lea­der­ship. Ar­ri­via­mo al­la di­sin­ter­me­dia­zio­ne che, lei di­ce, va rein­ter­me­dia­ta. Cos’è una pri­ma cri­ti­ca al ren­zi­smo?

«La di­sin­ter­me­dia­zio­ne è fon­da­men­ta­le per­ché se c’è cri­si di fi­du­cia una lea­der­ship de­ve crea­re una con­nes­sio­ne sen­ti­men­ta­le. La co­mu­ni­ca­zio­ne non è più distante, dal “lei” si è pas­sa­ti al “tu”. Que­sto fun­zio­na. Il pro­ble­ma dov’è?».

Dov’è? Nel frat­tem­po i cor­pi in­ter­me­di, a co­min­cia­re dai par­ti­ti, si so­no di­sin­te­gra­ti.

«Il te­ma è, in­fat­ti, ri­pen­sa­re i cor­pi in­ter­me­di per­ché co­mun­que hai bi­so­gno che ci sia­no sog­get­ti do­po che rein­ter­me­di­no quel mes­sag­gio».

E ar­ri­via­mo ad una nuo­va or­ga­niz­za­zio­ne del par­ti­to. Per lei ne­ces­sa­ria. In­ve­ce il Pd ren­zia­no più che li­qui­do sem­bra li­que­fat­to.

«L’idea di rior­ga­niz­za­re il par­ti­to co­me re­te di reti con i com­mu­ni­ty or­ga­ni­zer sta nel­la mo­zio­ne Ren­zi. Il com­mu­ni­ty or­ga­ni­zer è di­ver­so ri­spet­to al vec­chio se­gre­ta­rio, de­ve es­se­re un pun­to me­dia­no, tut­ti de­vo­no dia­lo­ga­re con tut­ti, ma ser­ve chi ge­sti­sce i rap­por­ti, i con­flit­ti, chi fa for­ma­zio­ne, co­sa che og­gi il Pd non può fa­re. Il par­ti­to de­ve ave­re un hard­ware leg­ge­ro e un soft­ware po­ten­te».

Lei si è oc­cu­pa­to del­la cam­pa­gna per le Eu­ro­pee quan­do il Pd è ar­ri­va­to al 40 per cen­to, crean­do la com­mu­ni­ty Pd. L’idea, che evi­den­te­men­te ave­va fun­zio­na­to, è sta­ta ac­can­to­na­ta per il re­fe­ren­dum del 4 di­cem­bre, ro­vi­no­sa­men­te per­so.

«È cam­bia­ta la se­gre­te­ria na­zio­na­le e il pro­get­to è sta­to ac­can­to­na­to. E co­sì sia­mo pas­sa­ti dal mes­sag­gio vin­cen­te “tut­ti per tut­ti” all’”uno con­tro tut­ti”. Ma le ra­gio­ni del­la scon­fit­ta so­no mol­te­pli­ci». Chi so­no i po­pu­li­sti og­gi? «So­no Le Pen, Sal­vi­ni, il Mo­vi­men­to 5 Stelle che agi­ta­no le pau­re, non la spe­ran­za e la fi­du­cia. E re­sta­no una mi­nac­cia». Cos’è de Ma­gi­stris? «Un po­pu­li­sta di si­ni­stra: ri­co­no­sce il rap­por­to di­ret­to con il po­po­lo na­po­le­ta­no e si sen­te a ca­po di que­sto po­po­lo con­tro i po­te­ri for­ti. È mol­to bra­vo a rac­con­tar­la, ma ci sa­reb­be mol­to da di­scu­te­re sul­le sue po­li­ti­che».

E Bas­so­li­no? Che si sen­te sem­pre più lon­ta­no dal Pd?

«Ha at­tra­ver­sa­to un al­tro tem­po po­li­ti­co, è sta­to un ri­for­mi­sta di si­ni­stra, il suo er­ro­re è che non ha pro­va­to a fa­re un sal­to na­zio­na­le».

Ve­ra­men­te ha avu­to pa­rec­chi ba­sto­ni tra le ruo­te.

«Bas­so­li­no og­gi è un pa­dre no­bi­le che cer­ca di spro­na­re, ma non è un pro­ta­go­ni­sta po­li­ti­co di que­sto tem­po. Lo guar­de­rei con l’oc­chio del­lo sto­ri­co, non del­la cro­na­ca. Ab­bia­mo per­so e ha per­so mil­le oc­ca­sio­ni. Ma in­ter­na­zio­na­liz­za­re la cit­tà at­tra­ver­so l’ar­te è la co­sa più sag­gia e in­tel­li­gen­te che sia sta­ta fat­ta a Na­po­li. De Ma­gi­stris sta ten­tan­do di emu­lar­lo. Ma Na­po­li sta tro­van­do una sua cen­tra­li­tà nel­la pro­du­zio­ne dell’ar­te sen­za il con­trol­lo di nes­su­no, sen­za in­di­riz­zo. Con­ti­nuo a pen­sa­re che la po­li­ti­ca deb­ba da­re un sen­so di vi­sio­ne del­la cit­tà. I da­ti da so­li non ba­sta­no per­ché ce la pos­sia­mo rac­con­ta­re co­me vo­glia­mo. Il te­ma non è di­re ab­bia­mo il 2,4 per cen­to di Pil in più, ma è rac­con­ta­re co­me que­sto 2 per cen­to sia pro­iet­ta­to nel fu­tu­ro. Chi fa que­sto vin­ce­rà a Na­po­li le pros­si­me ele­zio­ni».

Che fa smet­te i pan­ni del co­mu­ni­ca­to­re e tor­na po­li­ti­co?

«Il mio so­gno è da­re una ma­no a que­sta cit­tà. Non si­gni­fi­ca che vo­glio fa­re il sin­da­co. Né am­maz­ze­rei per fa­re il par­la­men­ta­re. Di cer­to, pe­rò, que­sto li­bro non è un ad­dio al­la po­li­ti­ca».

Il M5S agi­ta le pau­re, non la spe­ran­za e la fi­du­cia Re­sta una mi­nac­cia

Fran­ce­sco Nicodemo Co­mu­ni­ca­to­re pri­ma per Ren­zi poi per Gen­ti­lo­ni e po­li­ti­co dem, ha pub­bli­ca­to il suo pri­mo sag­gio Il cam­bia­men­to L’idea di ri­mo­du­la­re il par­ti­to co­me re­te di reti con i com­mu­ni­ty or­ga­ni­zer, fi­gu­ra di­ver­sa ri­spet­to al vec­chio se­gre­ta­rio, sta nel­la mo­zio­ne Ren­zi L’ex go­ver­na­to­re Bas­so­li­no ha at­tra­ver­sa­to un al­tro tem­po po­li­ti­co, è sta­to un ri­for­mi­sta di si­ni­stra, il suo er­ro­re è che non ha pro­va­to a fa­re un sal­to na­zio­na­le

Il li­bro Sa­rà pre­sen­ta­to og­gi al Riot

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.