Uc­ci­so dal­la sla­vi­na «Lu­ca te­me­va le con­ti­nue ne­vi­ca­te»

Il ri­cor­do de­gli amici. Man­del­li: lo pre­oc­cu­pa­va­no le tan­te ne­vi­ca­te

Corriere del Trentino - - Da Prima Pagina - M. R.

TREN­TO «Un ami­co», «un bra­vo pa­pà», «un uo­mo di po­che pa­ro­le, ma se­rio e se­re­no», «uno spor­ti­vo pre­pa­ra­to». Na­go, Tor­bo­le, Ar­co, Ri­va e Li­mo­ne: tut­to l’Al­to Gar­da pian­ge Lu­ca Beretta, il ti­to­la­re del ne­go­zio Skip­per che è sta­to uc­ci­so da una va­lan­ga in Nor­ve­gia, men­tre sta­va fa­cen­do un’usci­ta scial­pi­ni­sti­ca con tre amici, Pao­lo Ri­ghi (Ar­co), Fa­bio Spi­naz­zè (Ri­va) e Ales­san­dro Mar­col­la (Di­ma­ro).

Una va­can­za al Nord, un’usci­ta sui mon­ti di Lyn­gen, poi la tra­ge­dia. Gio­ve­dì una va­lan­ga (che ha som­mer­so an­che Mar­col­la che si è sal­va­to) non ha la­scia­to scam­po a Beretta, 48 an­ni, ori­gi­na­rio di Li­mo­ne, ma re­si­den­te a San Gior­gio (Ar­co) con la mo­glie Ma­riel­la e due fi­gli di 16 e 19 an­ni. La fa­mi­glia dell’uo­mo, ap­pe­na la ter­ri­bi­le no­ti­zia è rim­bal­za­ta nel­la Bu­sa, è su­bi­to par­ti­ta al­la vol­ta del­la Nor­ve­gia. Ie­ri i ca­ri di Beretta so­no rin­ca­sa­ti as­sie­me agli al­tri amici so­prav­vis­su­ti a quei dram­ma­ti­ci at­ti­mi; la sal­ma del 48en­ne ar­ri­ve­rà in­ve­ce tra una set­ti­ma­na cir­ca, il tem­po ne­ces­sa­rio per il tra­spor­to.

«Lu­ca era un ami­co da sem­pre, siamo cre­sciu­ti in un grup­po af­fia­ta­to. Ie­ri (ve­ner­dì, ndr) ci siamo tro­va­ti per cer­ca­re di ca­pi­re co­sa è suc­ces­so: è una man­can­za for­te per tut­ti noi. È sta­to un even­to im­prov­vi­so che ci ha col­to tut­ti im­pre­pa­ra­ti, siamo scioc­ca­ti». A par­la­re è Mas­si­mi­lia­no Mar­ti­nel­li, un ami­co fra­ter­no di Beretta. La men­te va ai mo­men­ti fe­li­ci: «Con Lu­ca ci siamo sa­lu­ta­ti do­me­ni­ca, pri­ma del­la sua par­ten­za — rac­con­ta sem­pre Mar­ti­nel­li — ave­va­mo pas­sa­to del tem­po as­sie­me. Ora sem­bra tut­to mol­to lon­ta­no, è dif­fi­ci­le ca­pi­re quel che è suc­ces­so. Lui era un gran­de spor­ti­vo, esper­to, pre­pa­ra­to, scru­po­lo­so, se­rio. Non osten­ta­va mai quel che fa­ce­va e non era mai coin­vol­to in ra­gio­na­men­ti estre­mi». Due le «ani­me spor­ti­ve» di Lu­ca: «Quel­la del­lo sci e quel­la del cal­cio». An­co­ra, l’ami­co lo de­scri­ve, fa­ti­can­do dav­ve­ro a usa­re il tem­po imperfetto: «Era una per­so­na ve­ra­men­te se­re­na, se­ria, di po­che pa­ro­le, ma di mol­ta so­stan­za. Un ami­co su cui si po­te­va con­ta­re, mol­to at­ti­vo nel­la co­mu­ni­tà. Ora sen­tia­mo la sua man­can­za».

Clau­dio Man­del­li, con­si­glie­re di Na­go-Tor­bo­le e ti­to­la­re di un ne­go­zio di no­leg­gio di bi­ci­clet­te, ri­cor­da la sua par­ten­za: «Lu­ne­dì è sta­to in ne­go­zio. Mi ha det­to: “Clau­dio, va­do an­co­ra una set­ti­ma­na in Nor­ve­gia a fa­re scial­pi­ni­smo, ma so­no pre­oc­cu­pa­to per­ché con­ti­nua a ne­vi­ca­re e c’è brut­to tem­po”. Lo pre­oc­cu­pa­va la tan­ta ne­ve. Lu­ca era spi­glia­to, un la­vo­ra­to­re se­rio, bra­vis­si­mo. Ci sa­pe­va pro­prio fa­re in ne­go­zio». An­che il sin­da­co di Na­go par­la di «una tra­ge­dia» e si di­ce «dav­ve­ro mol­to di­spia­ciu­to». Al ca­fé San Mar­co di Ri­va, vi­ci­no al ne­go­zio do­ve un tem­po la­vo­ra­va la mo­glie di Beretta, de­scri­vo­no il 48en­ne co­me di una «per­so­na ca­ris­si­ma, tran­quil­la con tut­ti, mol­to riservata».

Del­lo «spa­ven­to» vis­su­to par­la la mam­ma di Mar­col­la: «Ma una vol­ta che ab­bia­mo sen­ti­to Ales­san­dro che ci ha ras­si­cu­ra­ti al te­le­fo­no la se­ra stes­sa è un po’ pas­sa­to. Pe­rò poi pur­trop­po ab­bia­mo sa­pu­to che è mor­to un al­tro ragazzo». «Scioc­ca­to ma fi­si­ca­men­te in sa­lu­te», co­me gli al­tri due amici, Ales­san­dro è tor­na­to ie­ri in Ita­lia con i com­pa­gni di viaggio. In se­ra­ta l’ar­ri­vo a Mi­la­no.

In vet­ta Uno scat­to fat­to in Nor­ve­gia

Spor­ti­vo Una bel­la fo­to di Lu­ca Beretta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.