Le tre pro­vin­ce che da so­le fan­no Re­gio­ne

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Da Prima Pagina - di Pao­lo Pa­glia­ro

In­ter­ven­go in me­ri­to all’ar­ti­co­lo del sin­da­co di Lec­ce, Sal­ve­mi­ni, sul­le Ter­re d’Otran­to pub­bli­ca­to lu­ne­dì dal Cor­rie­re del Mez­zo­gior­no. Lo fac­cio par­ten­do da ri­fles­sio­ne del­lo stes­so sin­da­co.

«Che sen­so ha og­gi tor­na­re a par­la­re di Ter­ra d’Otran­to… si fa per par­la­re di pic­co­la pa­tria?». Ho se­ri dub­bi sul­le co­no­scen­ze sto­ri­che di Sal­ve­mi­ni e sul­la sua con­sa­pe­vo­lez­za del­le pro­ble­ma­ti­che che af­flig­go­no le tre pro­vin­ce di Lec­ce, Brin­di­si e Ta­ran­to. Lon­ta­no da ogni for­ma di cam­pa­ni­li­smo vo­glio pe­rò sot­to­li­nea­re l’im­por­tan­za di rin­sal­da­re il le­ga­me iden­ti­ta­rio e cul­tu­ra­le che lega a dop­pio fi­lo le tre co­mu­ni­tà che for­ma­no il Sa­len­to, da sem­pre in­sie­me , pro­prio com’è te­sti­mo­nia­to dal­la Ter­ra d’Otran­to. Non è ve­ro che ci ac­co­mu­na sol­tan­to la geo­gra­fia, ma ci ac­co­mu­na la sto­ria. Sia­no sto­ria e cul­tu­ra a riu­ni­re un ter­ri­to­rio che uo­mi­ni sen­za cul­tu­ra iden­ti­ta­ria han­no se­pa­ra­to, co­me Mus­so­li­ni nel pe­rio­do fa­sci­sta, di­vi­den­do­lo in tre pro­vin­ce e suc­ces­si­va­men­te, con una scel­ta bu­ro­cra­ti­ca, ac­cor­pan­do­lo a Ba­ri e Fog­gia in­ven­tan­do­si co­sì la Pu­glia. Le tre cit­tà in questione rap­pre­sen­ta­no un se­sto del­la po­po­la­zio­ne ma non han­no al­cu­na com­pe­ten­za su in­fra­strut­tu­re e pro­get­ti di svi­lup­po, ed è que­sto che do­vreb­be­ro ave­re, una cabina di regia, un en­te di pros­si­mi­tà pri­ma­rio per ge­sti­re e ge­stir­si, per cre­sce­re.

Per­ché si è fat­to di tut­to per te­ne­re scol­le­ga­ti que­ste cit­tà co­sì si­mi­li e co­sì vi­ci­ne? Ci sia­mo mai chie­sti di co­me po­treb­be cam­bia­re la sto­ria del­la co­mu­ni­ca­zio­ne e del­la con­nes­sio­ne se ci fos­se una stra­da di­ret­ta di col­le­ga­men­to a quat­tro cor­sie tra Lec­ce e Ta­ran­to? Sa­reb­be di ba­si­la­re im­por­tan­za per la cre­sci­ta. La politica si è con­cen­tra­ta sul­la cre­sci­ta di Ba­ri e di al­tre zo­ne di que­sta im­men­sa Pu­glia, la re­gio­ne più lun­ga d’Eu­ro­pa, che non ha più mo­ti­vo di esi­ste­re. È giun­ta l’ora di far rie­mer­ge­re lo stra­to sub re­gio­na­le in­giu­sta­men­te af­fos­sa­to in mo­do che Lec­ce, Brin­di­si, e Ta­ran­to, e cioè il Sa­len­to, di­ven­ti­no pro­ta­go­ni­sti del pa­no­ra­ma na­zio­na­le. Que­sta op­por­tu­ni­tà de­ve es­se­re crea­ta e con­qui­sta­ta, è una bat­ta­glia politica che do­vreb­be es­se­re com­bat­tu­ta tra­sver­sal­men­te par­ten­do an­che da un al­tro da­to ino­pi­na­bi­le: il Sa­len­to po­treb­be es­se­re l’un­di­ce­si­ma re­gio­ne su 21, con un mi­lio­ne e 800 mi­la abi­tan­ti. E par­ten­do da que­sta real­tà oc­cor­re ri­ven­di­ca­re l’au­to­no­mia per il Sa­len­to ri­cor­dan­do che lad­do­ve le re­gio­ni so­no di di­men­sio­ni ot­ti­ma­li, e pos­sia­mo fa­re gli esem­pi di Ba­si­li­ca­ta, Tren­ti­no Al­to Adi­ge, To­sca­na, Li­gu­ria e Um­bria, tut­to fun­zio­na be­ne. Non per ave­re una pic­co­la pa­tria (tut­te le re­gio­ni lo sa­reb­be­ro?), co­me di­ce il sin­da­co di Lec­ce, ma per di­ven­ta­re Re­gio­ne, per sbar­ca­re nel fu­tu­ro la­scian­do da par­te i con­di­zio­na­men­ti ideo­lo­gi­ci. Le so­lu­zio­ni so­no due: la pri­ma è una ri­for­ma co­me quel­la che per­mi­se al Mo­li­se nel 1963 di di­ven­ta­re Re­gio­ne. La se­con­da è sta­ta già trac­cia­ta, esi­ste un pro­get­to del­la So­cie­tà geo­gra­fi­ca ita­lia­na sul Rior­di­no ter­ri­to­ria­le che cam­bie­reb­be il vol­to del Pae­se per­met­ten­do a tut­ti di ave­re le stes­se pos­si­bi­li­tà di cre­sci­ta. Il Mo­vi­men­to Re­gio­ne Sa­len­to, che com­pie ot­to an­ni, ha le pro­po­ste per ri­da­re lu­stro al Sa­len­to e re­ste­rà in pri­ma li­nea per riu­ni­re Lec­ce, Brin­di­si e Ta­ran­to in una Re­gio­ne, non con le chiac­chie­re ma con l’im­pe­gno rea­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.