Corriere del Mezzogiorno (Campania)

Il Na­po­li è gran­de o no Ana­li­si al­lo spec­chio

- di Mo­ni­ca Scoz­za­fa­va

Il Na­po­li par­te in que­sta sta­gio­ne sen­za il fa­vo­re dei pro­no­sti­ci, ma si ri­tro­va do­po qual­che gior­na­ta tra le can­di­da­te al ver­ti­ce. Ca­de, ri­ca­de ma poi si rial­za. Fi­no ad ar­ri­va­re al­la sfi­da con Mi­lan e gio­car­si (Sas­suo­lo a par­te) il pri­mo po­sto in clas­si­fi­ca. Per­de la par­ti­ta gio­can­do per lun­ghi trat­ti an­che ma­le, ma so­prat­tut­to la­scian­do a ca­sa tut­ta la qua­li­tà di cui di­spo­ne. C’è qual­co­sa di in­com­pren­si­bi­le nei con­ti­nui up and do­wn del­la squa­dra, no­no­stan­te la pre­sen­za for­te di Ri­no Gat­tu­so. E si ri­pro­po­ne il te­ma del­la men­ta­li­tà. Ma pos­si­bi­le che il vi­zio an­ti­co del Na­po­li si ri­pre­sen­ti ogni vol­ta pun­tua­le con in­ter­pre­ti di­ver­si? Di­ce­va Be­ni­tez che la per­so­na­li­tà non si com­pra al su­per­mer­ca­to. An­che Sar­ri qual­che vol­ta lo ha ri­pe­tu­to. E fi­nan­che il so­brio An­ce­lot­ti la­scia­va in­tui­re che da que­ste par­ti c’era bi­so­gno di un per­cor­so di cre­sci­ta. Gio­ca­to­ri di­ver­si, mo­men­ti di­ver­si e si­tua­zio­ne am­bien­ta­le dif­fe­ren­te. La squa­dra di Gat­tu­so è tra le più for­ti de­gli ul­ti­mi an­ni, il mon­te in­gag­gi è dop­pio ri­spet­to all’era Sar­ri e chi è ri­ma­sto, og­gi do­vreb­be aver con­clu­so il per­cor­so di ma­tu­ri­tà. La pri­ma de­bo­lez­za sta pro­prio nel sen­tir­si for­ti e pen­sa­re che si vin­ce an­che sen­za da­re il mas­si­mo (ec­ces­so di pre­sun­zio­ne?); la se­con­da è quel­la di far­si con­di­zio­na­re an­che in­con­scia­men­te da va­ria­bi­li ester­ne al cam­po: un tem­po era­no le mul­te, og­gi so­no gli sti­pen­di in ri­tar­do. Gat­tu­so fa il pom­pie­re e an­che il col­lan­te pro­van­do a pre­di­ca­re un so­lo ver­bo: ap­pli­ca­zio­ne, at­ten­zio­ne. Al di là dei fa­ci­li ali­bi, al di là del mon­do che c’è fuo­ri, an­che quel­lo del­le cri­ti­che. Fa qua­dra­to at­tor­no ai gio­ca­to­ri, dà e vuo­le il mas­si­mo. Il cal­cio «pro­fon­do» pro­po­sto que­st’an­no con l’ar­ri­vo di Osi­m­hen è un’idea con­di­vi­sa e pos­si­bi­le. Il pia­no non può sal­ta­re se man­ca il ni­ge­ria­no, so­prat­tut­to se in al­le­na­men­to le ri­spo­ste so­no po­si­ti­ve. Se ac­ca­de è per­chè al­tri uo­mi­ni-chia­ve so­no fuo­ri con­di­zio­ne. Non pos­so­no pe­rò sal­ta­re i ner­vi se in par­ti­ta le co­se si met­to­no ma­le. De­bo­lez­ze al­le qua­li Gat­tu­so si op­po­ne con la for­za del (suo)ca­rat­te­re. Ba­ste­rà per vin­ce­re? Ri­no ci cre­de e quan­do rin­ghia ci cre­de an­co­ra di più.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy