«Fim­me­ne», la sto­ria di Tit­ti nel ro­man­zo del ca­po­ra­la­to

Il Sa­len­to, il do­lo­re, la ri­vol­ta e la sto­ria di Tit­ti, che per po­co non vin­se la guer­ra

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Fa­bri­zio Ver­sien­ti

Dal 29 ot­to­bre 2016 l’Ita­lia ha una leg­ge (la 199) che mi­ra a com­bat­te­re ef­fi­ca­ce­men­te il ca­po­ra­la­to, ma è trop­po pre­sto per can­ta­re vit­to­ria in que­sta guer­ra con­tro l’odio­so e bru­ta­le si­ste­ma di sfrut­ta­men­to del la­vo­ro brac­cian­ti­le; an­che per­ché tan­te vol­te in pas­sa­to il «mo­stro» sem­bra scon­fit­to, e in­ve­ce ha rial­za­to la te­sta. Le don­ne del Sud ne so­no sto­ri­ca­men­te le vit­ti­me, ma in epo­ca più re­cen­te an­che gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri ne han­no fat­to e con­ti­nua­no a far­ne le spe­se.

Per ar­ri­va­re al­la leg­ge ci so­no vo­lu­te in­fi­ni­te tra­ge­die, co­me quel­la di Pao­la Cle­men­te mor­ta di fa­ti­ca nei cam­pi di An­dria nel lu­glio del 2015, la cui sto­ria è sta­ta rac­con­ta­ta da En­ri­ca Si­mo­net­ti nel li­bro Mo­ri­re co­me schia­vi (Im­pri­ma­tur); ci so­no vo­lu­te ri­vol­te col­let­ti­ve de­gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri, la cui con­di­zio­ne è ben de­scrit­ta in Ghet­to Ita­lia di Yvan Sa­gnet e Leonardo Pal­mi­sa­no (Fan­dan­go edi­to­re); c’è vo­lu­ta una co­stan­te at­ten­zio­ne da par­te del­la stam­pa e ve­re e pro­prie in­chie­ste del­la ma­gi­stra­tu­ra, co­me quel­la rac­con­ta­ta da Ales­san­dro Leo­gran­de in Uo­mi­ni e ca­po­ra­li. Viag­gio tra i nuo­vi schia­vi nel­le cam­pa­gne del Sud (Mon­da­do­ri). Ma del­la que­stio­ne bi­so­gna con­ti­nua­re a par­la­re e a scri­ve­re. Ma­ga­ri, spe­ri­men­tan­do for­me nuo­ve co­me fa Giu­lio Di Lu­zio nel suo li­bro Fim­me­ne. Sto­rie di don­ne e ca­po­ra­li, edi­to da Be­sa (pp. 168, eu­ro 15): un ro­man­zo am­bien­ta­to nel Sa­len­to de­gli an­ni Ses­san­ta tra don­ne che su­da­no la pa­ga nei cam­pi ma al­lo stes­so tem­po de­vo­no di­fen­der­si da­gli ap­proc­ci vio­len­ti dei ca­po­ra­li, men­tre col­ti­va­no i lo­ro so­gni di vi­ta e di fu­tu­ro.

In par­ti­co­la­re, la sto­ria che Di Lu­zio rac­con­ta è quel­la di Tit­ti, ra­gaz­za che, per quan­to se­gna­ta dal­la vio­len­za su­bi­ta dal­la ma­dre sot­to i suoi oc­chi di bam­bi­na, non ri­nun­cia al­la di­gni­tà nean­che quan­do re­sta in­va­li­da, con­fi­na­ta su una se­dia a ro­tel­le do­po un in­ci­den­te con il fur­go­ne che la sta­va por­tan­do sui cam­pi. Con l’ap­pog­gio del­la Ca­me­ra del la­vo­ro, Tit­ti si fa pro­mo­tri­ce di una mo­bi­li­ta­zio­ne col­let­ti­va che pun­ta a ot­te­ne­re si­ste­mi di tra­spor­to più si­cu­ri al po­sto de­gli scas­sa­ti fur­go­ni dei ca­po­ra­li, mi­glio­ri pa­ghe e un bri­cio­lo di di­rit­ti. Al suo fian­co ci so­no il ca­po­ra­le pen­ti­to Vin­cen­zi­no e il gio­va­ne sin­da­ca­li­sta Mi­che­le, ol­tre al­le ami­che più stret­te. A po­co a po­co il ras­se­gna­to fa­ta­li­smo del pae­se sem­bra scuo­ter­si, ar­ri­va la stam­pa na­zio­na­le e gli agra­ri – d’ac­cor­do con i ca­po­ra­li – ab­boz­za­no, aspet­tan­do il mo­men­to buo­no per in­ter­ve­ni­re e reim­por­re la lo­ro leg­ge.

Di Lu­zio si è ispi­ra­to a fat­ti real­men­te ac­ca­du­ti, ad esem­pio l’au­to­ge­stio­ne di un grup­po di una cin­quan­ti­na di don­ne so­ste­nu­te dal­la Fe­der­brac­cian­ti di Ce­glie Mes­sa­pi­ca nell’esta­te del 1986; e la vi­cen­da di Lo­ren­za Con­te, brac­cian­te di Oria che nel ’93, al­la te­sta di un grup­po di don­ne, riu­scì a met­ter­si d’ac­cor­do con il sin­da­co del suo pae­se, l’uf­fi­cio di col­lo­ca­men­to di Fran­ca­vil­la Fon­ta­na e un’azien­da agri­co­la di Po­li­co­ro per rea­liz­za­re un si­ste­ma di re­clu­ta­men­to e tra­spor­to li­be­ro dai ca­po­ra­li. Du­rò po­co pe­rò. La sua au­to fu bru­cia­ta, e la stes­sa sor­te toc­cò ai set­te pull­man uti­liz­za­ti dal­le don­ne. Di Lu­zio rac­con­ta an­che que­ste vi­cen­de nell’ap­pen­di­ce del vo­lu­me, «No­te di sto­ria del ca­po­ra­la­to». Il ro­man­zo ve­ro e pro­prio, in­ve­ce, la­scia spa­zio al­la de­scri­zio­ne del­la gen­te, dei luo­ghi; fac­ce e ca­rat­te­ri, sui qua­li il pas­sa­to sem­bra non pas­sa­re mai. For­se è un cli­ché, d’ac­cor­do. Ma i cli­ché non na­sco­no mai per ca­so.

Ter­ra A si­ni­stra, brac­cian­ti nei cam­pi di po­mo­do­ri. So­pra, la co­per­ti­na del li­bro di Di Lu­zio, pub­bli­ca­to dall’edi­to­re sa­len­ti­no Be­sa, che ha se­de a Nar­dò, vi­ci­no al­le ter­re dell’Ar­neo tea­tro di sto­ri­che ri­vol­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.