Aper­te le gran­di ma­no­vre per il can­di­da­to a sin­da­co Ec­co i no­mi su cui si di­scu­te

Corriere del Mezzogiorno (Campania) - - ELEZIONI -

NA­PO­LI Ar­chi­via­te le ele­zio­ni Re­gio­na­li, nei par­ti­ti le an­ten­ne so­no sta­te orien­ta­te im­me­dia­ta­men­te ver­so le Co­mu­na­li 2021. Una tap­pa im­por­tan­te che ve­drà cit­tà co­me Ro­ma, Mi­la­no, Torino e Na­po­li eleg­ge­re i nuo­vi sin­da­ci.

A Na­po­li c’è già chi, co­me il sin­da­co uscente, Lui­gi de Ma­gi­stris, an­nun­cia che la set­ti­ma­na pros­si­ma pre­sen­te­rà il pro­prio can­di­da­to per la suc­ces­sio­ne (lui non è ri­can­di­da­bi­le): sal­vo sor­pre­se, sa­rà l’as­ses­so­re Ales­san­dra Cle­men­te la de­si­gna­ta dell’ex pm. Il sin­da­co ne ha già par­la­to con gli al­tri col­le­ghi di giun­ta e sta com­ple­tan­do il gi­ro del­le con­sul­ta­zio­ni con il mon­do dei Mo­vi­men­ti e di De­ma. Poi farà l’an­nun­cio, «la pros­si­ma set­ti­ma­na», ha di­chia­ra­to, co­sì da par­ti­re pri­ma in cam­pa­gna elet­to­ra­le ri­spet­to agli al­tri par­ti­ti. An­che se sul no­me del­la Cle­men­te de Ma­gi­stris cer­ca la con­ver­gen­za del cen­tro­si­ni­stra au­spi­can­do un nuo­vo mo­del­lo-Ruo­to­lo, cioè di can­di­da­to che fa sin­te­si tra De­ma e Pd.

Ma sa­rà co­sì? Il bis dell’espe­ri­men­to fat­to a feb­bra­io per il Se­na­to sa­rà pos­si­bi­le? Pre­var­rà, nel cen­tro­si­ni­stra, la scel­ta di non di­vi­der­si a fa­vo­re del cen­tro­de­stra o del M5s, op­pu­re ognu­no an­drà avan­ti con il pro­prio can­di­da­to cer­can­do di spun­ta­re un vo­to in più e poi se­der­si e par­la­re ma­ga­ri in ca­so di bal­lot­tag­gio? E l’ex sin­da­co e go­ver­na­to­re Pd, An­to­nio Bassolino, scen­de­rà dav­ve­ro in cam­po per ri­pro­var­ci con o sen­za Pd?

Di si­cu­ro, nel Par­ti­to de­mo­cra­ti­co, un at­ti­mo do­po le Re­gio­na­li, è co­min­cia­to il tam tam del­le can­di­da­tu­re pos­si­bi­li e dei pro­fi­li dei can­di­da­ti ipo­tiz­za­bi­li. Ov­via­men­te, al­la lu­ce del ri­sul­ta­to, De Lu­ca in­ci­de­rò non po­co nel­la scel­ta. Da Ro­ma fil­tra pe­rò che per le can­di­da­tu­re del­le gran­di cit­tà oc­cor­re­rà at­ten­de­re an­co­ra un po’: gli equi­li­bri del triun­vi­ra­to di go­ver­no, M5s-Pd-Iv, do­po il vo­to di do­me­ni­ca e lu­ne­dì scor­si im­po­ne una fa­se di as­se­sta­men­to. E met­te­re ora sul ta­vo­lo an­che le can­di­da­tu­re per i gran­di Co­mu­ni al vo­to l’an­no pros­si­mo po­treb­be ac­cen­de­re qual­che mic­cia.

Ma per il Co­mu­ne di Na­po­li, il vi­ce­se­gre­ta­rio, An­drea Or­lan­do, ha chia­ri­to per tem­po: «Il Pd avrà un pro­prio can­di­da­to per Pa­laz­zo San Gia­co­mo». Una boc­cia­tu­ra, sen­za sé e sen­za ma, di quan­to ipo­tiz­za­to da Lui­gi Di Ma­io che, in tutt’Ita­lia, con­vin­to che sia giun­to il mo­men­to per i Cin­que­stel­le si strin­ge­re in­te­se con l’al­lea­to di go­ver­no. Il pen­sie­ro di Di Ma­io mi­ra, più che al­tro, a far ac­cet­ta­re al Pd e a Ren­zi, Rag­gi a Ro­ma e Ap­pen­di­no

a Torino.

Per Na­po­li, spon­da Dem, l’ul­ti­ma in­di­scre­zio­ne ri­guar­da chi il Co­mu­ne di Na­po­li lo co­no­sce be­ne: si trat­ta di Ni­co­la Od­da­ti. Sa­ler­ni­ta­no, com­po­nen­te del­la di­re­zio­ne na­zio­na­le del par­ti­to con de­le­ga al­la «Cul­tu­ra e al coor­di­na­men­to ini­zia­ti­va po­li­ti­ca». Od­da­ti è un ex bas­so­li­nia­no che ha ri­co­per­to mol­ti in­ca­ri­chi di par­ti­to ed è og­gi un de­lu­chia­no di fer­ro; co­no­sce be­nis­si­mo Na­po­li per aver fat­to sia il con­si­glie­re co­mu­na­le che l’as­ses­so­re, do­ve è ar­ri­va­to a ge­sti­re una ven­ti­na di de­le­ghe in giun­ta: dal­la Mo­bi­li­tà al Com­mer­cio, dal Tu­ri­smo al­la Cul­tu­ra, dal Pia­no stra­te­gi­co al La­vo­ro.

In ca­sa De­mo­crat il no­me di Od­da­ti af­fian­ca quel­li di due espo­nen­ti del go­ver­no Con­te: En­zo Amen­do­la, mi­ni­stro per gli Af­fa­ri Eu­ro­pei, e Gae­ta­no Man­fre­di, ex Ret­to­re del­la Fe­de­ri­co

Ni­co­la Od­da­ti Na­to a Salerno nel 1964, lau­rea in scien­ze eco­no­mi­che. È sta­to se­gre­ta­rio Ds e a lun­go as­ses­so­re co­mu­na­le a Na­po­li con tan­tis­si­me de­le­ghe Il suo no­me po­treb­be far con­ver­ge­re tut­ti: zin­ga­ret­tia­no, vi­ci­no a De Lu­ca, è in di­re­zio­ne na­zio­na­le pd La pas­sa­ta esperienza am­mi­ni­stra­ti­va, po­treb­be es­se­re con­si­de­ra­to «un no­me non nuo­vo»

Vin­cen­zo Amen­do­la Na­to a Na­po­li nel 1973, at­tua­le mi­ni­stro per gli Af­fa­ri eu­ro­pei Si iscri­ve nel 1989 al­la Fg­ci, do­ve ha co­no­sciu­to, du­ran­te un cam­peg­gio, l’at­tua­le se­gre­ta­rio del Pd Ni­co­la Zin­ga­ret­ti È gio­va­ne e co­no­sce be­ne la cit­tà. Po­treb­be es­se­re l’«uo­mo del go­ver­no» in­via­to a Na­po­li Po­treb­be non vo­ler ri­nun­cia­re ad un mi­ni­ste­ro mol­to im­por­tan­te qua­le gli Af­fa­ri eu­ro­pei

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.