Pa­gel­le ai bian­co­ros­si suf­fi­cien­za, ma non a tut­ti

Pri­me va­lu­ta­zio­ni sul la­vo­ro di Gros­so. Di­fe­sa in cre­sci­ta. Man­ca­no i gol dei cen­tra­van­ti

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Pa­squa­le Ca­pu­ti

Le ga­lop­pa­te, e so­prat­tut­to i gol, di Im­pro­ta. L’in­ven­ti­va di Ga­la­no. Ma an­che la fre­schez­za di Bu­sel­la­to e un prin­ci­pio di so­li­di­tà di­fen­si­va che fa ben spe­ra­re. So­no le no­te lie­te del Ba­ri, do­po die­ci par­ti­te uf­fi­cia­li. Cer­to, ac­com­pa­gna­te da qual­che no­ta sto­na­ta, so­prat­tut­to de­ri­van­te da quel­li che do­ve­va­no ga­ran­ti­re qua­li­tà dall’espe­rien­za. Op­pu­re le­ga­ta a qual­che in­cer­tez­za di­fen­si­va che, a con­ti fat­ti, non può non pe­sa­re.

In un pa­gel­lo­ne di que­sto pri­mo spez­zo­ne di cam­pio­na­to, Im­pro­ta e Ga­la­no, con 10 gol in due, non pos­so­no non es­se­re su­gli scu­di. Di lo­ro si è ab­bon­dan­te­men­te par­la­to, ma il bel­lo è che spes­so e vo­len­tie­ri ra­gio­na­no di cop­pia. La re­te di Ga­la­no con il Ce­se­na è sta­ta frut­to dell’as­si­st di Im­pro­ta; il ri­go­re pro­cu­ra­to da que­st’ul­ti­mo con­tro l’Avel­li­no per­ve­ni­va da un pas­sag­gio ge­nia­le del pri­mo. Al­le spal­le dei due bom­ber ci so­no gio­ca­to­ri che si stan­no met­ten­do in bel­la mo­stra. Im­pos­si­bi­le di­men­ti­ca­re, per re­sta­re sul te­ma at­tac­co, l’ex­ploit di Cis­sè con la Ter­na­na: due gol, for­za fi­si­ca, per­so­na­li­tà, fac­cia to­sta. Pu­re do­me­ni­ca, con gli ir­pi­ni, seb­be­ne non sia an­da­to a se­gno, non si può di­re che il gui­nea­no non sia sta­to uti­le.

Il cen­tro­cam­po, so­prat­tut­to nel­la ver­sio­ne con Bu­sel­la­to, può dir­si pro­mos­so. L’ex Sa­ler­ni­ta­na ha as­si­cu­ra­to il di­na­mi­smo che og­get­ti­va­men­te man­ca­va. A Tel­lo, in­ve­ce, non è mai man­ca­to, seb­be­ne il co­lom­bia­no ul­ti­ma­men­te ap­pa­ia fre­ne­ti­co e im­pre­ci­so, ri­spet­to a un ini­zio di sta­gio­ne in cui in­ve­ce era par­so vi­va­ce ma pu­re lu­ci­do. Al­tra no­ta lie­ta, del­la qua­le aspet­tia­mo pe­rò la ne­ces­sa­ria con­fer­ma, è sta­ta Pe­tric­cio­ne. Lan­cia­to nel­la mi­schia, ha evi­den­zia­to per­so­na­li­tà e idee chia­re.

Pas­sia­mo al­la di­fe­sa, ed ec­co che lo slo­vac­co Gyom­ber è rap­pre­sen­ta­zio­ne pla­sti­ca dell’evo­lu­zio­ne po­si­ti­va del re­par­to. Ci ha mes­so fi­si­co e gam­ba, lea­der­ship e pu­re un di­scre­to pie­de. Non a ca­so, ne ha gio­va­to Mar­ro­ne, più li­be­ro di far par­ti­re l’azio­ne. L’idea che a com­ple­ta­re il ter­zet­to pos­sa es­se­re il neo ac­qui­sto Mo­di­bo Dia­ki­tè, la cui for­za ed esu­be­ran­za so­no no­te, è poi una buon via­ti­co per il fu­tu­ro, e non ne­ces­sa­ria­men­te a lun­go ter­mi­ne. Al mo­men­to, in­fat­ti, il fran­ce­se, uf­fi­cia­liz­za­to ie­ri (con­trat­to an­nua­le), non fa par­te del­la li­sta di Gros­so. Po­treb­be es­se­re di­spo­ni­bi­le a gen­na­io, ma non si può esclu­de­re che in ca­so di re­scis­sio­ne con­trat­tua­le con un «over» in li­sta, pos­sa es­se­re in cam­po ben pri­ma. Di cer­to, al net­to di una con­di­zio­ne fi­si­ca da ri­tro­va­re (era svin­co­la­to), Dia­ki­tè rap­pre­sen­ta un bel col­po.

Que­ste le no­te lie­te. Poi ci so­no quel­li da cui si at­ten­de di più. Par­ten­do dall’at­tac­co, gli uo­mi­ni di espe­rien­za per ora fan­no ci­lec­ca. Flo­ro Flo­res, re­cu­pe­ra­to do­po me­si di in­for­tu­nio, non rie­sce a tro­va­re non tan­to con­di­zio­ne, quan­to fi­du­cia. E di con­se­guen­za, do­po ot­to gior­na­te, il gol è una chi­me­ra. Brien­za è inap­pun­ta­bi­le per at­teg­gia­men­to, ma pu­re lui è un al­tro gio­ca­to­re ri­spet­to al «big» del­la pas­sa­ta sta­gio­ne. La sua ef­fi­ca­cia, fi­no­ra, è ri­scon­tra­ta a par­ti­ta in cor­so, ma quan­do si trat­ta di reg­ge­re i 90 mi­nu­ti, la fa­ti­ca si fa sen­ti­re. Ne­nè era par­ti­to be­ne, con gol e mo­vi­men­ti di gran­de uti­li­tà, ma do­po qual­che par­ti­ta si è spen­to. E la pan­chi­na è di­ven­ta­ta una con­se­guen­za. In­som­ma, per ora l’espe­rien­za non pa­ga in ter­mi­ni di re­ti, men­tre a cen­tro­cam­po, con Ba­sha, ot­tie­ne più con­sen­si. Ot­ti­mo è sta­to l’ini­zio dell’al­ba­ne­se, che pe­rò ora de­ve di­mo­stra­re con­ti­nui­tà a lun­go an­da­re.

Fa­cen­do un pas­so in­die­tro, Mar­ro­ne, do­po un av­vio bal­bet­tan­te, pa­re in con­for­tan­te cre­sci­ta, men­tre da Ca­pra­dos­si ci si at­ten­de un net­to sal­to di qua­li­tà. Le po­ten­zia­li­tà ci so­no, ora de­ve di­ven­ta­re gran­de. Gran­de Mi­cai lo è. Ma nel­la pri­ma par­te di sta­gio­ne, com­pli­ce una di­fe­sa zop­pi­can­te, ha pa­le­sa­to in­cer­tez­ze. I mi­ra­co­li tor­ne­ran­no, an­che per­ché, no­no­stan­te gli sci­vo­lo­ni, il Ba­ri è lì, a due pun­ti dal­le pri­me. E al­lo­ra so­gna­re non so­lo è pos­si­bi­le, ma ad­di­rit­tu­ra le­ci­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.