Corriere del Trentino

«At­ti­ra­re qui i me­di­ci mi­glio­ri»

Azien­da sa­ni­ta­ria, Be­ne­tol­lo di­ret­to­re. «Il mio obiet­ti­vo è un ospe­da­le po­li­cen­tri­co»

- Don­gil­li Health · Medicine · Vicenza Calcio · Mauritius · Trento · Vicenza

At­ti­ra­re e te­ne­re «gli spe­cia­li­sti più bra­vi». È que­sta la sfi­da che il neo di­ret­to­re dell’Azien­da sa­ni­ta­ria Pier Pao­lo Be­ne­tol­lo vuol cor­re­re. «Sci e scuo­le, og­gi non si può apri­re. Fra 15 gior­ni ve­dre­mo» af­fer­ma. Quel­la di Be­ne­tol­lo, già al po­sto di Bor­don, è una con­fer­ma.

TRENTO La no­mi­na è ar­ri­va­ta da po­che ore. Ma Pier Pao­lo Be­ne­tol­lo, na­to a Vi­cen­za nel 1961, è già al la­vo­ro. «Mi so­no fat­to fa­re una ri­co­gni­zio­ne del per­so­na­le che ave­va­mo e di quel­lo che ab­bia­mo ades­so e sto stu­dian­do la si­tua­zio­ne». Eh sì per­ché la sfi­da con cui Be­ne­tol­lo, già sul­la pol­tro­na che fu di Pao­lo Bor­don co­me fa­cen­te fun­zio­ni da lu­glio, ini­zia que­sto man­da­to quin­quen­na­le è quel­la del­le per­so­ne, dei pro­fes­sio­ni­sti: «Vor­rei trat­te­ne­re e da ades­so for­ma­re i pro­fes­sio­ni­sti mi­glio­ri. Il si­ste­ma sa­ni­ta­rio og­gi ha bi­so­gno di su­per spe­cia­li­sti». Be­ne­tol­lo è sta­to scel­to dal­la giun­ta «per quan­to di­mo­stra­to du­ran­te la pan­de­mia — ha det­to il go­ver­na­to­re Mau­ri­zio Fu­gat­ti — e per il suo cur­ri­cu­lum». Lau­rea­to a Padova, si è spe­cia­liz­za­to in ge­ria­tria pri­ma e in igie­ne e me­di­ci­na pre­ven­ti­va poi. Ha al­le spal­le una lun­ga car­rie­ra di di­re­zio­ni di azien­de sa­ni­ta­rie, dal Friu­li al vi­cen­ti­no. Nel feb­bra­io 2020 è sta­to no­mi­na­to di­ret­to­re sa­ni­ta­rio dell’Azien­da pro­vin­cia­le.

Dot­tor Be­ne­tol­lo, di­ven­ta­re di­ret­to­ri nel mez­zo di una pan­de­mia mon­dia­le non è co­sa da tut­ti i gior­ni...

«Di­cia­mo che da un la­to sen­to la re­spon­sa­bi­li­tà, un pe­so e una fa­ti­ca che so di do­ver con­ti­nua­re a por­ta­re avan­ti. Dall’al­tra par­te que­sta no­mi­na con­sen­te di guar­da­re ol­tre e an­da­re avan­ti, ed è una co­sa di cui c’è bi­so­gno per il per­so­na­le e gli ope­ra­to­ri, c’è un nuo­vo ci­clo di pro­gram­ma­zio­ne da met­te­re in cam­po, per­ché poi, a un cer­to pun­to, il Co­vid pas­sa e dob­bia­mo af­fron­ta­re le al­tre sfi­de. So­no or­go­glio­so di que­sta no­mi­na, per­ché quel­la tren­ti­na è una del­le gran­di azien­de del Pae­se».

Stan­do al Co­vid, co­sa avreb­be fat­to o fa­reb­be ades­so di più o di me­glio per con­te­ne­re

la pan­de­mia?

«Au­men­ta­re il li­vel­lo di co­mu­ni­ca­zio­ne. Dav­ve­ro, mi cre­da: il con­tact tra­cing, le te­ra­pie, i tam­po­ni, tut­to vie­ne do­po. Io lo so che tut­ti so­no stan­chi, ma se da que­sta se­ra tut­ti i tren­ti­ni ri­spet­tas­se­ro la qua­ran­te­na e un me­tro e mez­zo di di­stan­za in­dos­san­do sem­pre la ma­sche­ri­na, tra due o tre set­ti­ma­ne gli ospe­da­li tor­ne­reb­be

ro al­la nor­ma­li­tà».

Co­me spes­so ac­ca­de la co­sa più sem­pli­ce è la più com­pli­ca­ta. Ma stan­do co­sì la si­tua­zio­ne, lei apri­reb­be pi­ste e scuo­le in di­cem­bre?

«Noi sia­mo tec­ni­ci, non pren­dia­mo de­ci­sio­ni, la­vo­ria­mo con i da­ti in ma­no: og­gi non si può apri­re; se fra due set­ti­ma­ne le co­se mi­glio­re­ran­no si po­trà va­lu­ta­re».

Il Co­vid, di­ce­va, pri­ma o poi pas­se­rà. E al­lo­ra qual è la pri­ma co­sa che fa­rà, la sfi­da che vuo­le in­se­gui­re?

«Dal pun­to di vi­sta del­la vi­sio­ne la mi­su­ra prin­ci­pa­le è riu­sci­re a trat­te­ne­re e at­ti­ra­re i pro­fes­sio­ni­sti mi­glio­ri, me­di­ci e in­fer­mie­ri. I pro­fes­sio­ni­sti ven­go­no in­vo­glia­ti dai luo­ghi do­ve si fa be­ne, do­ve si fa ri­cer­ca e cre­do che noi, an­che fa­vo­ri­ti dal­la na­sci­ta del­la Scuo­la di me­di­ci­na, dob­bia­mo pun­ta­re a quel­lo».

La giun­ta ha an­nun­cia­to di vo­ler man­da­re in pen­sio­ne il si­ste­ma hub and spo­ke su cui si strut­tu­ra­va l’azien­da sa­ni­ta­ria per va­lo­riz­za­re un mo­del­lo di sa­ni­tà dif­fu­sa. «Cre­do di es­se­re una per­so­na di equi­li­brio: bi­so­gna tro­va­re un nuo­vo bi­lan­cia­men­to tra i no­stri ospe­da­li, il ter­ri­to­rio e le cu­re ex­trao­spe­da­lie­re che si è vi­sto quan­to sia­no im­por­tan­ti du­ran­te que­sta emer­gen­za. Se gli ospe­da­li han­no ret­to è per­ché i no­stri ope­ra­to­ri fan­no un la­vo­ro im­por­tan­te sul ter­ri­to­rio. Dob­bia­mo fa­re sin­te­si tra que­sto e la ne­ces­si­tà di ave­re pro­fes­sio­ni­sti bra­vi, che cer­ca­no le spe­cia­liz­za­zio­ni. Quel­lo di cui c’è bi­so­gno so­no i su­per­spe­cia­li­sti e per fa­re le spe­cia­li­tà bi­so­gna ave­re ba­ci­ni am­pi. Per que­sto dob­bia­mo pas­sa­re a una azien­da po­li­cen­tri­ca do­ve ogni ospe­da­le e ogni ter­ri­to­rio ab­bia la sua spe­ci­fi­ci­tà».

L’obie­zio­ne che si fa spes­so è che in un ospe­da­le di val­le è dif­fi­ci­le ave­re ca­si­sti­ca e dun­que te­ne­re spe­cia­li­sti.

«Ma la me­di­ci­na non è piat­ta: un con­to so­no le ur­gen­ze e per que­sto ser­ve un ba­ri­cen­tro im­por­tan­te. Ma a Trento ar­ri­va­no pa­zien­ti da tut­to il Tren­ti­no per gli spe­cia­li­sti: se creia­mo una spe­cia­li­tà a Cles piut­to­sto che a Bor­go non ve­do per­ché i pa­zien­ti non pos­sa­no ar­ri­va­re fi­no a lì se lì tro­va il cen­tro di ri­co­no­sciu­ta ec­cel­len­za. Chi la­vo­ra a Bor­go de­ve es­se­re or­go­glio­so di far­lo». Ora do­vrà no­mi­na­re la sua ter­na di di­ri­gen­ti.

«No­mi non ne fac­cio, ma fa­rò pre­sto, una o due set­ti­ma­ne».

Pi­ste e scuo­le aper­te? Ora non è pos­si­bi­le, for­se tra 15 gior­ni

Se tut­ti fos­se­ro li­gi nel ri­spet­to del­le re­go­le ospe­da­li pre­sto al­la nor­ma­li­tà

 ??  ?? Av­vi­cen­da­men­to A si­ni­stra Pao­lo Bor­don, a de­stra Be­ne­tol­lo
Av­vi­cen­da­men­to A si­ni­stra Pao­lo Bor­don, a de­stra Be­ne­tol­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy