Corriere del Mezzogiorno (Campania)

«Mi di­fe­se da­gli abu­si e fu uc­ci­sa Vi rac­con­to la mia gran­de mam­ma»

Ales­san­dra Cue­vas è la fi­glia di Te­re­sa Buo­no­co­re, as­sas­si­na­ta il 20 set­tem­bre di die­ci an­ni fa «Le don­ne so­no la­scia­te an­co­ra trop­po so­le»

- Be­ne­du­ce Crime · Society · Violence and Abuse · Sexual Abuse · Salerno · Sergio Mattarella · Facebook · Charles, Prince of Wales · Spain

«Quan­do mam­ma ven­ne a sa­pe­re de­gli abu­si che ave­vo su­bì­to lot­tò con tut­te le sue for­ze per ave­re giu­sti­zia, ma a me non tra­smi­se mai an­sia o pau­ra. Mi di­ce­va sem­pre: an­drà tut­to be­ne. La se­re­ni­tà che ha sa­pu­to in­fon­der­mi è il ri­cor­do più bel­lo che ho di lei». Ales­san­dra Cue­vas è la mag­gio­re del­le due fi­glie di Te­re­sa Buo­no­co­re, as­sas­si­na­ta il 20 set­tem­bre di die­ci an­ni fa. «Han­no chia­ma­to mia ma­dre mam­ma co­rag­gio, io con­ti­nuo a con­si­de­rar­la so­lo una ma­dre che de­si­de­ra­va giu­sti­zia per sua fi­glia. Don­na for­te e po­si­ti­va».

NA­PO­LI «Quan­do mam­ma ven­ne a sa­pe­re de­gli abu­si che ave­vo su­bì­to lot­tò con tut­te le sue for­ze per ave­re giu­sti­zia, ma a me non tra­smi­se mai an­sia o pau­ra. Mi di­ce­va sem­pre: an­drà tut­to be­ne. La se­re­ni­tà che ha sa­pu­to in­fon­der­mi è il ri­cor­do più bel­lo che ho di lei». Ales­san­dra Cue­vas è la mag­gio­re del­le due fi­glie di Te­re­sa Buo­no­co­re, as­sas­si­na­ta il 20 set­tem­bre di die­ci an­ni fa: due si­ca­ri as­sol­da­ti dall’au­to­re di que­gli abu­si le spa­ra­ro­no men­tre in au­to per­cor­re­va via Pon­te dei Gra­ni­li. Il man­dan­te, En­ri­co Pe­ril­lo, che Te­re­sa con­si­de­ra­va un ami­co ol­tre che un vi­ci­no di ca­sa, è sta­to con­dan­na­to con sen­ten­za de­fi­ni­ti­va all’er­ga­sto­lo; gli ese­cu­to­ri ma­te­ria­li, Al­ber­to Amen­do­la e Giu­sep­pe Avo­lio, stan­no scon­tan­do in­ve­ce con­dan­ne ri­spet­ti­va­men­te a 22 e 18 an­ni. Og­gi la fi­glia mag­gio­re (dal pri­mo ma­tri­mo­nio ave­va avu­to due ma­schi) ha 23 an­ni e stu­dia Let­te­re mo­der­ne all’ Uni­ver­si­tà di Sa­ler­no.

Ales­san­dra, og­gi ri­cor­re la gior­na­ta con­tro la vio­len­za sul­le don­ne. Che co­sa ti vie­ne in men­te quan­do ci pen­si?

«Che per le don­ne è an­co­ra mol­to dif­fi­ci­le de­nun­cia­re, spes­so non ce la fan­no per­ché non han­no i mez­zi o il so­ste­gno».

Tua ma­dre lo fe­ce no­no­stan­te tut­to: per que­sto l’han­no chia­ma­ta mam­ma co­rag­gio.

«Sì, l’han­no chia­ma­ta co­sì, ma io con­ti­nuo a con­si­de­rar­la so­lo una ma­dre che de­si­de­ra­va giu­sti­zia per sua fi­glia. Io, in un cer­to sen­so, nel­la sfor­tu­na so­no sta­ta for­tu­na­ta: do­po gli abu­si, lei ha vo­lu­to per me i mi­glio­ri psi­co­lo­gi, i mi­glio­ri so­ste­gni. An­che do­po la sua mor­te è sta­to co­sì, gra­zie a mia zia Pi­na che ne ha pre­so il te­sti­mo­ne. Ma mol­te don­ne pur­trop­po non han­no ri­sor­se e non pos­so­no con­ta­re sul so­ste­gno di nes­su­no: a que­sto, se­con­do me, do­vreb­be ov­via­re lo Sta­to».

In que­sti die­ci an­ni mol­te co­se so­no cam­bia­te in me­glio: è sta­to va­ra­to il Co­di­ce ros­so, a tu­te­la del­le vit­ti­me di vio­len­za do­me­sti­ca e di ge­ne­re; ne­gli ospe­da­li so­no sta­ti isti­tui­ti spor­tel­li a so­ste­gno di chi fi­ni­sce in Pron­to soc­cor­so do­po per­cos­se o vio­len­ze ses­sua­li...

«È la di­re­zio­ne giu­sta, ma mi sen­to di di­re che bi­so­gna im­pe­gnar­si di più. So­no tan­tis­si­me le don­ne, al­cu­ne del­le qua­li mi han­no con­tat­ta­to per­so­nal­men­te, che vor­reb­be­ro de­nun­cia­re uo­mi­ni vio­len­ti, ma non ce la fan­no. È dif­fi­ci­le da mol­ti pun­ti di vi­sta».

An­che da quel­lo eco­no­mi­co...

«Senz’al­tro. Ri­cor­do che, du­ran­te il pro­ces­so per gli abu­si, qual­cu­no of­frì a mam­ma 120.000 eu­ro se aves­se ri­ti­ra­to la de­nun­cia. Lei po­tè per­met­ter­si di ri­spon­de­re “no” con in­di­gna­zio­ne, ma tan­te al­tre don­ne, te­mo, non

so­no in con­di­zio­ne di po­ter­lo fa­re. E poi so­no vi­cen­de che van­no per le lun­ghe, reg­ge­re è du­ra».

In qual­che mo­do an­che a te è toc­ca­to far­ti avan­ti con­tro l’uo­mo che ti ave­va fat­to del ma­le, an­che se la de­nun­cia l’ave­va pre­sen­ta­ta tua ma­dre...

«L’ho in­con­tra­to più vol­te in un’au­la di Tri­bu­na­le e non è mai sta­to fa­ci­le, mai. Ri­cor­do che una vol­ta, all’usci­ta, so­no tor­na­ta a ca­sa e ho dor­mi­to per un tem­po lun­ghis­si­mo, nem­me­no io ri­cor­do più per quan­to».

Che co­sa ri­cor­di di quel gior­no ma­le­det­to?

«Fu un do­lo­re in­di­ci­bi­le e im­prov­vi­so: il gior­no pri­ma

era­va­mo an­da­ti al ci­ne­ma, il gior­no do­po mam­ma era mor­ta. Dall’omi­ci­dio al fu­ne­ra­le tra­scor­se­ro die­ci gior­ni e io li ri­cor­do tut­ti, uno per uno, in ogni det­ta­glio. Ma non ho an­co­ra tut­to chia­ro in men­te, pen­so che mi ci vor­ran­no de­gli an­ni per ela­bo­ra­re tut­to».

Quan­to è sta­to im­por­tan­te, do­po la mor­te di tua ma­dre, ave­re una fa­mi­glia su cui con­ta­re?

«Mol­tis­si­mo, ov­via­men­te, e pro­prio per que­sto ri­pe­to che trop­pe don­ne so­no in­ve­ce so­le. Io ho mia so­rel­la Mi­chel­le, che stu­dia al Dams di Fi­scia­no, e ho mia zia Pi­na, che an­che nel ca­rat­te­re as­so­mi­glia a mam­ma: è for­te e po­si­ti­va».

L’ho co­no­sciu­ta, è una roc­cia.

«Tu pen­sa che il pri­mo ot­to­bre del 2010, il gior­no dei fu­ne­ra­li, il suo com­pa­gno com­pi­va 40 an­ni. Sia­mo sta­te in chie­sa, ab­bia­mo ac­com­pa­gna­to mam­ma al ci­mi­te­ro, ma poi sia­mo an­da­te a com­pra­re una tor­ta di com­plean­no. Mam­ma sa­reb­be sta­ta as­so­lu­ta­men­te d’ac­cor­do: la mor­te non de­ve pre­va­le­re sul­la vi­ta, il do­lo­re non de­ve ave­re la me­glio sul­la gio­ia».

È do­ve­ro­so ri­cor­da­re che, nei gior­ni bui se­gui­ti al­la mor­te di Te­re­sa Buo­no­co­re, co­me la stes­sa Pi­na ha più

Il mio scon­for­to

Pur­trop­po è an­co­ra mol­to dif­fi­ci­le de­nun­cia­re, spes­so non ce la fan­no per­ché non han­no i mez­zi o il so­ste­gno

Il suo amo­re

Io, in un cer­to sen­so, nel­la sfor­tu­na so­no sta­ta for­tu­na­ta: do­po gli abu­si, lei ha vo­lu­to per me i mi­glio­ri psi­co­lo­gi, i mi­glio­ri so­ste­gni

Il mio aguz­zi­no

L’ho in­con­tra­to più vol­te in un’au­la di Tri­bu­na­le Una vol­ta, all’usci­ta, so­no tor­na­ta a ca­sa e ho dor­mi­to per un tem­po lun­ghis­si­mo

La mia for­tu­na

Mia so­rel­la Mi­chel­le che stu­dia al Dams di Fi­scia­no, poi c’è zia Pi­na, che as­so­mi­glia a mam­ma: è for­te e po­si­ti­va

vol­te ri­fe­ri­to al Cor­rie­re del

Mez­zo­gior­no, una del­le po­che per­so­ne che si ado­pe­ra­ro­no per la sua fa­mi­glia fu Vin­cen­zo De Luca, all’epo­ca sin­da­co di Sa­ler­no e og­gi pre­si­den­te del­la Re­gio­ne, che mi­se a di­spo­si­zio­ne un ap­par­ta­men­to e of­frì un la­vo­ro al­la so­rel­la del­la vit­ti­ma: que­sto è il mo­ti­vo per cui, an­co­ra og­gi, Ales­san­dra e Mi­chel­le vi­vo­no a Sa­ler­no.

Nel no­vem­bre del 2017, pro­prio al­la vi­gi­lia del­la gior­na­ta con­tro la vio­len­za sul­le don­ne, il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca, Ser­gio Mat­ta­rel­la, con­fe­rì a Te­re­sa Buo­no­co­re la me­da­glia d’oro al va­lor ci­vi­le, che fu con­se­gna­ta ai fa­mi­lia­ri il 2 giu­gno suc­ces­si­vo: «No­bi­le esem­pio di straor­di­na­rio amo­re ma­ter­no e di ec­ce­zio­na­li vir­tù ci­vi­che, spin­te fi­no all’estre­mo sa­cri­fi­cio», si leg­ge nel­le mo­ti­va­zio­ni. Due la­pi­di la ri­cor­da­no: una nel ci­mi­te­ro di Por­ti­ci, la cit­tà in cui Te­re­sa vi­ve­va, la cui fo­to com­pa­re nel­la pa­gi­na Fa­ce­book di Ales­san­dra; l’al­tra in via Pon­te dei Gra­ni­li, nel luo­go in cui gli as­sas­si­ni apri­ro­no il fuo­co con­tro la don­na. Sul­la vi­cen­da è sta­to an­che scrit­to un li­bro, edi­to da Iup­pi­ter: l’au­to­re è il giu­di­ce Car­lo Spa­gna, og­gi in pen­sio­ne; pre­sie­de­va la Cor­te d’As­si­se che in­flis­se la pri­ma con­dan­na all’er­ga­sto­lo nei con­fron­ti di En­ri­co Pe­ril­lo. Nel cor­so del di­bat­ti­men­to emer­se la per­so­na­li­tà de­via­ta dell’im­pu­ta­to, che in ga­ra­ge na­scon­de­va un ar­se­na­le: cin­que pi­sto­le, due pi­sto­le mi­tra­glia­tri­ci, 2.632 car­tuc­ce di va­rio ca­li­bro (mol­te a pal­la blin­da­ta, per­fo­ran­ti ed a pal­let­to­ni), due giub­bot­ti an­ti­pro­iet­ti­le e di­ciot­to ca­ri­ca­to­ri.

 ??  ?? In­sie­me Ales­san­dra con la mam­ma Te­re­sa e la so­rel­la più pic­co­la quan­do era bam­bi­na
In­sie­me Ales­san­dra con la mam­ma Te­re­sa e la so­rel­la più pic­co­la quan­do era bam­bi­na
 ??  ??
 ??  ?? Te­re­sa con le fi­glie in uno scat­to di mol­ti an­ni fa. La fo­to è nel li­bro «Te­re­sa B.» del giu­di­ce Car­lo Spa­gna
Te­re­sa con le fi­glie in uno scat­to di mol­ti an­ni fa. La fo­to è nel li­bro «Te­re­sa B.» del giu­di­ce Car­lo Spa­gna
 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy