Mar­co D’Amo­re: io, dal Ci­ro di «Go­mor­ra» in tv a ‘o pru­fes­so­re di «Ame­ri­can Buf­fa­lo» a tea­tro

L’at­to­re ha pre­sen­ta­to la ter­za se­rie te­le­vi­si­va di Go­mor­ra: «Ma ci sa­ran­no an­che la quar­ta e la quin­ta Non ab­bia­mo la pre­sun­zio­ne di rap­pre­sen­ta­re lo sguar­do ge­ne­ra­le su una real­tà co­me la no­stra» Da sta­se­ra è re­gi­sta e pro­ta­go­ni­sta di «Ame­ri­can Buf­fa­lo»

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - Da Prima Pagina - di Ste­fa­no de Ste­fa­no

For­se nean­che Ci­ro Di Mar­zio det­to l’Im­mor­ta­le, l’ica­sti­co personaggio di «Go­mor­ra» che tan­ta po­po­la­ri­tà ha da­to a Mar­co D’Amo­re, avreb­be im­ma­gi­na­to di ri­tro­var­si in una due gior­ni co­sì fre­ne­ti­ca. In so­le 48 ore, la pre­sen­ta­zio­ne na­zio­na­le del­la nuo­va se­rie del film tv di Sky ie­ri e il de­but­to tea­tra­le di «Ame­ri­can Buf­fa­lo», sta­se­ra al­le 21 al Bel­li­ni. «Ho do­vu­to fa­re gli straor­di­na­ri – con­fes­sa l’at­to­re e re­gi­sta – ma so­no con­ten­to del­la nuo­va edi­zio­ne di “Go­mor­ra” e di por­ta­re in sce­na l’al­tro Mar­co D’Amo­re, quel­lo tea­tra­le, che sor­pren­de­rà il pub­bli­co».

Ma il personaggio di Ci­ro, che ha re­ga­la­to un suc­ces­so che va ol­tre i con­fi­ni na­zio­na­li, non ri­schia di schiac­cia­re l’at­to­re so­lo su quell’im­ma­gi­ne? «Non ho mai sof­fer­to que­sto pro­ble­ma, “Go­mor­ra” in ter­mi­ni pro­fes­sio­na­li mi sta dan­do mol­tis­si­mo, sen­za im­pe­dir­mi di la­vo­ra­re an­che in tea­tro, nel mon­do in cui mi so­no for­ma­to. So che i pro­dut­to­ri han­no già pre­vi­sto la quar­ta e la quin­ta se­rie, e que­sto non può che far­mi pia­ce­re».

An­che sul­le cri­ti­che sca­te­na­te­si in pas­sa­to sul ruo­lo ne­ga­ti­vo che la se­rie tv può ave­re sull’im­ma­gi­ne del­la cit­tà, Mar­co ha le idee chia­re. «A Na­po­li con­vi­vo­no tan­ti mon­di. “Go­mor­ra” è uno di que­sti, il pun­to di vi­sta del­la ca­mor­ra. È mol­to for­te, ma è so­lo un pun­to di vi­sta e non ha la pre­sun­zio­ne di rap­pre­sen­ta­re uno sguar­do ge­ne­ra­le su una real­tà co­sì com­ples­sa co­me la no­stra. Que­st’an­no, per esem­pio, ve­dre­te un’al­tra “Go­mor­ra”, che la­scia le pe­ri­fe­rie de­gra­da­te ed en­tra nel cen­tro cit­ta­di­no». E Ci­ro, in Bul­ga­ria? «Ci­ro è mol­to più stan­co - di­ce D’Amo­re -, con la bar­ba lun­ga e la bel­lez­za sfron­ta­ta co­me sfio­ri­ta. Una bel­lis­si­ma can­zo­ne di Lu­cio Dal­la di­ce che an­da­re lon­ta­no è co­me mo­ri­re: la fu­ga del personaggio na­sce pro­prio dal­la vo­glia di but­tar­si tut­to al­le spal­le. Ma il pas­sa­to non si can­cel­la».

Sta­se­ra, in­ve­ce, il pub­bli­co del Bel­li­ni tro­ve­rà l’at­to­re na­po­le­ta­no nel ruo­lo di “’o pru­fes­so­re”, che nel­la ver­sio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca del te­sto di Ma­met è sta­to di un cer­to Du­stin Hof­f­man. Il plot par­la di Do­na­to (To­ni­no Ta­iu­ti) pro­prie­ta­rio di una «pu­te­ca» che ha una pas­sio­ne per le co­se ame­ri­ca­ne. E vor­reb­be or­ga­niz­za­re un «col­po» per re­cu­pe­ra­re un ni­che­li­no (l’Ame­ri­can Buf­fa­lo del ti­to­lo) al col­le­zio­ni­sta al qua­le l’ave­va ven­du­to, pri­ma di co­no­sce­re il suo va­lo­re. Im­pre­sa in cui coin­vol­ge­re Rob­bi (Vin­cen­zo Ne­mo­la­to), e un com­pa­gno di po­ker, di­sa­dat­ta­to e ai li­mi­ti del­la psi­co­si, af­fi­da­to pro­prio a Mar­co.

«Mi di­ver­te mol­to que­sto spiaz­za­men­to – con­ti­nua D’Amo­re – e gli spet­ta­to­ri ri­mar­ran­no col­pi­ti nel ve­der­mi co­sì, co­me un po­ve­ro reiet­to, con po­chi ca­pel­li, lun­ghi e in­col­ti, che of­fro­no di me un’im­ma­gi­ne ab­bru­ti­ta. Ave­vo già vi­sto il film, ma quan­do Lu­ca Bar­ba­re­schi mi ha pro­po­sto la sua tra­du­zio­ne ita­lia­na, nell’ac­cet­ta­re la re­gia ho pen­sa­to su­bi­to di tra­sfe­ri­re la vi­cen­da a Na­po­li, per ren­der­la più ve­ra, ri­cor­dan­do al­cu­ni ti­pi in­con­tra­ti nel­la mia ado­le­scen­za: ri­gat­tie­ri, ven­di­to­ri am­bu­lan­ti, im­bo­ni­to­ri. Un va­sto re­per­to­rio di fi­gu­re “bor­der li­ne”, uti­li per co­strui­re il mio al­le­sti­men­to». E c’è poi la que­stio­ne del­la lin­gua. «Cre­do che il na­po­le­ta­no sia l’uni­ca ve­ra lin­gua tea­tra­le che ab­bia­mo in Ita­lia. Ho scel­to co­sì di af­fi­da­re la ri­scrit­tu­ra a Mau­ri­zio de Gio­van­ni, che è sta­to bra­vo a mo­di­fi­ca­re il mo­do di espri­mer­si a se­con­da dei per­so­nag­gi, del­le lo­ro età, dei lo­ro back­ground».

In­fi­ne il fu­tu­ro. «A tea­tro – con­clu­de D’Amo­re – mi pia­ce­reb­be mol­to af­fron­ta­re una tra­ge­dia clas­si­ca al fem­mi­ni­le, in par­ti­co­la­re “Fe­dra”, per quan­to ri­guar­da in­ve­ce il ci­ne­ma è an­co­ra su­gli scher­mi “Brut­ti e Cat­ti­vi” men­tre il pros­si­mo sa­rà “Dri­ve me ho­me», un viag­gio dal Bel­gio al­la Si­ci­lia, ope­ra pri­ma di Si­mo­ne Ca­ta­nia».

Il «viag­gio» La fu­ga in Bul­ga­ria del mio personaggio in tv na­sce dal­la vo­glia di but­tar­si tut­to al­le spal­le

Il cam­bio di look Gli spet­ta­to­ri a tea­tro sa­ran­no col­pi­ti nel ve­der­mi un reiet­to, con i ca­pel­li lun­ghi e in­col­ti

Il de­si­de­rio Mi pia­ce­reb­be mol­to af­fron­ta­re una tra­ge­dia clas­si­ca al fem­mi­ni­le, in par­ti­co­la­re “Fe­dra”

In sce­na Mar­co D’Amo­re, co­me si ve­drà da sta­se­ra sul pal­co del Bel­li­ni, im­brut­ti­to per esi­gen­ze sce­ni­che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.