Par­cheg­gia­to­re, con­dan­na so­spe­sa se la­vo­ra gra­tis per il Co­mu­ne

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - F. Pos.

NA­PO­LI È sta­to con­dan­na­to a die­ci me­si di re­clu­sio­ne per­ché ha spin­to­na­to un ca­ra­bi­nie­re du­ran­te un con­trol­lo. La pe­na sa­rà pe­rò so­spe­sa. Sem­pre che la­vo­ri gra­tis per il Co­mu­ne di Na­po­li per gli stes­si me­si che avreb­be do­vu­to scon­ta­re in car­ce­re o agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri.

È que­sta la de­ci­sio­ne del giu­di­ce del Tri­bu­na­le di Na­po­li che ie­ri mat­ti­na ha giu­di­ca­to un par­cheg­gia­to­re abu­si­vo par­te­no­peo che per non es­se­re iden­ti­fi­ca­to ha det­to di non ave­re i do­cu­men­ti nel por­ta­fo­gli e spin­to­na­to un mi­li­ta­re dell’Ar­ma. «La­vo­ra­va» all’ospe­da­le Car­da­rel­li ed era un vol­to già no­to al­le for­ze dell’or­di­ne. In­fat­ti i ca­ra­bi­nie­ri del nu­cleo ra­dio­mo­bi­le del re­par­to ope­ra­ti­vo di Na­po­li quan­do lo han­no vi­sto si so­no im­me­dia­ta­men­te fer­ma­ti. Sal­va­to­re Ter­rac­cia­no, 34 an­ni, sta­va in quel mo­men­to par­cheg­gian­do un’au­to che gli era sta­ta af­fi­da­ta da un fa­mi­lia­re di un pa­zien­te che era ri­co­ve­ra­to in ospe­da­le. I ca­ra­bi­nie­ri al­lo­ra gli han­no chie­sto un do­cu­men­to e lui ha ri­fiu­ta­to di con­se­gnar­lo, spie­gan­do che per la fret­ta lo ave­va la­scia­to a ca­sa, in quan­to ave­va ac­com­pa­gna­to la mam­ma al pron­to soc­cor­so.

I ca­ra­bi­nie­ri han­no cer­ca­to trac­ce di quel­la don­na che chia­ra­men­te non c’era. Non so­lo, per­ché han­no sco­per­to che quell’uo­mo era già de­sti­na­ta­rio di un prov­ve­di­men­to am­mi­ni­stra­ti­vo di Da­cur, il Da­spo ur­ba­no, ov­ve­ro l’ob­bli­go di al­lon­ta­na­men­to da un de­ter­mi­na­to quar­tie­re o cit­tà. A quel pun­to Ter­rac­cia­no, aven­do ca­pi­to che non ave­va via d’usci­ta, ha ini­zia­to a in­sul­ta­re i ca­ra­bi­nie­ri che con san­gue fred­do lo han­no ri­por­ta­to al­la cal­ma, ma a lui non ba­sta­va e co­sì ha ag­gre­di­to uno di lo­ro. A quel pun­to è sta­to ar­re­sta­to. Il giu­di­ce lo ha con­dan­na­to per re­si­sten­za a 10 me­si ma so­spe­so la pe­na in via su­bor­di­na­ta. A co­sa? La­vo­ra­re gra­tis per il Co­mu­ne di Na­po­li. La pa­ro­la adesso spet­ta a Pa­laz­zo San Gia­co­mo che nel gi­ro di po­chi gior­ni do­vrà sta­bi­li­re la man­sio­ne mi­glio­re per Ter­rac­cia­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.