I Mar­le­ne e l’og­gi «Po­ca cu­rio­si­tà»

San­bà­po­lis, ve­ner­dì c’è la band

Corriere del Trentino - - Tempo libero - Fabio Nap­pi

I Mar­le­ne Kun­tz chiu­do­no ve­ner­dì al Tea­tro San­bà­po­lis di Tren­to (al­le 22) l’«Ono­ra­te il Vi­le Tour», che ce­le­bra i vent’an­ni dall’usci­ta del lo­ro se­con­do di­sco. La band di Cri­stia­no Go­da­no (vo­ce e chi­tar­ra), Ric­car­do Te­sio (chi­tar­re), Lu­ca Ber­gia (bat­te­ria) e Lu­ca «La­ga­sh» Sa­po­ri­ti (bas­so) tor­na in ter­ra tren­ti­na, per iniziativa di Fia­ba­mu­sic in col­la­bo­ra­zio­ne con il Cen­tro San­ta Chia­ra, per chiu­de­re in bel­lez­za. Il vi­le (1996) non sa­rà ese­gui­to in un uni­co bloc­co né in or­di­ne cro­no­lo­gi­co ma al­ter­na­to al­le can­zo­ni del più re­cen­te Lun­ga At­te­sa (2016).

Ne ab­bia­mo chie­sto la ra­gio­ne al chi­tar­ri­sta Ric­car­do Te­sio. «Lun­ga At­te­sa è usci­to l’an­no scor­so e ci pia­ce­va con­ti­nua­re a por­tar­lo in gi­ro dal vi­vo — spie­ga — ma in real­tà men­tre lo re­gi­stra­va­mo ci ri­cor­da­va mol­to Il Vi­le, in par­ti­co­la­re nei suo­ni di chi­tar­ra. C’è quin­di un fi­lo ros­so che lega i due di­schi e poi è ca­du­to l’an­ni­ver­sa­rio del Vi­le e pa­rec­chi ci han­no chie­sto di fare qual­co­sa per ce­le­brar­lo». A dif­fe­ren­za di Go­da­no, sem­pre mol­to fi­si­co ed elet­tri­co sul pal­co, Te­sio man­tie­ne un im­per­tur­ba­bi­le aplomb an­che quan­do ese­gue i riff più in­cen­dia­ri, ma dal pun­to di vi­sta com­po­si­ti­vo il suo ap­por­to è fon­da­men­ta­le non so­lo nel­le par­ti di chi­tar­ra ma an­che sul­le li­nee di bas­so. «Nel ca­so di Lun­ga At­te­sa ho scrit­to le par­ti di bas­so ma poi ci ha pen­sa­to La­ga­sh a ese­guir­le, men­tre per Nel­la tua lu­ce (2013) ho scrit­to e suo­na­to en­tram­be in stu­dio. La­ga­sh suo­na con noi or­mai da die­ci an­ni ed è di­ven­ta­to qua­si a tut­ti gli ef­fet­ti “il quar­to Mar­le­ne”. Di­co qua­si per­ché la fa­se di com­po­si­zio­ne par­te da noi tre, che vi­via­mo a Cu­neo, poi lui en­tra nel­la fa­se suc­ces­si­va».

Che ef­fet­to fa ri­pro­por­re Il vi­le a vent’an­ni di di­stan­za e quan­to è cam­bia­to il pub­bli­co che vi se­gue? «Dà in­dub­bia­men­te sod­di­sfa­zio­ne ve­de­re il ri­scon­tro che an­co­ra ha un di­sco scrit­to ven­ti­due an­ni fa. Co­mun­que que­sto tour è ri­vol­to più ai fan no­stri che quel di­sco lo co­no­sco­no be­ne piut­to­sto che ai cu­rio­si: ri­spet­to ad al­tri tour ci so­no meno gio­va­ni sotto i trent’an­ni. In li­nea ge­ne­ra­le cre­do ci sia meno cu­rio­si­tà ri­spet­to agli an­ni ’90, an­che per­ché pro­ba­bil­men­te la sce­na rock ita­lia­na è meno in­te­res­san­te. Av­ver­ti­vo più fer­men­to e vo­glia di suo­na­re musica pro­pria nel pe­rio­do in cui un fe­no­me­no un­der­ground come il grun­ge di­ven­ta­va main­stream con una rea­zio­ne a ca­te­na vir­tuo­sa tra ad­det­ti ai la­vo­ri, ra­dio e lo­ca­li. Og­gi pur­trop­po i club ten­do­no a chiu­de­re o pun­ta­no sul­le cover band». So­no an­co­ra di­spo­ni­bi­li in pre­ven­di­ta i bi­gliet­ti al prez­zo di 17 eu­ro (20 al­la cas­sa del tea­tro il gior­no del con­cer­to).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.