Corriere del Mezzogiorno (Campania)

L’era Co­vid tra la ve­ri­tà e la scien­za

- Di Clau­dio Quin­ta­no e Am­le­to Vin­gia­ni Umberto Eco

Vi­via­mo l’epi­de­mia in que­sti me­si au­tun­na­li con ani­mo co­sì mu­ta­to ri­spet­to a pri­ma­ve­ra da chie­der­ci se vi­rus e ma­lat­tia sia­no gli stes­si. So­li­da­rie­tà nel do­lo­re co­mu­ne, am­mi­ra­zio­ne per chi sal­va vi­te, pie­tà... tut­to spaz­za­to via. Nien­te sa­rà co­me pri­ma so­prat­tut­to noi e non nel sen­so au­spi­ca­to. Esa­mi­nia­mo uno de­gli aspet­ti più tra­gi­ca­men­te mu­ta­ti: la per­ce­zio­ne del­la Scien­za.

A mar­zo sem­bra­va ci fos­se una for­mi­da­bi­le ri­vin­ci­ta del pen­sie­ro scien­ti­fi­co do­po al­me­no un de­cen­nio di ca­la­ta a pic­co di sti­ma e con­si­de­ra­zio­ne per la Scien­za. La pau­ra in­du­ce­va a tor­na­re da­gli esper­ti ed era que­sta la gran­de oc­ca­sio­ne per ri­met­te­re al lo­ro po­sto i pez­zi spar­pa­glia­ti dal ven­to dis­sen­na­to dell’an­ti­scien­za mon­tan­te.

È du­ra­ta lo spa­zio di un mat­ti­no. Ec­co che ora, cer­to ne­gli Usa più che da noi, la gen­te muo­re di Co­vid chie­den­do che ma­lat­tia ab­bia. Co­me Don Fer­ran­te, di man­zo­nia­na me­mo­ria, che af­fer­ma­va la pe­ste non esi­ste­re per­ché es­sa non è so­stan­za né ac­ci­den­te e di pe­ste mo­ri­va ma­le­di­cen­do le stel­le. Il vac­ci­no ar­ri­va fi­nal­men­te ma il Son­dag­gio Ip­sos ci di­ce che so­lo il 37% de­gli ita­lia­ni lo fa­rà ap­pe­na di­spo­ni­bi­le con ol­tre un 42% che aspet­te­rà: que­sto è tut­to do­po tan­ta spe­ran­za? Per­che? L’Era del Co­vid ci sta mo­stran­do il po­te­re cre­scen­te del­la Po­st-Ve­ri­tà.

La no­stra epo­ca Po­st-Mo­der­na, fi­glia di Nie­tzsche e del so­spet­to, ci ha in­se­gna­to a dif­fi­da­re del­la ve­ri­tà, non ci so­no fat­ti ma so­lo in­ter­pre­ta­zio­ni. Poi ec­co ar­ri­va­re la Po­st-Ve­ri­tà: la ve­ri­tà non so­lo è ir­rag­giun­gi­bi­le ma è un prin­ci­pio au­to­ri­ta­rio, vio­len­to, fi­na­liz­za­to a man­te­ne­re il po­te­re di chi ce l’ha. Gli at­tua­li al­fie­ri del­la Po­st-Ve­ri­tà so­no i mu­sco­la­ri por­ta­to­ri di nuo­ve e for­ti ve­ri­tà al­ter­na­ti­ve, ap­pa­ren­te­men­te più eque. Col Co­vid, a fron­te di qual­co­sa che non si co­no­sce an­co­ra be­ne, fio­ri­sco­no scom­po­ste ve­ri­tà al­ter­na­ti­ve che spes­so con­fi­na­no con il de­li­rio. Ab­bia­mo pas­sa­to me­si a di­scet­ta­re se po­si­ti­vi vo­le­va dir ma­la­ti e sul fat­to che il vi­rus era mu­ta­to in me­glio sen­za al­za­re lo sguar­do ver­so l’on­da che si sta­va ab­bat­ten­do.

An­che ora che da que­ste on­de siam som­mer­si c’è chi ri­le­va i bas­si rap­por­ti sin­to­ma­ti­ci/po­si­ti­vi, la mor­ta­li­tà sce­sa ri­spet­to ai va­lo­ri di mar­zo ed af­fer­ma la ne­ces­si­tà di rag­giun­ge­re l’im­mu­ni­tà di greg­ge. Ma dav­ve­ro tut­to que­sto con 6-700 mor­ti al gior­no? Ma que­sta è la po­ten­za del­la Po­st-Ve­ri­tà e del Web. So­no tan­te or­mai le per­so­ne con con­vin­zio­ni in­crol­la­bi­li an­che di fron­te all’evi­den­za ed og­gi gra­zie al web vi­bra­no fe­li­ci, in cal­da ri­so­nan­za con i lo­ro si­mi­li.

Ma Um­ber­to Eco al­cu­ni an­ni fa ha af­fer­ma­to che la real­tà ha un suo zoc­co­lo du­ro ta­le che al­cu­ne co­se che di­cia­mo su di es­sa non pos­so­no e non deb­bo­no es­se­re pre­se per buo­ne. De­fi­ni­va que­sta po­si­zio­ne rea­li­smo ne­ga­ti­vo. Il mon­do può an­che non aver sen­so ma al­cu­ni sen­si vie­ta­ti esi­ste­ran­no sem­pre. Pos­so in­ter­pre­ta­re al­cu­ne co­se in mil­le mo­di ma non in tut­ti.

Al di so­pra di ogni chiac­chie­ra, di ogni fol­lia in­ter­pre­ta­ti­va, di ogni sor­ri­set­to sa­pu­to, c’è il nu­me­ro dei mor­ti che con­tia­mo ogni gior­no, co­me ca­des­se­ro un pa­io di ae­rei al gior­no... Lo spi­go­lo du­ro ed ine­men­da­bi­le del­la real­tà.

A mar­zo-apri­le que­ste mor­ti com­muo­ve­va­no, ora non se ne par­la nem­me­no per­ché la mor­ta­li­tà è sce­sa e que­sto con­ta. È sce­sa, ami­ci del web, per­ché non si la­scia a ca­sa il pa­zien­te a dif­fe­ren­za di ciò che si rac­co­man­da­va (paz­za­men­te) a mar­zo, lo si por­ta in ospe­da­le e si muo­re me­no, real­men­te si muo­re me­no, per­ché lo si cu­ra pre­co­ce­men­te.

Ma a che co­sto e per quan­to an­co­ra? Que­sto oc­cor­re chie­der­si. Non c’è più un bu­co ne­gli ospe­da­li e la Sa­ni­tà, in af­fan­no con i pa­zien­ti Co­vid, è ne­ga­ta agli al­tri. Un al­tro spi­go­lo du­ro, il li­mi­te or­mai rag­giun­to. Ec­co, pri­ma di ogni al­tra co­sa è giun­to il mo­men­to di far co­mu­ni­ca­zio­ne, in mo­do for­te ma pa­ca­to, se­re­no ed uni­ta­rio, ma­ga­ri par­ten­do da que­sti spi­go­li du­ri del rea­le di cui e su cui non si può di­scu­te­re.

Pre­giu­di­zi So­no tan­te le per­so­ne con con­vin­zio­ni in­crol­la­bi­li an­che di fron­te all’evi­den­za ed og­gi gra­zie al web vi­bra­no fe­li­ci

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy