Ba­rac­co e l’Edi­po Re «È l’uo­mo in ri­vol­ta»

Il re­gi­sta pre­sen­ta la tra­ge­dia al So­cia­le da gio­ve­dì

Corriere del Trentino - - Tempo libero - Sil­via Pa­gliu­ca

È un gran­de clas­si­co, tra­ge­dia del ri­co­no­sci­men­to e del ro­ve­scia­men­to. Da gio­ve­dì a do­me­ni­ca, An­drea Ba­rac­co por­ta al Tea­tro So­cia­le di Tren­to Edi­po Re, ca­po­la­vo­ro di So­fo­cle, con in sce­na la cop­pia d’ec­ce­zio­ne Ro­ber­to Stur­no e Glau­co Mau­ri. E pro­prio con Mau­ri sa­rà pos­si­bi­le ri­flet­te­re sul­lo spet­ta­co­lo, ve­ner­dì 24 mar­zo, al­le 17.30, du­ran­te il tradizionale ap­pun­ta­men­to con il «Foyer del­la pro­sa». A an­ti­ci­pa­re i trat­ti fon­da­men­ta­li del­la piè­ce, è il re­gi­sta An­drea Ba­rac­co, per la pri­ma vol­ta a Tren­to con un suo spet­ta­co­lo.

Come si è av­vi­ci­na­to a un’ope­ra im­mor­ta­le come Edi­po Re?

«È sta­to un per­cor­so mol­to af­fa­sci­nan­te, non so­lo per­ché ho avu­to mo­do di con­fron­tar­mi con un per­so­nag­gio, Edi­po, che è espres­sio­ne uni­ver­sa­le dell’agi­re uma­no, ma an­che per­ché ho po­tu­to rea­liz­za­re un per­so­na­le de­si­de­rio: la­vo­ra­re con due gran­dis­si­mi del tea­tro, Glau­co Mau­ri e Ro­ber­to Stur­no».

Mau­ri ha por­ta­to in sce­na più vol­te Edi­po, non ul­ti­mo l’Edi­po a Co­lo­no di cui è re­gi­sta: che ti­po di con­fron­to, ar­ti­sti­co e ge­ne­ra­zio­na­le, si è crea­to tra voi?

«Glau­co Mau­ri è uno de­gli ul­ti­mi gran­di at­to­ri di tra­di­zio­ne del tea­tro ita­lia­no e po­ter la­vo­ra­re con lui è sta­ta una bel­la sco­per­ta, a li­vel­lo ar­ti­sti­co e per­so­na­le. Ha mo­stra­to una straor­di­na­ria umil­tà, met­ten­do­si com­ple­ta­men­te a ser­vi­zio del­lo spet­ta­co­lo e so­prat­tut­to, il dit­ti­co crea­to tra i no­stri due spet­ta­co­li, Edi­po Re ed Edi­po a Co­lo­no, ha di­mo­stra­to come ge­ne­ra­zio­ni lon­ta­ne fra lo­ro pos­sa­no af­fron­ta­re la tra­ge­dia clas­si­ca con li­ber­tà e sen­si­bi­li­tà spe­ci­fi­che». Qual è l’aspet­to che più l’ha col­pi­ta del re te­ba­no?

«Ri­ten­go straor­di­na­rio il mo­do in cui Edi­po non si ar­ren­de a in­fe­li­ci­tà e men­zo­gna, è un per­so­nag­gio me­ra­vi­glio­so per­ché rap­pre­sen­ta l’uo­mo nel suo vo­ler­si ri­bel­la­re al co­ntes­to in cui vi­ve. Espri­me, cioè,

un de­si­de­rio sen­za tem­po: an­da­re ol­tre l’am­bi­guo, an­che a pro­prie spe­se».

Una vol­ta sco­per­to di aver in­con­scia­men­te uc­ci­so il pa­dre e spo­sa­to la ma­dre, in­fat­ti, Edi­po si ac­ce­ca.

«Sì, e que­sto se­gna il pas­sag­gio tra l’Edi­po Re e l’Edi­po a Co­lo­no. Nel pri­mo te­sto ab­bia­mo un per­so­nag­gio in­ten­to a in­ter­ro­gar­si sul­la pro­pria iden­ti­tà, tor­men­ta­to da un’in­tui­zio­ne, quel­la stes­sa in­tui­zio­ne che lo por­te­rà al­la verità. Nel se­con­do te­sto, in­ve­ce, lo ri­tro­via­mo con l’uni­co so­ste­gno del­la fi­glia An­ti­go­ne, ad Ate­ne, pron­to a mo­ri­re guar­dan­do a que­sto mo­men­to come a una sor­ta di liberazione. Il de­lit­to e la sven­tu­ra tro­va­no nel­la sof­fe­ren­za la ca­tar­si».

A en­fa­tiz­za­re que­sta in­da­gi­ne sull’ani­mo uma­no, la sce­no­gra­fia. A co­sa si è ispi­ra­to?

«Ho scel­to un’am­bien­ta­zio­ne fat­ta di ma­te­ria­li po­ve­ri con un gran­de fon­da­le di fer­ro ne­ro e sta­tue che ri­chia­ma­no le ope­re di Jan­nis Kou­nel­lis a sim­bo­leg­gia­re l’inat­tra­ver­sa­bi­li­tà del­la reg­gia di Edi­po. Ma l’ele­men­to ri­ve­la­to­re è la pi­sci­na po­sta al cen­tro del­la sce­na: l’ac­qua è sim­bo­lo di pu­ri­fi­ca­zio­ne e, al tem­po stes­so, del­la pu­tre­fa­zio­ne che aleg­gia a Te­be, in­va­sa dal­la pe­ste».

È un eroe im­mor­ta­le, di­spo­sto a pa­ga­re pur di an­da­re ol­tre l’am­bi­guo Po­ter la­vo­ra­re con Glau­co Mau­ri è sta­ta una sco­per­ta no­te­vo­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.