Vio­la d’amo­re

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Da Prima Pagina - Di Ester Vio­la

Ca­ra Ester,

mi chia­mo Sil­via, vi­vo a Ro­ma, sto stu­dian­do per l’abi­li­ta­zio­ne pro­fes­sio­na­le. Non so be­ne da do­ve co­min­cia­re, ma ar­ri­va­ta a que­sto pun­to non ser­vo­no mol­ti par­ti­co­la­ri per rac­con­tar­ti tut­to. Lui si chia­ma G. e quan­do l’an­no scor­so l’ho in­con­tra­to mi sem­brò il clas­si­co uo­mo che era trop­po bel­lo per es­se­re ve­ro. Non gio­va­nis­si­mo ma nem­me­no ab­bia­mo una dif­fe­ren­za di età che ren­de la re­la­zio­ne im­pos­si­bi­le, è un im­pren­di­to­re ab­ba­stan­za co­no­sciu­to, per nien­te ma­le d’aspet­to, mol­to in­tel­li­gen­te e ha dav­ve­ro bei mo­di. Ha ini­zia­to a fa­re per me del­le co­se che nes­su­no ave­va mai fat­to. Mi sor­pren­de­vo dei ge­sti di at­ten­zio­ne. For­se è l’età, non lo so, op­pu­re sem­pli­ce­men­te l’edu­ca­zio­ne, pe­rò mi ci tro­vo dav­ve­ro be­ne. An­da­va tut­to in mo­do per­fet­to, an­che per­ché lui par­la­va di un fu­tu­ro in­sie­me. Poi, qual­che set­ti­ma­na fa, sco­pro che ve­de un’al­tra ra­gaz­za leg­gen­do al­cu­ni mes­sag­gi sul te­le­fo­no che lui ave­va di­men­ti­ca­to, al­me­no è quel­lo che ca­pi­sco io per­ché so­no mes­sag­gi am­bi­gui. Ades­so sto ma­lis­si­mo, ma con lui fin­go che sia tut­to co­me pri­ma. Non l’ho af­fron­ta­to e non gli ho det­to nien­te. Non so­no una stu­pi­da, cre­di­mi, è so­lo che vor­rei pri­ma ca­pi­re. Per­ché non ce la fac­cio, un po’ per­ché so­no in­na­mo­ra­ta e poi per­ché ho sem­pre il dub­bio di sba­gliar­mi. Non mi man­ca­no al­tri ra­gaz­zi con cui usci­re, ma mi sem­bra­no co­sì in­fan­ti­li, co­sì sba­glia­ti per me. E se stes­si ro­vi­nan­do tut­to io con le mie ma­ni? Se non fos­se co­me cre­do? Op­pu­re so­no dav­ve­ro una stu­pi­da.

Sil­via

Ca­ra Sil­via,

t’ac­cor­gi che è amo­re quan­do ini­zi a chie­der­ti se dav­ve­ro esi­ste­vi an­che in una vi­ta pre­ce­den­te, sen­za una cer­ta per­so­na. Non rie­sci più a im­ma­gi­nar­ti al­tro­ve, co­me se un’iden­ti­ca fe­li­ci­tà fos­se ir­ri­pro­du­ci­bi­le, no­no­stan­te la co­sa non sia te­sti­mo­nia­ta da pro­ve cla­mo­ro­se. Il tem­po di pri­ma e qual­sia­si fu­tu­ro non sem­bra­no più in­te­ri. Amo­re è il de­si­de­rio in­tol­le­ra­bi­le di ri­pe­te­re. Sta nel con­vin­cer­si che un in­di­vi­duo, l’elet­to (da noi), sia ar­ri­va­to ap­po­sta per ag­giun­ge­re qua­li­tà al­le no­stre gior­na­te e du­ra­re. Quel che man­ca­va per far­ci la vi­ta per­fet­ta ce l’ave­va lui in ta­sca. In real­tà nien­te du­ra e nes­su­no ci cam­bia nien­te, a par­te lo sta­to d’ani­mo. Il più del­le vol­te ci s’in­na­mo­ra per di­stra­zio­ne. Da in­na­mo­ra­to la­vo­ri do­di­ci ore e non te ne ac­cor­gi. Io, da in­na­mo­ra­ta, non sen­to nean­che il cal­do. Ognu­no ha la sua sce­men­za da rac­con­ta­re, quan­do si trat­ta di amo­ri fe­li­ci. Quan­do fi­ni­sce, si­pa­rio di tra­ge­dia: pro­cla­mia­mo in­com­pa­ti­bi­li­tà con tut­ti gli al­tri uma­ni, si smet­te di vi­ve­re, in­tor­no è vuo­to. Il teo­re­ma di Pi­ta­go­ra di tut­ta la fac­cen­da è que­sto: ve­ne­ra­re l’as­sen­za di­ven­ta un im­pe­gno pre­ci­so, quin­di qual­sia­si al­tra pre­sen­za si de­te­sta. Quan­do t’in­na­mo­ri stai chie­den­do più o me­no al­la vi­ta di fa­re un’ec­ce­zio­ne: fer­mar­si. Che sia sta­to bel­lo pri­ma, o a un cer­to pun­to, non t’im­por­ta, non ba­sta. A te ser­ve un pre­sen­te ten­den­te a in­fi­ni­to. L’amo­re chie­de una con­clu­sio­ne, non gli in­te­res­sa il viag­gio: tut­to è me­ta. All’ini­zio è una te­le­fo­na­ta, poi un anel­lo, al­la fi­ne i fi­gli. È il li­mi­te mi­ni­mo del­la ba­na­li­tà: ogni pro­gres­so è so­lo un al­tro ti­to­lo per pre­ten­de­re, in con­ti­nua­zio­ne. Fos­si­mo ca­pa­ci di im­par­zia­li­tà di giu­di­zio, sa­reb­be tut­to fa­ci­le. Ma la spie­ga­zio­ne de­gli amo­ri che fi­ni­sco­no sem­bra sem­pre ov­via, fin­ché so­no quel­li de­gli al­tri. «La sem­pli­ci­tà non è mai co­sì sem­pli­ce» scri­ve Phi­lip Ro­th «E se esi­ste qual­co­sa di peg­gio del far­si do­man­de trop­po pre­sto nel­la vi­ta, è far­se­le trop­po tar­di». La fe­li­ci­tà sta­reb­be nel non far­se­le af­fat­to, ma chi ci rie­sce? Sia­mo tut­ti qui a chie­der­ci qual­co­sa, ogni mi­nu­to, sen­za tre­gua. Tut­to il per­mis­si­bi­le si per­met­te, tut­to il per­do­na­bi­le si per­do­na: si­gno­ri, l’amo­re.

Un nuo­vo aguz­zi­no ar­ri­va sem­pre

Ca­ra Ester,

so­no L., ho 27 an­ni. Fi­no a og­gi so­no pas­sa­ta per cin­que o sei re­la­zio­ni che se le met­to in­sie­me non ar­ri­vo a un an­no pas­sa­to tran­quil­la. Ho avu­to so­lo sto­rie in cui con il lui di tur­no ci si sen­ti­va a spez­zo­ni, o per­ché già im­pe­gna­to o so­lo per­ché era ov­via­men­te uno stron­zo. Poi c’era quel­lo che non si vo­le­va im­pe­gna­re, quell’al­tro trop­po fra­gi­le, chi era anaf­fet­ti­vo e chi sem­pli­ce­men­te non mi tro­va­va ab­ba­stan­za per lui. E io in mez­zo sem­pre a sof­fri­re co­me un ca­ne. Poi ar­ri­va lui, G. che sem­bra­va di­ver­so da­gli al­tri. Co­min­cia­mo a fre­quen­tar­ci, ci tro­via­mo be­ne, stia­mo spes­so in­sie­me. Fi­la­va tut­to li­scio, qual­co­sa mi di­ce­va che po­te­va es­se­re di­ver­so. E in­ve­ce di nuo­vo la stes­sa co­sa, se ne è an­da­to sen­za dir­mi una pa­ro­la, non mi ri­spon­de nem­me­no. Non so più che fa­re, co­min­cio ad ave­re pau­ra che per me sia im­pos­si­bi­le.

L.

Ca­ra L.,

chis­sà se va dav­ve­ro co­me sem­bra o è que­stio­ne di ca­rat­te­ri, se ci so­no quel­li (po­chi) che s’in­na­mo­ra­no be­ne e al­tri che sem­pli­ce­men­te in­con­tra­no l’aguz­zi­no nuo­vo. Pro­ba­bi­le che in­ve­ce sia que­stio­ne di nu­me­ri scar­si, co­me sem­pre. Cioè l’amo­re è un mi­ra­co­lo, nel sen­so di «quan­do fun­zio­na». Per i mi­glio­ri ri­sul­ta­ti, o al­me­no per con­trol­la­re l’evo­lu­zio­ne del­le co­se, si trat­te­reb­be di au­toim­por­si un at­teg­gia­men­to co­scien­zio­so e sgra­de­vo­le. Re­sta­re acu­ti nei giu­di­zi. Ma an­che a vo­ler­si da­re un or­di­ne mar­zia­le, il mar­gi­ne d’azio­ne non sa­reb­be no­te­vo­lis­si­mo: sai che è amo­re quan­do non rie­sci nem­me­no a non scri­ve­re un mes­sag­gio. L’in­na­mo­ra­to per­de au­to­ri­tà pu­re sul­le sue ma­ni. Un po’ di pau­ra, quin­di, è il mi­ni­mo. «Im­pec­ca­bi­le» è il ve­sti­to di quan­do non t’im­por­ta: la par­te mi­glio­re di te se la pren­de­ran­no sem­pre quel­li che non vuoi. Una buo­na tec­ni­ca per non soc­com­be­re al «non so co­me com­por­tar­mi» è chie­der­si, ogni vol­ta: «Che fa­rei, se non mi pia­ces­se?». In­som­ma an­ghe­rie a se stes­si, re­pri­mer­si tut­to il tem­po. E non va­le la pe­na. La pau­ra te­mo si com­por­ti co­me l’or­go­glio, L., non ci so­no so­lu­zio­ni, ce l’hai e te la tie­ni: «È co­me una don­na mo­struo­sa, e tu te la sei spo­sa­ta. For­se è an­co­ra me­glio fi­ni­re per amar­la un po’ in­ve­ce di dan­nar­si a pic­chiar­la tut­ta la vi­ta. Per­ché è chia­ro che non la puoi ac­cop­pa­re», scri­ve­va Cé­li­ne, che ha un cer­to ta­len­to ad ac­car­toc­cia­re una tra­ge­dia in una fra­se a sco­po te­ra­peu­ti­co, fin­ché non fa so­lo ri­de­re. Di buo­no c’è che nes­sun de­sti­no con­di­vi­so de­ve far sof­fri­re trop­po. Sei in buo­na com­pa­gnia, c’è tut­to l’uni­ver­so, da Ja­ne Au­sten ad An­ge­li­na Jo­lie a sba­glia­re sem­pre i con­ti, quan­do si trat­ta di sen­ti­men­ti. L’amo­re ci odia im­par­zial­men­te, tut­ti.

Ta­ma­ra de Lem­pic­ka L’ope­ra «Il ba­cio»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.