«Ca­fie­ro è un mae­stro, ma qui me­glio Me­lil­lo»

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Da Prima Pagina - Di Tit­ti Be­ne­du­ce

«Avol­te le scel­te isti­tu­zio­na­li de­vo­no pre­va­le­re sui rap­por­ti per­so­na­li. Non è sta­to per nul­la fa­ci­le. Pur sti­man­do mol­tis­si­mo Fe­de­ri­co Ca­fie­ro, che è un ma­gi­stra­to straor­di­na­rio, ho ri­te­nu­to che Gian­ni Me­lil­lo, per le sue plu­ri­me espe­rien­ze, fos­se più adat­to in que­sto mo­men­to a ri­lan­cia­re la Pro­cu­ra più gran­de d’Ita­lia». Co­sì An­to­nel­lo Ardituro, con­si­glie­re del Csm, spie­ga il suo vo­to per il neo elet­to pro­cu­ra­to­re di Na­po­li.

NA­PO­LI C’è chi lo ha vi­sto emo­zio­na­to e pro­va­to in ple­num gio­ve­dì scor­so: An­to­nel­lo Ardituro, a lun­go pm del­la Dda di Na­po­li e ora con­si­glie­re del Csm, è sta­to per an­ni uno stret­to col­la­bo­ra­to­re, ol­tre che un ami­co, di Fe­de­ri­co Ca­fie­ro de Ra­ho, scon­fit­to da Gio­van­ni Me­lil­lo nel­la com­pe­ti­zio­ne per l’in­ca­ri­co di pro­cu­ra­to­re. En­tram­bi han­no con­tri­bui­to a sman­tel­la­re il clan dei ca­sa­le­si con ope­ra­zio­ni di­ven­ta­te sto­ri­che. Ep­pu­re Ardituro ha vo­ta­to per Me­lil­lo.

Con­si­glie­re Ardituro, la sua scel­ta ha stu­pi­to mol­ti.

«A vol­te le scel­te isti­tu­zio­na­li de­vo­no pre­va­le­re sui rap­por­ti per­so­na­li. Non è sta­to per nul­la fa­ci­le. Pur sti­man­do mol­tis­si­mo Fe­de­ri­co, che è un ma­gi­stra­to straor­di­na­rio, ho ri­te­nu­to che Me­lil­lo, per le sue plu­ri­me espe­rien­ze, fos­se più adat­to in que­sto mo­men­to a ri­lan­cia­re la Pro­cu­ra più gran­de d’Ita­lia. Una Pro­cu­ra che, no­no­stan­te il la­vo­ro en­co­mia­bi­le dei ma­gi­stra­ti che la com­pon­go­no, è si­cu­ra­men­te in af­fan­no, per i gran­di ca­ri­chi di la­vo­ro e la scar­sez­za del­le ri­sor­se a di­spo­si­zio­ne per far fron­te al­la enor­me do­man­da di giu­sti­zia che vie­ne dal­le no­stre ter­re».

Sul­la scel­ta ha in­flui­to an­che l’età dei can­di­da­ti?

«In par­te. Ca­fie­ro tra po­co più di quat­tro an­ni an­drà in pen­sio­ne. Me­lil­lo, in­ve­ce, può ga­ran­ti­re una di­ri­gen­za più di­na­mi­ca e di più lun­go re­spi­ro. Può pro­gram­ma­re un la­vo­ro a me­dio e a lun­go ter­mi­ne».

Qua­le dev’es­se­re a suo giu­di­zio l’obiet­ti­vo del nuo­vo pro­cu­ra­to­re?

«Cre­do che l’uf­fi­cio ab­bia bi­so­gno di re­pe­ri­re ri­sor­se, in­ve­sti­re sull’in­no­va­zio­ne, met­te­re in cam­po ini­zia­ti­ve vol­te a mi­glio­ra­re la qua­li­tà del la­vo­ro e del­le in­da­gi­ni, e pro­por­si con una nuo­va au­to­re­vo­lez­za nel pa­no­ra­ma giu­di­zia­rio ita­lia­no».

C’è chi ha det­to che la no­mi­na di Me­lil­lo equi­va­le a una nor­ma­liz­za­zio­ne del­la Pro­cu­ra di Na­po­li: men­tre Woo­d­cock in­da­ga su Ro­meo, l’ex ca­po di ga­bi­net­to di Or­lan­do di­ven­ta ca­po dell’uf­fi­cio.

«Que­sta è una sug­ge­stio­ne su­per­fi­cia­le che va con­te­sta­ta. L’in­chie­sta Con­sip è a Ro­ma, Na­po­li con­ti­nua ad in­da­ga­re su­gli ap­pal­ti del Car­da­rel­li. Me­lil­lo è per­so­na dal­la in­di­pen­den­za cri­stal­li­na. Ed è pre­ce­du­to a Na­po­li da una fa­ma di per­so­na ri­go­ro­sa ed una­ni­me­men­te ap­prez­za­ta. Sa­prà met­te­re in giu­sto col­le­ga­men­to l’uf­fi­cio con l’opi­nio­ne pub­bli­ca. Ri­ven­di­co la scel­ta del pro­cu­ra­to­re, che è sta­ta fat­ta con fred­dez­za e re­spon­sa­bi­li­tà. Inol­tre non va di­men­ti­ca­to un da­to: Ca­fie­ro ave­va pro­ble­mi di in­com­pa­ti­bi­li­tà pa­ren­ta­le che, per leg­ge e per le di­spo­si­zio­ni con­si­lia­ri, in­ci­de­va­no sul­la sua no­mi­na».

È sta­to scrit­to che que­sta era una par­ti­ta dop­pia: c’era da no­mi­na­re il ca­po del­la Pro­cu­ra di Na­po­li, ma re­sta da sce­glie­re quel­lo del­la Di­re­zio­ne na­zio­na­le an­ti­ma­fia. È pos­si­bi­le im­ma­gi­na­re che Fe­de­ri­co Ca­fie­ro sia il suc­ces­so­re di Fran­co Ro­ber­ti?

«Ho det­to in ple­num che Ca­fie­ro è uno straor­di­na­rio ma­gi­stra­to an­ti­ma­fia, a cui de­ve an­da­re ap­prez­za­men­to, ri­spet­to e ri­co­no­scen­za; ha le car­te in re­go­la per pun­ta­re a quel pre­sti­gio­so in­ca­ri­co».

Me­lil­lo è più gio­va­ne e può ga­ran­ti­re una di­ri­gen­za più di­na­mi­ca e di lun­go re­spi­ro

Chi è

An­to­nel­lo Ardituro è un com­po­nen­te del Csm che gio­ve­dì scor­so ha vo­ta­to per Gio­van­ni Me­lil­lo. Ne­gli an­ni scor­si ha fat­to par­te del pool di ma­gi­stra­ti che in­da­ga­no sui cri­mi­ni del clan dei ca­sa­le­si: un pool coor­di­na­to da Fe­de­ri­co Ca­fie­ro de Ra­ho, l’av­ver­sa­rio di Me­lil­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.