Corriere del Trentino

CATTANI FE­DE­LE AL­LA TER­RA UNA CREA­TU­RA FU­TU­RA

- di Pao­lo Ghez­zi Politics

Il no­stro pre­si­den­te Cattani ri­ven­di­ca­va una coe­ren­za di fe­del­tà al­la ter­ra.

«Ec­co, que­sta vol­ta pos­so di­re di es­se­re fe­de­le». Co­sì di­ce­va Pier­gior­gio Cattani, la mat­ti­na di sa­ba­to 7 no­vem­bre, vi­gi­lia del suo tran­si­to, pri­ma di scri­ver­mi la bel­lis­si­ma fra­se sul suo vo­ler di­ven­ta­re una nu­vo­la leg­ge­ra, che ho ri­cor­da­to al fu­ne­ra­le. Ri­spon­de­va al­la ci­ta­zio­ne del gior­no con cui scan­di­vo il no­stro dia­lo­go quo­ti­dia­no sul suo fu­tu­ro po­li­ti­co, che quel sa­ba­to era: «Chi è fe­de­le in co­se di po­co con­to, è fe­de­le an­che in co­se im­por­tan­ti; e chi è di­so­ne­sto in co­se di po­co con­to, è di­so­ne­sto an­che in co­se im­por­tan­ti» (Lu­ca 16, 10). Dun­que il no­stro pre­si­den­te Cattani ri­ven­di­ca­va una coe­ren­za di fe­del­tà.

Ma fe­del­tà a che co­sa? Per dir­la con uno dei suoi mae­stri — Bo­n­hoef­fer, il gran­de teo­lo­go in­car­ce­ra­to e uc­ci­so dai na­zi­sti — Pier­gior­gio è sta­to in­nan­zi­tut­to «fe­de­le al­la ter­ra». Cre­den­te con­vin­to, pro­iet­ta­to sul con­fi­ne estre­mo dell’esi­sten­za da un cor­po as­se­dia­to e mi­nac­cia­to dal ma­le, ha vis­su­to una pas­sio­ne pro­fon­da sia per la fi­lo­so­fia la let­te­ra­tu­ra e le co­se «ul­ti­me» del­la teo­lo­gia, sia per le co­se sem­pli­ci del­la vi­ta. Gli pia­ce­va­no le can­zo­ni e la mu­si­ca clas­si­ca, la vi­sta del­le mon­ta­gne e, ul­ti­ma­men­te, mez­zo bic­chie­re di ros­so da be­re con la sua can­nuc­cia.

E gli pia­ce­va im­men­sa­men­te la po­li­ti­ca. No­no­stan­te le in­fi­ni­te cat­ti­ve­rie, iste­rie e me­schi­ni­tà del­la po­li­ti­ca di bas­so pro­fi­lo, sem­pre lì a di­vi­de­re an­zi­ché a riu­ni­re, ri­cu­ci­re, sin­to­niz­za­re.

La po­li­ti­ca co­me un «so­gno po­po­la­re», ave­va in­ti­to­la­to un suo li­bro. Per lui co­sì cru­del­men­te in­cep­pa­to, la po­li­ti­ca era mo­vi­men­to, co­no­scen­za, av­ven­tu­ra. Gli pia­ce­va tes­se­re re­la­zio­ni, col­ti­va­re pro­get­ti, lan­cia­re sfi­de e nuo­ve si­gle. Non si era la­scia­to sco­rag­gia­re do­po che, in un’al­tra epo­ca, l’ave­va­no esclu­so da una li­sta per­ché non al­li­nea­to al leader. Con Fu­tu­ra, fi­nal­men­te, il leader era di­ven­ta­to lui. Te­sta li­be­ra e for­te, de­te­sta­va pe­rò la lo­gi­ca dell’uo­mo so­lo al co­man­do.

E la stes­sa me­ti­co­lo­sa at­ten­zio­ne che ri­ser­va­va al­la ste­su­ra dei suoi fre­quen­tis­si­mi ar­ti­co­li, la de­di­ca­va al­la mo­di­fi­ca di un com­ma, al­la ste­su­ra di un or­di­ne del gior­no, al chiariment­o qua­si este­nuan­te — via mail o chat — di un’idea. Sa­pe­va che le pa­ro­le so­no im­por­tan­ti, non van­no spre­ca­te, van­no pen­sa­te. Per­ché lo sco­po del­le pa­ro­le uma­ne sa­reb­be di te­ne­re in­sie­me i fi­li di un dia­lo­go, non quel­lo di fe­ri­re, spac­ca­re e strap­pa­re. «Tu sai co­me so­no fat­to io, so­no un il­lu­so che pen­sa che coin­vol­ge­re le per­so­ne in una stra­te­gia in­clu­den­te sia me­glio che rom­pe­re». Per­ciò, per cia­scu­na e cia­scu­no ave­va una pa­ro­la, un pen­sie­ro, ma­ga­ri una mu­si­ca, co­me l’aria mon­te­ver­dia­na del­lo Ze­fi­ro.

Ec­co, que­sta è la fe­del­tà di Pier­gior­gio al­la ter­ra, al­la vi­ta pre­sen­te e ai suoi ri­ti e rit­mi can­gian­ti: la po­li­ti­ca co­me servizio per ren­de­re mi­glio­re la ter­ra che abi­tia­mo. Più re­spi­ra­bi­le. Per que­sto è sta­to non so­lo un pen­sa­to­re ge­nia­le ma an­che un es­se­re uma­no pre­sen­te, at­ten­to, instancabi­le nel ri­ven­di­ca­re il ri­spet­to per i vi­ven­ti e le lo­ro in­sop­pri­mi­bi­li dif­fe­ren­ze.

Che il suo ul­ti­mo ar­ti­co­lo, in li­mi­ne mor­tis, sia sta­to una cri­ti­ca del con­cet­to di leg­ge na­tu­ra­le per di­fen­de­re la pie­na di­gni­tà dell’amo­re tra due uo­mi­ni o tra due don­ne, ci la­scia la sua im­pron­ta. Per lui, Fu­tu­ra era «par­te­ci­pa­zio­ne e so­li­da­rie­tà»: non so­lo una nuo­va si­gla ma un espe­ri­men­to po­li­ti­co di pro­ie­zio­ne sul do­ma­ni. Una poe­sia su cui avrei vo­lu­to chie­der­ti un commento, Pgc, ma ci è man­ca­to il tem­po, è il Can­ti­co di Juan de la Cruz: «Bu­scan­do mis amo­res… cer­can­do i miei amo­ri an­drò su per i mon­ti e le ri­vie­re, non co­glie­rò più un fio­re, non te­me­rò le fie­re ma pas­se­rò i for­ti e le fron­tie­re».

Mi pa­re il tuo ri­trat­to: vai sem­pre ol­tre, at­tra­ver­san­do i con­fi­ni e cer­can­do di am­man­si­re le bel­ve, tu, Pier­gior­gio, crea­tu­ra fu­tu­ra.

 ??  ?? In­sie­me Ghez­zi e Cattani
In­sie­me Ghez­zi e Cattani

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy