Corriere del Trentino

IL VI­RUS E I PAT­TI TRA IM­PRE­SE

- Di Tom­ma­so Dal­la Mas­sa­ra Germany

Man a ma­no che i me­si pas­sa­no, ap­pa­re più chia­ro che il tem­po che stia­mo vi­ven­do non rap­pre­sen­ta uno sta­to di ec­ce­zio­ne, una pa­ren­te­si en­tro la li­nea di una nor­ma­li­tà che era e che sa­rà. Sia­mo in­ve­ce al­le so­glie di un’epo­ca nuo­va. A mol­ti non è pia­ciu­ta la si­mi­li­tu­di­ne tra pan­de­mia e guer­ra, ma non è fa­ci­le smen­ti­re chi pre­co­niz­za che, quan­do tut­to sa­rà fi­ni­to, sem­bre­rà di ri­pren­de­re la vi­ta co­me in una fa­se post­bel­li­ca; e si sa che, do­po la guer­ra, la vi­ta non è mai ugua­le a pri­ma.

Tan­to si è det­to dei co­sti eco­no­mi­ci di que­sta cri­si. Da tem­po di guer­ra, ap­pun­to. Ap­pa­re in­ve­ce in par­te ine­splo­ra­to l’im­pat­to del­la pan­de­mia sul si­ste­ma del­le re­go­le che go­ver­na­no i no­stri rap­por­ti pri­va­ti: quel­li tra im­pre­se, pro­fes­sio­ni­sti, la­vo­ra­to­ri. Ep­pu­re, la pan­de­mia ha già col­pi­to la fi­sio­no­mia di quel­le re­go­le: è un’enor­me so­prav­ve­nien­za ne­ga­ti­va quel­la che si è ab­bat­tu­ta sui rap­por­ti con­trat­tua­li, fa­cen­do sal­ta­re il pre­ca­rio equi­li­brio sul qua­le quei rap­por­ti si reg­ge­va­no. Il si­ste­ma del­le re­go­le non era pron­to ad as­sor­bi­re il col­po. È co­me se una fra­gi­le ra­gna­te­la di re­la­zio­ni con­trat­tua­li, fat­te di tan­te for­ni­tu­re e sub­for­ni­tu­re, ga­ran­zie, rap­por­ti com­mer­cia­li, d’un trat­to si fos­se squar­cia­ta.

Ipat­ti so­no da ri­spet­ta­re, sem­pre: ma in tan­ti ca­si è as­sai dif­fi­ci­le, se non ad­di­rit­tu­ra im­pos­si­bi­le, te­ner fe­de agli im­pe­gni pre­si pri­ma. La cri­si ha mes­so in di­scus­sio­ne, se non la stes­sa ca­pa­ci­tà di adem­pi­men­to, quan­to­me­no la tem­pe­sti­vi­tà dell’adem­pi­men­to: quan­ti so­no og­gi a chie­de­re una di­la­zio­ne di pa­ga­men­to? In qual­che ca­so, per ora piut­to­sto spo­ra­di­co, i giu­di­ci si so­no pro­nun­cia­ti nel sen­so che un cer­to ri­tar­do pos­sa pu­re es­se­re tol­le­ra­bi­le. Il te­ma è vi­vo a Nor­de­st: que­sto ter­ri­to­rio è fat­to per lar­ghis­si­ma par­te di pic­co­le im­pre­se che re­sta­no a gal­la pro­prio per­ché si ba­sa­no su una stret­ta in­ter­con­nes­sio­ne: se l’uno non pa­ga all’al­tro, que­st’ul­ti­mo non rie­sce a sua vol­ta ad adem­pie­re, e la pa­to­lo­gia pre­sto si al­lar­ga a mac­chia d’olio. La fran­tu­ma­zio­ne di que­sta re­te re­la­zio­na­le ha ge­ne­ra­to ora uno sta­to di in­cer­tez­za che ap­pa­re dif­fi­ci­le da ge­sti­re.

La pri­ma stra­da, da tut­ti sug­ge­ri­ta, è quel­la di ten­ta­re, ogni vol­ta che sia pos­si­bi­le, una ri­ne­go­zia­zio­ne dei rap­por­ti. Fa­ci­le a dir­si. Oc­cor­re­reb­be che i sog­get­ti di que­sta re­te – e in Tren­ti­no Al­to Adi­ge spes­so so­no me­di o pic­co­li, ma­ga­ri po­co as­si­sti­ti giu­ri­di­ca­men­te – tro­vas­se­ro il pun­to di com­pro­mes­so per fles­si­bi­liz­za­re i lo­ro ac­cor­di.

Per il fu­tu­ro, poi, sen­za dub­bio è ne­ces­sa­rio pre­di­spor­re re­go­le ad as­set­to va­ria­bi­le, strut­tu­ra­te in ra­gio­ne di co­me gli sce­na­ri si evol­vo­no via via. Es­sen­zia­le è po­ten­zia­re al mas­si­mo il ruo­lo del­le me­dia­zio­ni e de­gli ar­bi­tra­ti, ma an­che spe­ri­men­ta­re for­me di ibri­da­zio­ne tra le pri­me e i se­con­di.

I pro­ble­mi pe­rò re­sta­no. Tan­to più a fron­te di que­sta re­cru­de­scen­za del vi­rus, gli eser­ci­zi com­mer­cia­li che era­no te­nu­ti a pa­ga­re ca­no­ni di lo­ca­zio­ne ele­va­ti non rie­sco­no più a ono­ra­re gli im­pe­gni. Pri­ma dell’esta­te, al­cu­ni gran­di sog­get­ti del­la di­stri­bu­zio­ne so­no riu­sci­ti a im­po­sta­re stra­te­gie di ri­ne­go­zia­zio­ne su lar­ga sca­la; chi in­ve­ce ha le spal­le stret­te – il sin­go­lo ar­ti­gia­no, il pic­co­lo ven­di­to­re – e ma­ga­ri ha con­fi­da­to nel­la ri­pre­sa esti­va, ora si tro­va all’an­go­lo.

La Ger­ma­nia, per esem­pio, ha va­ra­to già all’ini­zio del­la pan­de­mia una le­gi­sla­zio­ne spe­cia­le in ma­te­ria di Co­vid che in­tro­du­ce mo­ra­to­rie di pa­ga­men­to e so­spin­ge al­la ma­nu­ten­zio­ne con­trat­tua­le. E qui da noi? Non po­treb­be es­se­re il ca­so di pen­sa­re, al­me­no a li­vel­lo re­gio­na­le, a for­me coor­di­na­te di sup­por­to e as­si­sten­za al­la ri­ne­go­zia­zio­ne? Il te­ma è tut­to da im­po­sta­re. Ma è chia­ro che il do­ma­ni sa­rà mol­to di­ver­so dal pas­sa­to: ed è ne­ces­sa­rio fa­re i con­ti con la gran­de tra­sfor­ma­zio­ne in cor­so. È que­sta l’uni­ca con­di­zio­ne per­ché una ri­co­stru­zio­ne po­st-bel­li­ca dav­ve­ro vi sia.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy