LE DE­NUN­CE SMARRITE

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Ales­sio Vio­la

Un ge­ni­to­re muo­re, se muo­re sua fi­glia. È la na­tu­ra che si di­stor­ce nell’or­ro­re, quel­la che fa­ce­va gri­da­re all’in­giu­sti­zia som­ma i poe­ti, che lan­cia­va­no gri­da con­tro gli dei in­vi­dio­si del­la gioia de­gli uma­ni. Un ge­ni­to­re ter­reb­be una fi­glia con sé ogni at­ti­mo, il suo so­gno so­lo quel­lo di ve­der­la dor­mi­re co­me quan­do ave­va un me­se, un an­no. Fi­no a che fos­se pos­si­bi­le. Ve­gliar­ne il son­no, aspet­tar­ne i ri­sve­gli co­me un re­ga­lo del cie­lo. I ge­ni­to­ri in guer­ra si strap­pa­va­no la pel­le di dos­so per i fi­gli, og­gi si strap­pa­no l’ani­ma la­ce­ran­do­la in un mon­do im­paz­zi­to ol­tre ogni li­mi­te di tol­le­ra­bi­li­tà. E l’in­giu­sti­zia del cie­lo è an­co­ra più or­ren­da nei mo­di in cui si ma­ni­fe­sta con­tro ge­ni­to­ri at­ten­ti, vi­gi­li, pre­mu­ro­si. Cu­sto­di­va­no ma la­scia­va­no li­be­ra una fi­glia che vo­le­va vi­ve­re la sia vi­ta, per­ché è co­sì che fan­no i ge­ni­to­ri che ama­no. Co­sa po­te­va­no fa­re se non se­guir­la, col­mar­la di pre­mu­re, con­si­gli e at­ten­zio­ni ma al­lo stes­so tem­po la­sciar­la li­be­ra di vi­ve­re la sua vi­ta? E quan­do sco­pro­no che un amo­re ma­la­to le ha av­ve­le­na­to il cuo­re e la men­te cos’al­tro pos­so­no fa­re ol­tre a met­ter­la in guar­dia, ten­ta­re di ele­va­re di­fe­se?

E de­nun­cia­re le vio­len­ze del suo per­se­cu­to­re, cui nes­su­no do­vreb­be ag­giun­ge­re mai più pa­ro­le co­me gio­va­ne o fi­dan­za­ti­no, at­te­nuan­ti per il so­lo fat­to di es­se­re pro­nun­cia­te? Non è fa­ci­le de­nun­cia­re, mai. In un pae­si­no del bas­so Sa­len­to do­ve tut­ti si co­no­sco­no an­co­ra di più. Ep­pu­re lo han­no fat­to, co­rag­gio­sa­men­te. Co­me con co­rag­gio la ra­gaz­za scri­ve­va ver­si sui so­cial che rac­con­ta­va­no del­le vio­len­ze su­bi­te, sen­za che ac­ca­des­se nul­la. Mes­sag­gi nel­la bot­ti­glia che na­vi­ga nel ma­re so­cial tra in­dif­fe­ren­za sor­ri­si com­men­ti, sen­za la­scia­re una scia vi­si­bi­le di in­di­gna­zio­ne. Ri­vol­ger­si al­lo Sta­to, ec­co co­sa fan­no i ge­ni­to­ri che ama­no le pro­prie fi­glie. Per in­cap­pa­re nel­le len­tez­ze di una ma­gi­stra­tu­ra dai tem­pi so­ven­te bi­bli­ci, di fron­te ai qua­li in tanti, ras­se­gna­ti, ri­nun­cia­no a de­nun­cia­re. Ora sem­bra che il Csm apri­rà un’in­chie­sta su quel­la Pro­cu­ra mi­no­ri­le.

Non ac­ca­drà nul­la, so­ster­ran­no i fa­ci­li pro­fe­ti. E l’on­da­ta d’in­di­gna­zio­ne la­sce­rà pre­sto il po­sto al­la ras­se­gna­zio­ne se non all’ac­cor­re­re mor­bo­so di fol­le guar­do­ne ol­tre l’osce­no sui luo­ghi dei de­lit­ti, una map­pa che va esten­den­do­si all’in­fi­ni­to. Mil­le e mil­le no­mi di vit­ti­me donne ma­dri so­rel­le fi­dan­za­te ra­gaz­ze la­scia­te per ter­ra da ma­schi in­ca­pa­ci di es­se­re uo­mi­ni. I ge­ni­to­ri del­le vit­ti­me in un an­go­lo schiac­cia­ti sen­za fia­to. Cer­can­do di notte quel ca­lo­re, quel­la pel­le di bam­bi­na pro­fu­ma­ta di vi­ta, quel­le ma­ni pic­co­le, quel vi­ve­re si­cu­ri che i gran­di, i ge­ni­to­ri, non avreb­be­ro per­mes­so che mai nul­la di ma­le ac­ca­des­se. Al­le not­ti in­son­ni in cui tut­ti sco­pro­no una can­zo­ne che per ma­gia li fa ad­dor­men­ta­re. I ge­ni­to­ri che per­do­no un fi­glio so­no am­maz­za­ti nel più or­ren­do dei mo­di, per­ché con­dan­na­ti a vi­ve­re con quel do­lo­re in­fi­ni­to. Ac­can­to a lo­ro ci se­dia­mo, a vo­ce bas­sis­si­ma ci av­vi­ci­nia­mo con i ver­si più bel­li di un ge­ni­to­re per un fi­glio: may you build a lad­der to the star…And climb on eve­ry rung…May your song al­ways be sung. Fo­re­ver young. Per sem­pre gio­va­ni, i no­stri fi­gli.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.