«Co­sì l’ho fat­to crol­la­re»

Par­la il ca­ra­bi­nie­re che ha in­dot­to il gio­va­ne as­sas­si­no a con­fes­sa­re «Ci de­pi­sta­va. L’ho trat­ta­to da uo­mo. E mer­co­le­dì mi ha cer­ca­to lui»

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Il Delitto Di Noemi - An­ge­la Ba­len­za­no

Pa­zien­za, espe­rien­za e uma­ni­tà. Qua­li­tà che il ma­re­scial­lo ca­po dei ca­ra­bi­nie­ri, Giu­sep­pe Bor­rel­lo, co­man­dan­te del­la sta­zio­ne di Spec­chia, ha sfrut­ta­to con sa­pien­za. Per con­vin­ce­re il «fi­dan­za­ti­no» 17en­ne di Noe­mi Su­ri­ni a con­fes­sa­re l’omi­ci­dio del­la ra­gaz­zi­na se­di­cen­ne tro­va­ta mor­ta nei cam­pi di Ca­stri­gna­no del Ca­po mer­co­le­dì scor­so. È lì che il ra­gaz­zo l’ave­va se­pol­ta dopo aver­la as­sas­si­na­ta. Lo ha am­mes­so al ter­mi­ne dell’en­ne­si­mo in­ter­ro­ga­to­rio.

Ma­re­scial­lo lei ha in­tui­to da su­bi­to che il ra­gaz­zi­no aves­se del­le re­spon­sa­bi­li­tà nel­la spa­ri­zio­ne di Noe­mi?

«Sì. Già dai gior­ni suc­ces­si­vi al­la scom­par­sa ci siamo in­di­riz­za­ti ver­so di lui. Per­ché al­tre vol­te si era­no al­lon­ta­na­ti in­sie­me. Era ipo­tiz­za­bi­le che ma­ga­ri aves­se co­per­to la fu­ga del­la ra­gaz­za».

Ma le sue spie­ga­zio­ni pe­rò non vi han­no mai con­vin­to, è co­sì?

«Lui ci ha da­to tan­te ver­sio­ni su quel­lo che era suc­ces­so quel­la se­ra (la do­me­ni­ca in cui Noe­mi è usci­ta di ca­sa per in­con­tra­re il 17en­ne, ndr), al­me­no quat­tro o cin­que. Pre­sto ci siamo re­si con­to che era­no fi­na­liz­za­te a de­pi­sta­re le in­da­gi­ni». Quin­di co­sa è ac­ca­du­to? «Ab­bia­mo ac­can­to­na­to l’ipo­te­si di un al­lon­ta­na­men­to vo­lon­ta­rio per­ché era or­mai evi­den­te che da parte del ra­gaz­zo c’era un ten­ta­ti­vo di de­pi­stag­gio e che stes­se co­pren­do un rea­to più gran­de. Lo ab­bia­mo in­ter­ro­ga­to an­co­ra e ab­bia­mo ot­te­nu­to la sua fi­du­cia».

Co­me è riu­sci­to a ot­te­ner­la?

«Gli ab­bia­mo mo­stra­to tan­ta uma­ni­tà che non era fi­na­liz­za­ta a con­dan­na­re quel­lo che ipo­te­ti­ca­men­te ave­va fat­to, quan­to in­ve­ce a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma e so­prat­tut­to tro­va­re la ra­gaz­za. Gli ab­bia­mo spie­ga­to che se mai fos­se sta­to re­spon­sa­bi­le avreb­be pa­ga­to il de­bi­to con la giu­sti­zia ma che for­se la gio­va­ne età, con il tem­po, gli avreb­be con­sen­ti­to di ri­pren­de­re la sua vi­ta».

È sta­to al­lo­ra che ha con­fes­sa­to l’omi­ci­dio di Noe­mi? «Sì» Si spie­ghi me­glio «Ie­ri mat­ti­na (mer­co­le­dì, ndr) ha in­con­tra­to una pat­tu­glia di ca­ra­bi­nie­ri per stra­da e ha chie­sto di po­ter par­la­re con me. Siamo an­da­ti a pren­der­lo e l’ab­bia­mo por­ta­to in ca­ser­ma. Ho par­la­to con lui per cir­ca un’ora con cal­ma. Gli ho det­to che or­mai po­te­vo im­ma­gi­na­re quel­lo che ave­va fat­to».

Co­sa gli ha det­to esat­ta­men­te?

«“Aiu­ta­ci, ti con­vie­ne per­ché al­tri­men­ti non po­trai più ad­dor­men­tar­ti o sve­gliar­ti al mat­ti­no sen­za pen­sa­re a Noe­mi”. Que­sto gli ho det­to. Poi ha con­fes­sa­to e ci ha ac­com­pa­gna­ti sul luo­go del de­lit­to».

Co­me ha rea­gi­to quan­do ave­te tro­va­to il cor­po?

«Cre­do che in quel mo­men­to il ra­gaz­zo ab­bia pre­so co­scien­za di quel­lo che ave­va fat­to. Quan­do era­va­mo lì da­van­ti al cor­po del­la po­ve­ra Noe­mi si è sen­ti­to ma­le e lo ab­bia­mo soc­cor­so. Si è re­so con­to di tut­to, ha rea­liz­za­to. Si­no ad un mo­men­to prima il suo cer­vel­lo era più im­pe­gna­to ad oc­cul­ta­re, a non di­re e so­prat­tut­to a dis­si­mu­la­re le pro­ve piut­to­sto che a pen­sa­re al­le sue rea­li re­spon­sa­bi­li­tà. Ma da­van­ti al cor­po del­la ra­gaz­za è crol­la­to».

Giu­sep­pe Bor­rel­lo Quan­do ha vi­sto il ca­da­ve­re si è sen­ti­to ma­le e si è re­so con­to del­la gra­vi­tà del suo ge­sto

I luo­ghi Nel­la fo­to gran­de le cam­pa­gne dov’è sta­to tro­va­to il ca­da­ve­re A si­ni­stra la ca­ser­ma dei ca­ra­bi­nie­ri e i gior­na­li­sti di­nan­zi a ca­sa di Noe­mi

Il ba­cio La gio­va­ne Noe­mi Du­ri­ni con il fi­dan­za­to che poi l’ha uc­ci­sa a col­pi di pie­tra e con­fes­sa­to il de­lit­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.