Un al­tro gior­na­li­sta del Me­ri­dio­ne che com­bat­te i clan

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - DA PRIMA PAGINA - Di Mat­teo Co­sen­za

Mi­che­le Al­ba­ne­se vi­ve sot­to scor­ta. In un po­me­rig­gio di sei an­ni fa gli te­le­fo­na­ro­no dal­la Po­li­zia e gli in­ti­ma­ro­no di re­car­si im­me­dia­ta­men­te in Com­mis­sa­ria­to.

Da una ci­mi­ce po­sta in un’au­to ave­va­no ap­pe­na in­ter­cet­ta­to la te­le­fo­na­ta di due ba­star­di che par­la­va­no dell’or­di­ne di am­maz­zar­lo ri­ce­vu­to dal lo­ro ca­po ‘ndri­na un la­ti­tan­te che de­va­sta­va quel co­mu­ne e le aree cir­co­stan­ti del­la Pia­na di Gioia Tau­ro. Im­me­dia­ta la de­ci­sio­ne di as­se­gnar­li la scor­ta e da quel mo­men­to la sua vi­ta non è sta­ta più la stes­sa.

Al­ba­ne­se è un gior­na­li­sta che vie­ne da lon­ta­no, dal­la mi­li­tan­za gio­va­ni­le ne­gli am­bien­ti cat­to­li­ci, una bre­ve fre­quen­ta­zio­ne di Co­mu­nio­ne e Li­be­ra­zio­ne, e poi la profession­e del­la sua vi­ta. Me­ti­co­lo­so, pre­ci­so, do­cu­men­ta­to, dif­fi­ci­le pren­der­lo in ca­sta­gna e ca­so­mai zit­tir­lo con una que­re­la. Ov­via­men­te fa­cen­do il cor­ri­spon­den­te – ta­le è ri­ma­sto, nean­che un ar­ti­co­lo uno no­no­stan­te la con­di­zio­ne in cui si tro­va – di una zo­na controllat­a dal­la ‘ndran­ghe­ta non po­te­va non oc­cu­par­si di que­sta, ma è an­che un pro­fes­sio­ni­sta esper­to in ma­te­ria di por­ti e lo­gi­sti­ca, co­me san­no gli in­via­ti che da an­ni ca­la­va­no nel suo ter­ri­to­rio e si av­va­le­va­no dei con­si­gli che ge­ne­ro­sa­men­te di­spen­sa­va per di più por­tan­do­li in gi­ro per la sua ter­ra, una com­pe­ten­za co­sì ri­co­no­sciu­ta che per­fi­no i di­ri­gen­ti dell’au­to­ri­tà por­tua­le di Gioia Tau­ro lo con­sul­ta­va­no per ave­re con­si­gli. Ma tut­to ciò è pas­sa­to, fa par­te del­la vi­ta pre­ce­den­te, an­che se lui con­ti­nua a la­vo­ra­re e a pro­dur­re cor­ri­spon­den­ze quo­ti­dia­ne, ma lo fa in con­di­zio­ni di estre­ma dif­fi­col­tà e fa­ti­ca. Co­mun­que lo fa per­ché non mol­la, no­no­stan­te il tri­bu­na­le del­la ma­la­gen­te non ab­bia chiu­so bot­te­ga e la sen­ten­za di con­dan­na a mor­te non sia an­da­ta in pre­scri­zio­ne no­no­stan­te il la­ti­tan­te sia sta­to ar­re­sta­to.

Mi­che­le, che non ha nul­la da spar­ti­re con i gior­na­li­sti che pas­seg­gia­no in via Con­dot­ti con giub­bot­to an­ti­pro­iet­ti­le in vi­sta e se­gui­to di te­le­ca­me­re e fo­to­gra­fi, esce po­co di ca­sa per­ché non so­lo si pre­oc­cu­pa del­la pro­pria si­cu­rez­za ma an­che del di­sa­gio che può pro­vo­ca­re ai pas­san­ti. Mi­che­le or­mai non sa più co­sa sia an­da­re in un bar con mo­glie e fi­glie e gu­sta­re un tar­tu­fo di Piz­zo per­ché te­me per lo­ro in ca­so di un agguato. Mi­che­le de­cli­na, gliel’ho vi­sto fa­re l’al­tra se­ra, un in­vi­to a ce­na che lo fa­reb­be fe­li­ce per non ap­pro­fit­ta­re del­la scor­ta dei due «ra­gaz­zi» che da an­ni lo pro­teg­go­no e che «han­no an­che lo­ro fa­mi­glia». Mi­che­le

non va a un fu­ne­ra­le per­ché si po­treb­be crea­re una si­tua­zio­ne com­pli­ca­ta e al­lo­ra si re­ca il gior­no do­po al ci­mi­te­ro e dà pri­va­ta­men­te le con­do­glian­ze a pa­ren­ti o ami­ci. Mi­che­le so­gna di far un ba­gno nel suo ma­re ma non ne ha più fat­ti per­ché «co­me po­trei sta­re in ac­qua men­tre i due del­la scor­ta so­no sul­la spiag­gia a con­trol­lar­mi?». Mi­che­le ha pau­ra che lo am­maz­zi­no ma lo na­scon­de per­ché non vuo­le tra­smet­ter­la ai fa­mi­lia­ri che da sem­pre e da sei an­ni più che mai te­mo­no per la sua vi­ta: la fi­glia Ma­ria Pia ha in­co­min­cia­to a ca­pir­lo da bam­bi­na quan­do a scuo­la qual­che sua coe­ta­nea di­ce­va ad al­ta vo­ce che il suo pa­pà era un ami­co de­gli sbir­ri. Mi­che­le è un uo­mo for­te ma quan­do l’ho sen­ti­to par­la­re al mi­cro­fo­no non riu­sci­va a fer­ma­re il tre­mo­re del­le ma­ni e un me­di­co che era con me mi ha det­to che da tem­po lo ave­va no­ta­to. Mi­che­le, dun­que, con­ti­nua la sua mis­sio­ne pro­fes­sio­na­le in uno dei luo­ghi più pe­ri­co­lo­si del pae­se, in territori do­ve ca­pi­ta che lo Sta­to sia il ne­mi­co e l’an­ti­sta­to il do­mi­nus. Ma lui sa­pe­va e sa che que­sto era il ri­schio e lo ha af­fron­ta­to e lo af­fron­ta con la con­sa­pe­vo­lez­za che o fa­ce­va co­sì il gior­na­li­sta o era me­glio cam­bia­re me­stie­re. Ciò che non si aspet­ta­va era l’in­si­nua­zio­ne fat­ta cir­co­la­re in am­bien­ti per co­sì di­re ga­ran­ti­sti che ad­di­rit­tu­ra le mi­nac­ce se le sa­reb­be man­da­te da so­lo pur di di­ven­ta­re un pa­la­di­no an­tin­dran­ghe­ta.

In­dub­bia­men­te il ga­ran­ti­smo è un mo­do sag­gio di va­lu­ta­re gli at­ti di giu­sti­zia

spe­cie quan­do i ma­gi­stra­ti com­met­to­no er­ro­ri che le­do­no di­rit­ti e di­gni­tà del­le per­so­ne e so­prat­tut­to quan­do sem­bra pre­va­le­re la lo­ro vo­glia di pro­ta­go­ni­smo, ma in una re­gio­ne co­me la Ca­la­bria è fa­ci­le, in no­me di que­sta pur ne­ces­sa­ria azio­ne cri­ti­ca, fi­ni­re nel ne­ga­zio­ni­smo se­con­do cui da «tut­to è ‘ndran­ghe­ta» si pas­sa a «la ‘ndran­ghe­ta non esi­ste». Non è ve­ra nes­su­na di que­ste due af­fer­ma­zio­ni, ma è ac­cla­ra­to che la ‘ndran­ghe­ta, l’or­ga­niz­za­zio­ne cri­mi­na­le più po­ten­te del mon­do, non sia un’in­ven­zio­ne dei gior­na­li­sti: es­sa è il can­cro più de­va­stan­te di quel­la ter­ra nel­la qua­le al­li­gna da tem­po e che sa­rà de­bel­la­to so­lo gra­zie a un im­pe­gno com­bi­na­to del­lo Sta­to e dei calabresi, a una stra­te­gia cul­tu­ra­le, so­cia­le, eco­no­mi­ca, po­li­ti­ca e re­pres­si­va. Nel frat­tem­po è fon­da­men­ta­le tu­te­la­re quel­li che la com­bat­to­no a vi­so aper­to.

Non vo­glio con­fu­ta­re la ce­le­bre fra­se di Bre­cht a pro­po­si­to dei po­po­li che so­no bea­ti per­ché non han­no bi­so­gno di eroi, ma gli eroi ser­vo­no. E ser­vo­no da vi­vi e non da mor­ti co­me Gian­car­lo Sia­ni. La ve­ri­tà giu­di­zia­ria sul­la sua mor­te è nel­le car­te, man­ca­no al­tri pez­zi di ve­ri­tà la cui ri­cer­ca, te­me­va­no gli inquirenti, avreb­be po­tu­to com­pli­ca­re e al­lun­ga­re i tem­pi men­tre era ri­te­nu­to più ur­gen­te, co­me è av­ve­nu­to, con­dan­na­re man­dan­ti ed ese­cu­to­ri, ma c’è an­che una ve­ri­tà che pos­sia­mo cer­ca­re nel­la no­stra esperienza.

Sap­pia­mo da chi è sta­to uc­ci­so e per­ché, ma Sia­ni po­te­va es­se­re sal­va­to? Più vol­te so­no af­fio­ra­ti dub­bi, so­spet­ti e an­che ve­le­ni sull’am­bien­te che lui fre­quen­ta­va, ognu­no può pen­sar­la co­me vuo­le ma al­la fi­ne si re­sta con un pu­gno di ve­le­no in ma­no. Piut­to­sto ci si de­ve chie­de­re per­ché Sia­ni non fu pro­tet­to. Pos­si­bi­le che nes­su­no nel­la fi­la di co­man­do di un gran­de gior­na­le non si sia ac­cor­to che lui sta­va ma­neg­gian­do ogni gior­no una di­na­mi­te de­sti­na­ta a esplo­de­re da un mo­men­to all’al­tro? Non ser­vi­va nean­che una ci­mi­ce per ren­der­se­ne con­to. Le sue cor­ri­spon­den­ze ri­schio­se ed esem­pla­ri per chia­rez­za e co­rag­gio fu­ro­no di fat­to ru­bri­ca­te co­me or­di­na­ria am­mi­ni­stra­zio­ne e Sia­ni si tro­vò so­lo, di­spe­ra­ta­men­te so­lo, ma­le­det­ta­men­te so­lo. Si è mol­to di­scus­so del­le pre­oc­cu­pa­zio­ni che si av­ver­ti­va­no dai suoi com­por­ta­men­ti, ma co­me po­te­va non es­se­re al­lar­ma­to lui che sa­pe­va di chi e co­sa sta­va scri­ven­do e di non ave­re al­cu­na tu­te­la co­me l’ave­va­no il pre­to­re o il ca­ra­bi­nie­re che gli pas­sa­va­no le no­ti­zie? Co­struì da so­lo, per­ché per la sua lim­pi­da co­scien­za uma­na e cul­tu­ra­le non avreb­be sa­pu­to fa­re di­ver­sa­men­te, il pro­prio mar­ti­rio.

Ec­co, di­rei a pro­po­si­to di Bre­cht, ab­bia­mo bi­so­gno di eroi co­me Mi­che­le Al­ba­ne­se e non di mar­ti­ri co­me Gian­car­lo Sia­ni. E per­ché que­sto sia pos­si­bi­le non lo si de­ve a lo­ro, agli eroi che non man­che­ran­no mai, ma a noi che non dob­bia­mo far­li di­ven­ta­re mar­ti­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.