Idee e so­brie­tà La mano di Gros­so sul Ba­ri che pia­ce

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Mi­che­le Pen­net­ti

L’elo­gio del Ba­ri di Fa­bio Gros­so non è una que­stio­ne di so­stan­za (i ri­sul­ta­ti) ma di for­ma (il mo­do in cui ci si ar­ri­va). E’ l’omag­gio da ren­de­re a una for­ma­zio­ne in­clu­si­va, che con­sen­te a cia­scun cal­cia­to­re di es­se­re (e sen­tir­si) uti­le. È il me­ri­to da ri­co­no­sce­re a una fi­lo­so­fia tec­ni­ca che non è con­di­zio­na­ta dai mo­du­li, né tal­vol­ta dai sin­go­li (...)

(...) ma dai suoi con­te­nu­ti: fra­seg­gio pre­va­len­te a ter­ra, cam­bi di gio­co a ma­net­ta, mai un pal­lo­ne but­ta­to, li­nee dei re­par­ti vi­ci­nis­si­me. E’ l’en­co­mio da spe­di­re a chi fa del­la fles­si­bi­li­tà – tat­ti­ca e uma­na – un se­gno di­stin­ti­vo: Im­pro­ta go­lea­dor di raz­za e tor­nan­te ge­ne­ro­so nei ri­pie­ga­men­ti, Brien­za che in pan­chi­na sor­ri­de e in cam­po (quan­do en­tra, co­me do­me­ni­ca se­ra con il Pe­sca­ra) de­ci­de. E’ un in­no da suo­na­re in ono­re del­lo spi­ri­to di grup­po: l’olan­de­se An­der­sen che com­pa­re all’im­prov­vi­so e di­ven­ta il mar­tel­lo del­la fa­scia, Cas­sa­ni che non si to­glie mai la tu­ta ma si sfre­na dal­la gio­ia a ogni gol dei com­pa­gni, Ne­nè che ne­gli scam­po­li di par­ti­ta in cui vie­ne im­pie­ga­to sem­bra una ta­ran­to­la.

Se il Ba­ri sta ri­co­min­cian­do a fiu­ta­re l’idea di es­se­re com­pe­ti­ti­vo per la pro­mo­zio­ne in se­rie A, è per­ché è tor­na­to ad es­se­re una squa­dra ve­ra. Nel­la sua ver­sio­ne tan­gi­bi­le (i no­van­ta mi­nu­ti) e in­vi­si­bi­le (nel­lo spo­glia­to­io). Al pun­to da riac­cen­de­re il ra­gio­ne­vo­le en­tu­sia­smo del­la sua gen­te e com­pen­sa­re i li­mi­ti di una so­cie­tà che, epi­der­mi­ca­men­te e con al­cu­ni suoi at­teg­gia­men­ti, non ispi­ra sim­pa­tia. A dif­fe­ren­za del­la scor­sa sta­gio­ne, pe­rò, il pre­si­den­te Gian­ca­spro e (so­prat­tut­to) il suo brac­cio ope­ra­ti­vo So­glia­no sta­vol­ta han­no im­broc­ca­to la mos­sa. Sce­glien­do Gros­so, non si so­no so­lo por­ta­ti in ca­sa l’eroe di Ber­li­no 2006 ma an­che un uo­mo se­rio e un pro­fi­lo pro­fes­sio­na­le di al­to li­vel­lo. Il la­vo­ro dell’al­le­na­to­re - ma­nia­ca­le ma non os­ses­si­vo – sta va­lo­riz­zan­do le ri­sor­se che il di­ret­to­re spor­ti­vo gli ha mes­so a di­spo­si­zio­ne. La sua so­brie­tà è una ri­spo­sta a chi so­stie­ne che ades­so nel cal­cio ser­va­no più gli slo­gan che lo stu­dio e l’ap­pli­ca­zio­ne dei con­cet­ti di gio­co. Del­la se­rie, il mi­glior mar­ke­ting di se stes­si re­sta­no i fat­ti. Im­pos­si­bi­le sa­pe­re og­gi se il Ba­ri, pur sem­pre un can­tie­re aper­to, lot­te­rà fi­no in fon­do per sa­li­re nel mas­si­mo cam­pio­na­to. Di si­cu­ro sap­pia­mo og­gi che è di nuo­vo cre­di­bi­le. Im­per­fet­to al mo­men­to, con la sua ma­ni­fe­sta idio­sin­cra­sia al­le tra­sfer­te, ma sin­ce­ro. E questo ba­sta per pen­sa­re po­si­ti­vo e im­ma­gi­nar­si den­tro un fu­tu­ro me­no gri­gio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.