Al Pe­truz­zel­li lu­ne­dì se­ra il re­ci­tal di Gri­go­ry So­ko­lov

Il pia­ni­sta rus­so suo­ne­rà la So­na­ta n. 3 di Bee­tho­ven e gli Im­prov­vi­si di Schu­bert

Corriere del Mezzogiorno (Puglia) - - Tempo Libero -

Ap­pun­ta­men­to con un gran­dis­si­mo vir­tuo­so del pia­no­for­te clas­si­co, il rus­so Gri­go­ry So­ko­lov che lu­ne­dì se­ra (ore 20.30) si esi­bi­rà al Pe­truz­zel­li nell’am­bi­to del­la sta­gio­ne con­cer­ti­sti­ca 2018 del tea­tro li­ri­co ba­re­se. Il con­cer­to pro­por­rà: la So­na­ta n. 3 in do mag­gio­re, op. 2 n. 3 e 11 Nuo­ve Ba­ga­tel­le op. 119 di Lud­wig van Bee­tho­ven; e i 4 Im­prov­vi­si, op. po­st. 142 D.935 di Franz Schu­bert.

L’uni­ca e ir­ri­pe­ti­bi­le na­tu­ra del­la mu­si­ca suo­na­ta dal vi­vo è cen­tra­le per la com­pren­sio­ne dell’ar­te di Gri­go­ry So­ko­lov. Le poe­ti­che in­ter­pre­ta­zio­ni del pia­ni­sta rus­so, che pren­do­no vi­ta du­ran­te l’ese­cu­zio­ne con un’in­ten­si­tà mi­sti­ca, sca­tu­ri­sco­no dal­la pro­mes­si fon­da co­no­scen­za del­le opere che fan­no par­te del suo va­sto re­per­to­rio. I pro­gram­mi dei suoi re­ci­tal ab­brac­cia­no ogni co­sa, dal­le tra­scri­zio­ni del­la po­li­fo­nia sa­cra me­die­va­le e dai la­vo­ri per ta­stie­ra di Byrd, Cou­pe­rin, Ra­meau, Fro­ber­ger e Ba­ch a tut­to il re­per­to­rio clas­si­co e ro­man­ti­co con par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne a Bee­tho­ven, Schu­bert, Schu­mann, Cho­pin, Brahms e al­le com­po­si­zio­ni di ri­fe­ri­men­to del XX se­co­lo di Pro­ko­fiev, Ra­vel, Scria­bin, Ra­ch­ma­ni­nov, Schön­berg e Stra­vin­skij. Tra gli aman­ti del pia­no­for­te è am­pia­men­te con­si­de­ra­to uno dei mas­si­mi pia­ni­sti di og­gi, un ar­ti­sta am­mi­ra­to per la sua in­tro­spe­zio­ne vi­sio­na­ria, la sua ip­no­ti­ca spon­ta­nei­tà e la sua de­vo­zio­ne sen­za com­pro- al­la mu­si­ca.

Na­to a Le­nin­gra­do (ora San Pie­tro­bur­go), il suo pro­di­gio­so ta­len­to è sta­to ri­co­no­sciu­to nel 1966 quan­do, a so­li se­di­ci an­ni, è di­ven­ta­to il più gio­va­ne mu­si­ci­sta di sem­pre a vin­ce­re il Pri­mo Pre­mio al Con­cor­so In­ter­na­zio­na­le Ca­j­ko­v­skij di Mo­sca.

A dif­fe­ren­za di mol­ti pia­ni­sti, nu­tre un pro­fon­do in­te­res­se e una estre­ma co­no­scen­za tec­ni­ca dei pia­no­for­ti che suo­na. Pri­ma di ogni esi­bi­zio­ne è so­li­to pas­sa­re mol­te ore di stu­dio sul pal­co­sce­ni­co per ca­pi­re la per­so­na­li­tà e le pos­si­bi­li­tà del­lo stru­men­to con cui do­vrà con­di­vi­de­re il mo­men­to del con­cer­to. La cri­ti­ca mu­si­ca­le è sem­pre af­fa­sci­na­ta dal­la mi­ste­rio­sa abi­li­tà di So­ko­lov di sa­per «ri­leg­ge­re» la par­ti­tu­ra pro­po­nen­do in­ter­pre­ta­zio­ni ori­gi­na­li e sem­pre nuo­ve dei pez­zi che suo­na.

So­ko­lov è na­to a Le­nin­gra­do (og­gi San Pie­tro­bur­go) nel 1950

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.