Papaleo al Tria­non: «Rac­con­to Lui­gi Tenco ine­di­to E lo fac­cio a Na­po­li che per noi del Sud è la Mec­ca»

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Tempo Libero - Car­mi­ne Ay­mo­ne

«Il sen­so è quel­lo di ce­le­bra­re e ap­pro­fon­di­re l’ope­ra di que­sto gran­de pen­sa­to­re pri­ma che can­tau­to­re, sui­ci­da non an­co­ra tren­ten­ne. L’idea è quel­la di rac­con­ta­re an­che un Lui­gi Tenco me­no no­to. C’è tut­ta una par­te del suo es­se­re uo­mo e ar­ti­sta che io stes­so igno­ra­vo pur es­sen­do suo fan». Roc­co Papaleo è il pro­ta­go­ni­sta di «For­se non sa­rà do­ma­ni. La vi­ta e le ope­re di Lui­gi Tenco in do­di­ci qua­dri», in sce­na do­ma­ni al Tria­non per il Na­po­li Tea­tro Fe­sti­val. «Na­po­li ac­co­glie­rà que­sta pri­ma na­zio­na­le e per me è un gran­de ono­re. Que­sta cit­tà per uno del Sud è la Mec­ca. Qui è na­to qua­si tut­to. Per me è la­vo­ro, ven­go pa­ga­to per far­lo, ma met­ter­lo in sce­na a Na­po­li ren­de il tut­to mol­to più sen­ti­men­ta­le». Il rac­con­to si sno­da at­tra­ver­so die­ci sce­ne in­cor­ni­cia­te da un pro­lo­go e un epi­lo­go; ognu­na di es­se ri­man­da a un ti­to­lo di una can­zo­ne ri­flet­ten­do un aspetto del­la per­so­na­li­tà di Tenco: la po­si­zio­ne po­li­ti­ca, l’amo­re, le idee sul ma­tri­mo­nio e sul­la guer­ra, il rap­por­to con la ma­dre e quel­lo tor­men­ta­to con l’in­du­stria di­sco­gra­fi­ca, l’an­ti­con­for­mi­smo e la tra­ge­dia di San­re­mo di cin­quant’an­ni fa. «Mi ca­le­rò in pri­ma per­so­na nel du­pli­ce ruo­lo di at­to­re e can­tan­te. È la pri­ma vol­ta che in­ter­pre­to bra­ni non miei. Can­to im­me­ri­ta­ta­men­te per­ché non si è tro­va­to al­tro. So­no da sem­pre le­ga­to al­la fi­gu­ra di Tenco. Quan­do si spa­rò all’Ho­tel Sa­voy di San­re­mo do­po es­ser sta­to eli­mi­na­to dal Fe­sti­val ave­vo no­ve an­ni ma già co­no­sce­vo la sua can­zo­ne ‘Un gior­no do­po l’al­tro’ per­ché era la si­gla del­lo sce­neg­gia­to te­le­vi­si­vo Rai ‘Le inchieste del com­mis­sa­rio Mai­gret’». Tenco era mol­to le­ga­to a Na­po­li, suo­na­va spes­so il sax al­lo Sha­ker night club di Mer­gel­li­na; un rap­por­to il suo con la cit­tà che in­fluen­zò an­che i suoi gio­va­ni mu­si­ci­sti tra cui Pi­no Da­nie­le che va­rie vol­te ha di­chia­ra­to di aver com­po­sto i bra­ni dell’al­bum «Ter­ra mia»,con l’am­bi­zio­ne di «scri­ve­re can­zo­ni co­me Lui­gi Tenco». “Al­la so­glia dei ses­sant’an­ni – con­clu­de Papaleo – que­sta per me è an­che un’oc­ca­sio­ne per fa­re un per­cor­so a ri­tro­so e guar­da­re avan­ti. Spe­ro di es­ser­ne all’al­tez­za». La scrit­tu­ra è di Ste­fa­no Va­lan­zuo­lo con le mu­si­che ori­gi­na­li del can­tau­to­re rie­la­bo­ra­te da Ro­ber­to Mo­li­nel­li ed ese­gui­te da Ar­tu­ro Va­lian­te (pia­no­for­te), Gue­ri­no Ron­do­lo­ne (con­trab­bas­so), Da­vi­de Sa­va­re­se (bat­te­ria e per­cus­sio­ni), Mar­co Sann­ni­ni (trom­ba).

Can­tan­te at­to­re Roc­co Papaleo sa­rà in sce­na al Tria­non

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.