Corriere del Trentino

Ve­ro­ne­si: «Il mio th­ril­ler am­bien­ta­to in Tren­ti­no»

Il th­ril­ler «XY» am­bien­ta­to in un borgo iso­la­to tra i mon­ti di­ven­ta me­ta­fo­ra con­tem­po­ra­nea del­la pau­ra per il Co­vid Li­bro sull’ac­cet­ta­zio­ne, an­che quan­do non c’è sal­vez­za

- di Fran­ce­sca Vi­sen­tin Books · La nave di Teseo · Madonna

Un al­be­ro ghiac­cia­to, ros­so vi­vo, in­tri­so di san­gue. Una stra­ge ai pie­di di quell’al­be­ro: un­di­ci vi­te strap­pa­te da un­di­ci cau­se di mor­te di­ver­se. Un th­ril­ler am­man­ta­to di mi­ste­ro e tut­to am­bien­ta­to in Tren­ti­no-Al­to Adi­ge, nel ro­man­zo di Sandro Ve­ro­ne­si, XY (La na­ve di Te­seo, 450 pa­gi­ne, 15 eu­ro) .

Gli abi­tan­ti di Borgo San Giu­da (no­me di fan­ta­sia), pae­si­no di 42 ani­me in Tren­ti­no, tra­vol­ti dall’or­ro­re di que­ste mor­ti mi­ste­rio­se, da te­sti­mo­ni at­to­ni­ti del ma­le, di­ven­ta­no i pro­ta­go­ni­sti e tut­ti in­sie­me sci­vo­la­no in una fol­lia col­let­ti­va.

Ri­pub­bli­ca­to da La na­ve di Te­seo die­ci an­ni do­po l’usci­ta con Fan­dan­go, il ro­man­zo di Ve­ro­ne­si, scrit­to­re due vol­te Pre­mio Stre­ga, tra­sci­na nel­la pau­ra di fron­te a un ma­le in­con­trol­la­bi­le e mi­ste­rio­so. Un ro­man­zo che sem­bra par­la­re dell’og­gi e del­la pau­ra che in­ca­te­na il mon­do a cau­sa del­la pan­de­mia da Co­vid-19.

I pro­ta­go­ni­sti del li­bro, don Er­me­te e Gio­van­na Gas­sion, gio­va­ne psi­chia­tra in fu­ga da un amo­re fi­ni­to, cer­che­ran­no di met­te­re in sal­vo quel mon­do di po­che ani­me. Una real­tà che pa­re lon­ta­nis­si­ma, ma in real­tà rap­pre­sen­ta noi, og­gi.

«Borgo San Giu­da non era nem­me­no più un pae­se, era un vil­lag­gio. Set­tan­ta­quat­tro ca­se, di cui più del­la me­tà ab­ban­do­na­te, un bar, uno spac­cio di ali­men­ta­ri e la chie­sa con la sua ca­no­ni­ca, spro­po­si­ta­te in con­fron­to al re­sto... Era un po­sto che non esi­ste­va qua­si, e nes­su­no riu­sci­rà mai a ca­pi­re per­chè quel­lo che è suc­ces­so sia suc­ces­so pro­prio lì, do­ve non suc­ce­de­va nien­te».

«XY» un ro­man­zo ri­pub­bli­ca­to do­po die­ci an­ni che sem­bra per mol­ti ver­si pre­mo­ni­to­re, una me­ta­fo­ra del­la con­tem­po­ra­nei­tà.

«Il fat­to è che og­gi più di die­ci an­ni fa è ne­ces­sa­rio tro­va­re il mo­do e la for­za di ac­cet­ta­re il ma­le sen­za aver­lo ca­pi­to e com­bat­tu­to - spie­ga Sandro Ve­ro­ne­si - . L’at­tua­le fol­le si­tua­zio­ne di pan­de­mia, che gra­va su qua­si tut­ti i po­po­li del mon­do, è una mi­nac­cia, pri­ma an­co­ra che fi­si­ca (con il vi­rus pron­to ad ag­gre­dir­ci), psi­chi­ca, per­ché po­treb­be spin­ge­re ognu­no di noi a ol­tre­pas­sa­re il pro­prio pun­to di rot­tu­ra. Que­sto av­vie­ne tan­to più quan­to me­no sco­pria­mo di es­se­re in gra­do di ac­cet­ta­re l’in­sa­tu­ro, cioè qual­sia­si ma­ni­fe­sta­zio­ne svuo­ta­ta di si­gni­fi­ca­to».

Per­ché la scel­ta di am­bien­ta­re la sto­ria in Tren­ti­no?

«Ave­vo bi­so­gno di quel­lo che og­gi vie­ne chia­ma­to “clu­ster” (an­che die­ci an­ni fa, pe­ral­tro, e in­fat­ti que­sto ter­mi­ne vie­ne uti­liz­za­to) con de­ter­mi­na­te ca­rat­te­ri­sti­che, e un vil­lag­gio di mon­ta­gna era l’idea­le. In Tren­ti­no per­ché vo­le­vo che aves­se una sto­ria, tan­to il borgo quan­to la geo­gra­fia che lo con­tie­ne, una sto­ria fat­ta di con­fi­ni che bal­la­no a ogni guer­ra, e quin­di fat­ta an­che di ibri­da­zio­ne, con­flit­ti sa­na­ti, ci­vil­tà, bellezza. Mi ve­ni­va me­glio in­ven­tar­mi i miei po­sti im­ma­gi­na­ri in una cor­ni­ce co­me quel­la del Tren­ti­no»

I per­so­nag­gi e la chiu­su­ra di Borgo San Giu­da, do­ve le fa­mi­glie so­no in­cro­cia­te tra lo­ro, tro­va ter­re­no fer­ti­le nel cam­pa­ni­li­smo, dif­fi­den­za e osti­li­tà ver­so l’in­te­gra­zio­ne e «gli al­tri», che ca­rat­te­riz­za per al­cu­ni aspet­ti il Tren­ti­no-Al­to Adi­ge?

«Sì, ma è pro­prio quell’in­cro­ciar­si di fa­mi­glie, di et­nie, di lin­gue, che strut­tu­ra an­che quel mi­nu­sco­lo pae­si­no co­me me­ta­fo­ra di un in­te­ro mon­do , co­sa che non sa­reb­be sta­ta pos­si­bi­le in un ana­lo­go borgo dell’ap­pen­ni­no to­sca­no o abruz­ze­se. È un li­bro sull’ac­cet­ta­zio­ne, sul­la sal­vez­za dal­la fol­lia e an­che sul­la non sal­vez­za. Borgo San Giu­da è una spe­cie di pre­se­pe. Si trat­ta­va di me­ta­fo­riz­za­re la mor­te, in suc­ces­sio­ne ra­pi­da, di en­tram­bi i miei ge­ni­to­ri sen­za che si po­tes­se far nul­la, sen­za che la scien­za po­tes­se di­re per­ché si era­no pre­si il can­cro tut­ti e due in­sie­me, per­ché non c’era una cu­ra».

Ci so­no in­con­tri av­ve­nu­ti in Tren­ti­no che han­no ispi­ra­to al­cu­ne fi­gu­re nar­ra­ti­ve del ro­man­zo?

«No. Quel­lo che por­to nel­la me­mo­ria del Tren­ti­no è la straor­di­na­ria bellezza del pae­sag­gio, e da­to che so­no uno scia­to­re, dei com­pren­so­ri scii­sti­ci. Là do­ve, non a ca­so (a Ma­don­na di Cam­pi­glio) ho de­ci­so di ter­mi­na­re il ro­man­zo con una di­sce­sa ca­tar­ti­ca e li­be­ra­to­ria di una del­le pi­ste di sci più bel­le del mon­do, la Tre».

Il mi­ste­ro che non ar­ri­va a una ri­spo­sta, il ma­le che non tro­va spie­ga­zio­ne pos­so­no es­se­re con­so­la­to­ri in que­sto mo­men­to di pan­de­mia mon­dia­le in cui pa­re non esi­sta­no cer­tez­ze?

«Con­so­la­to­ri non cre­do, an­che per­ché non è di con­so­la­zio­ne che ab­bia­mo bi­so­gno in que­sto mo­men­to, ma di ca­pa­ci­tà di ac­cet­ta­zio­ne. L’at­tua­le si­tua­zio­ne mon­dia­le ren­de que­sto ro­man­zo più at­tua­le di quan­do è usci­to, die­ci an­ni fa: ma l’uni­ca ri­spo­sta che la sua let­tu­ra può da­re agli an­go­scio­si in­ter­ro­ga­ti­vi che stia­mo vi­ven­do in que­sti me­si è che di­nan­zi a un igno­to co­sì po­ten­te e strut­tu­ra­to non dob­bia­mo por­re con­di­zio­ni, ma sem­pli­ce­men­te tro­va­re il mo­do di at­tra­ver­sar­lo sen­za per­de­re noi stes­si, per poi go­de­re del pri­vi­le­gio di par­te­ci­pa­re al “do­po”.

Per­ché un do­po c’è sem­pre, ce l’avrà an­che que­sta si­tua­zio­ne as­sur­da. Og­gi sia­mo al­le pre­se con un ma­le mi­ste­rio­so: una pan­de­mia che non si sa da do­ve vie­ne, co­me si tra­smet­te, co­me si dia­gno­sti­ca, co­me si cu­ra o co­me ci si vac­ci­na. E dob­bia­mo ac­cet­tar­lo sen­za sci­vo­la­re nel­la fol­lia. Og­gi nes­su­no mi può più con­te­sta­re quel­lo che mi si con­te­sta­va al­lo­ra, quan­do il li­bro è usci­to la pri­ma vol­ta die­ci an­ni fa: il mi­ste­ro che non si ri­sol­ve».

Al­la fi­ne il mes­sag­gio del ro­man­zo è quel­lo dell’ac­cet­ta­zio­ne: non c’è sal­vez­za, ma si può ar­ri­va­re all’ac­cet­ta­zio­ne. E’ que­sta la con­clu­sio­ne?

«È que­sta, sì. Ma il ro­man­zo sta lì a mo­stra­re quan­to sia dif­fi­ci­le».

Ha scrit­to que­sto li­bro do­po la mor­te dei suoi ge­ni­to­ri, la nar­ra­zio­ne l’ha aiu­ta­ta a ela­bo­ra­re quell’enor­me lut­to?

«Ne ero già usci­to, in­ten­de­vo sol­tan­to da­re con­to del ne­ro che si è ad­den­sa­to su di me nei pri­mi tem­pi del­la mia vi­ta da or­fa­no. Quan­do, sen­za per l’ap­pun­to un ge­sto di ac­cet­ta­zio­ne, avrei po­tu­to an­da­re via lun­go la tan­gen­te ver­so la mia rot­tu­ra, co­me ac­ca­de pur­trop­po a qua­si tut­ti i per­so­nag­gi del ro­man­zo».

Un pre­te e una psi­chia­tra so­no mes­si a con­fron­to nel­la sto­ria. La re­li­gio­ne e la scien­za pos­so­no tro­va­re un dia­lo­go co­strut­ti­vo?

«L’han­no tro­va­to sva­ria­te vol­te, nel cor­so del­la sto­ria. A mag­gior ra­gio­ne se non so­no le isti­tu­zio­ni che si par­la­no ma due es­se­ri uma­ni co­me Don Er­me­te e la dot­to­res­sa Gas­sion. Il lo­ro con­fron­to e il dia­lo­go che ne sca­tu­ri­sce, non ser­ve a sal­va­re le per­so­ne di cui i due in­ten­de­va­no pren­der­si cu­ra, ma al­me­no ser­ve a sal­va­re lo­ro. Il pre­te don Er­me­te, è il pro­ta­go­ni­sta an­che­de­gli Sfio­ra­ti, vent’an­ni do­po. Era im­por­tan­te che io co­no­sces­si il suo pas­sa­to, il suo se­gre­to, di cui par­lo ne­gli Sfio­ra­ti. XY è sta­to cru­cia­le nel mio per­cor­so, è il li­bro dei 5o an­ni, del­la ma­tu­ri­tà, quel­lo in cui, per una vol­ta, mi so­no li­be­ra­to del te­ma qua­si os­ses­si­vo pa­dri e fi­gli. Quel­lo dell’ac­cet­ta­zio­ne è de­ci­si­vo.

È ve­ro che ap­par­te­nia­mo a una ci­vil­tà che pen­sa di do­ve­re sem­pre pro­gre­di­re, ma è an­che ve­ro che per an­da­re avan­ti de­vi es­se­re strut­tu­ra­to e pron­to a sta­re fer­mo».

Chi do­vreb­be leg­ge­re que­sto ro­man­zo e per­chè?

«For­se po­treb­be rap­pre­sen­ta­re una sor­pre­sa per chi ha let­to sol­tan­to i miei due ro­man­zi più ce­le­bri, Caos cal­mo e Il co­li­brì. Avreb­be la di­mo­stra­zio­ne che non è ve­ro che io par­lo so­lo di bor­ghe­sia e di per­so­ne be­ne­stan­ti».

 L’at­tua­le pan­de­mia ren­de que­sta sto­ria mol­to più at­tua­le di die­ci an­ni fa  Ciò che è igno­to va at­tra­ver­sa­to sen­za per­der­si nè sci­vo­la­re nel­la fol­lia

 ??  ??
 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy