«La mia pic­co­la Ma­ya non mi fa dor­mi­re, ma ora so­gno To­kyo»

Corriere del Trentino - - Sport - E.Fer.

Isuoi ol­tre tre­cen­to­mi­la fol­lo­wer su In­sta­gram l’avran­no no­ta­to. I po­st e le stories pub­bli­ca­ti di re­cen­te da Ta­nia Ca­gnot­to so­no sem­pre più spes­so a te­ma spor­ti­vo: lei, lo sta­dio Dru­so di Bol­za­no, gli al­le­na­men­ti, Fran­ce­sca Dal­la­pè. Del re­sto, è no­to a tut­ti or­mai che la tren­ti­na com­pa­gna di mil­le ga­re stia la­vo­ran­do da al­me­no un an­no ai fian­chi del­la «col­le­ga» bol­za­ni­na per con­vin­cer­la a ten­ta­re di bat­te­re l’ul­ti­mo re­cord: To­kyo 2020. Pa­re, in­som­ma, ci sia riu­sci­ta: «Ho ce­du­to» am­met­te la pri­ma campionessa mon­dia­le ita­lia­na nei tuf­fi e la se­con­da in as­so­lu­to do­po Klaus Di­bia­si. Mam­ma di Ma­ya dal gen­na­io scor­so, si è ri­ti­ra­ta dall’at­ti­vi­tà ago­ni­sti­ca nel mag­gio del 2017, ma l’oro al tram­po­li­no da 1 me­tro agli As­so­lu­ti di tuf­fi a To­ri­no po­treb­be non es­se­re la sua ul­ti­ma me­da­glia. «Ve­dre­mo co­me an­drà – ri­flet­te – ma­le che va­da ci sa­re­mo co­mun­que al­le­na­te un po’». In­sie­me al pa­pà Gior­gio e al­la com­pa­gna di sin­cro Dal­la­pè, Ta­nia Ca­gnot­to sa­rà pro­ta­go­ni­sta do­ma­ni al Festival del­lo sport al tea­tro So­cia­le al­le 19 per par­la­re dell’ «epopea in­fi­ni­ta dei tuf­fi».

Ca­gnot­to, da qual­che tem­po ha ri­pre­so ad al­le­nar­si con Fran­ce­sca Dal­la­pè: è il pre­lu­dio al vo­stro ri­tor­no?

«Fran­ce­sca col­ti­va que­sto so­gno da un po’ e al­la fi­ne ho ce­du­to. Pro­vo ad al­le­nar­mi, ve­do fi­no a do­ve rie­sco ad ar­ri­va­re: se riu­scia­mo a rag­giun­ge­re una buo­na for­ma fi­si­ca pro­ve­re­mo a qua­li­fi­car­ci, se in­ve­ce ci ac­cor­gia­mo che con le due bim­be, e Ma­ya è an­co­ra più pic­co­la di Lu­do­vi­ca, di­ven­ta trop­po com­pli­ca­to, la­sce­re­mo per­de­re, nes­su­na tra­ge­dia. Se non tol­go del tem­po a mia fi­glia e la ve­do se­re­na be­ne, al­tri­men­ti non ne va­le più la pe­na, per­ché ab­bia­mo già da­to e ab­bia­mo chiu­so in bel­lez­za. Mal che va­da, ci sia­mo man­te­nu­te in for­ma».

Tut­to que­sto è ri­fe­ri­to na­tu­ral­men­te al­le Olim­pia­di di To­kyo del 2020, giu­sto?

«Cer­to. Fran­ce­sca è de­ci­sis­si­ma e ca­ri­chis­si­ma, io so­no an­co­ra nel­la fa­se in cui non so nem­me­no se cre­der­ci. Pe­rò nel frat­tem­po mi al­le­no, poi ve­drò».

Ha ci­ta­to sua fi­glia Ma­ya, na­ta il 23 gen­na­io scor­so: com’è cam­bia­ta la sua vi­ta ne­gli ul­ti­mi no­ve me­si?

«Pa­rec­chio, nel sen­so che ades­so gi­ra tut­to in­tor­no a lei. Non si dor­me più co­me pri­ma, i rit­mi di vi­ta so­no tut­ti dif­fe­ren­ti. Cer­to, rie­sco co­mun­que a fa­re tan­te co­se in­sie­me a lei, ma le prio­ri­tà, ov­via­men­te, cam­bia­no. È una gran bel­la av­ven­tu­ra».

Del­la vi­ta da atle­ta, in­ve­ce, le man­ca qual­co­sa?

«Di­rei non tan­to la vi­ta da atle­ta, quan­to piut­to­sto il pe­rio­do se­gui­to al­le Olim­pia­di di Rio pro­ba­bil­men­te, che è sta­to for­se l’an­no più bel­lo di tut­ti. Da atle­ta ave­vo co­mun­que tan­te re­spon­sa­bi­li­tà e dovevo sop­por­ta­re pa­rec­chie pres­sio­ni. Se ci ri­flet­to, mi man­ca viaggiare con la squa­dra, ga­reg­gia­re, la li­ber­tà che ave­vo. Ma quell’adre­na­li­na che mi di­vo­ra­va no, non mi man­ca per nul­la».

Guar­dan­do so­lo al pa­no­ra­ma in­ter­na­zio­na­le, lei ha vin­to 62 me­da­glie: ce n’è una più bel­la del­le al­tre?

«In­di­che­rei quel­le con­qui­sta­te al­le Olim­pia­di di Rio nel 2016 e l’oro ai Mon­dia­li di Ka­zan dell’an­no pre­ce­den­te. La me­da­glia olim­pi­ca (bron­zo nel tram­po­li­no da 3 me­tri e ar­gen­to nel sin­cro con Dal­la­pè) la rin­cor­re­vo da quan­do ave­vo 15 an­ni ed è sta­ta dun­que il co­ro­na­men­to del so­gno di

La com­pa­gna Fran­ce­sca Dal­la­pè ha in­si­sti­to e al­la fi­ne ho ce­du­to. Ve­dre­mo co­me an­drà, ma­le che va­da ci sa­re­mo co­mun­que al­le­na­te in­sie­me e ci sa­re­mo te­nu­te in for­ma

una vi­ta. Aver la­scia­to al­le spal­le a Ka­zan nel tram­po­li­no da un me­tro Shi Ting­mao poi, la ci­ne­se più for­te di quel pe­rio­do, è val­so quan­to una me­da­glia olim­pi­ca. So­no due mo­men­ti che ri­cor­do mol­to vo­len­tie­ri».

Il te­ma del «Festival del­lo sport» è il re­cord e lei ne ha bat­tu­ti tan­ti: è sta­ta la pri­ma e uni­ca don­na ita­lia­na a con­qui­sta­re una me­da­glia d’oro mon­dia­le nei tuf­fi, è la tuf­fa­tri­ce eu­ro­pea con il mag­gior nu­me­ro di po­di in car­rie­ra. Ce ne sa­reb­be an­co­ra uno che vor­reb­be in­fran­ge­re?

«Quel­lo che stia­mo pro­van­do a fa­re io e Fran­ce­sca, ov­ve­ro un’Olim­pia­de da mam­me, po­treb­be es­se­re un ul­te­rio­re e im­por­tan­te re­cord da bat­te­re. Per ora è un so­gno, ve­dre­mo se riu­sci­re­mo a con­cre­tiz­zar­lo».

Co­sa ve­de nel fu­tu­ro ita­lia­no del­la di­sci­pli­na dei tuf­fi?

«Do­po che io e Fran­ce­sca ab­bia­mo smes­so, i mon­dia­li di Bu­da­pe­st del lu­glio 2017 so­no an­da­ti mol­to be­ne, con il bron­zo di Gio­van­ni Toc­ci nel tram­po­li­no da un me­tro e la stes­sa me­da­glia di Ele­na Ber­toc­chi sem­pre nel tram­po­li­no da un me­tro e di Ales­san­dro De Ro­se dal­le gran­di al­tez­ze. An­che gli Eu­ro­pei del­lo scor­so ago­sto a Edim­bur­go han­no por­ta­to in do­te quat­tro me­da­glie. Ades­so si ve­drà in que­sto qua­drien­nio co­me si com­por­te­ran­no i no­stri gio­va­ni nel­le ga­re va­li­de per le qua­li­fi­ca­zio­ni al­le Olim­pia­di: io spe­ro che a To­kyo pos­sa­no ar­ri­va­re più atle­ti pos­si­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.