«Idro­via, Za­ia fac­cia la sua par­te Il go­ver­no c’è»

De Menech par­la con i tec­ni­ci a Ro­ma: in­te­res­se per il progetto che pe­rò non vie­ne per­ce­pi­to co­me una prio­ri­tà

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Ma. Bo.

«I sol­di per l’idro­via? Il mi­ni­ste­ro è pron­to a fa­re la sua par­te, ma la Re­gio­ne non può pre­ten­de­re che il go­ver­no si muo­va sul­la ba­se di una let­te­ra spe­di­ta a Ro­ma, sen­za al­cun con­tat­to e al­cun se­gui­to». Co­sì il de­pu­ta­to del Pd Ro­ger De Menech, uf­fi­cia­le di col­le­ga­men­to tra il Ve­ne­to e il mi­ni­stro Del­rio.

«I sol­di per l’idro­via, 461 mi­lio­ni, noi non li ab­bia­mo. Ho scrit­to al mi­ni­stro dei Tra­spor­ti Gra­zia­no Del­rio ma non ha mai ri­spo­sto» di­ce l’as­ses­so­re re­gio­na­le all’Am­bien­te Gian­pao­lo Bot­ta­cin. «La pal­la è in ma­no al mi­ni­ste­ro, è lì che si è bloc­ca­to tut­to ed è lì che de­vo­no dir­ci se in­ten­do­no o me­no por­ta­re avan­ti il progetto» si af­fian­ca­no i co­mi­ta­ti che da an­ni si bat­to­no per il com­ple­ta­men­to dell’au­to­stra­da sull’ac­qua. In­tan­to il pro­fes­so­re dell’uni­ver­si­tà di Padova Lui­gi D’Al­paos ri­ba­di­sce una vol­ta di più l’ur­gen­za del­la co­stru­zio­ne di que­sta in­fra­strut­tu­ra, con fun­zio­ne di ca­na­le scol­ma­to­re in gra­do di met­te­re in si­cu­rez­za l’area di Padova, e il pro­cu­ra­to­re re­gio­na­le del­la Cor­te dei con­ti Pao­lo Evan­ge­li­sta an­nun­cia l’aper­tu­ra di un fa­sci­co­lo per in­da­ga­re sul­lo spre­co dei 75 mi­lio­ni spe­si fi­no ad og­gi per con­che, di­ghe, ca­val­ca­via e ban­chi­ne di­ven­ta­te ne­gli an­ni com­ple­ta­men­te in­ser­vi­bi­li e ora­mai pre­da del più to­ta­le ab­ban­do­no. E il go­ver­no, che di­ce?

Ro­ger De Menech, de­pu­ta­to Pd e uf­fi­cia­le di col­le­ga­men­to tra il Ve­ne­to e Del­rio, ie­ri ha con­tat­ta­to il mi­ni­ste­ro per ave­re qual­che ri­spo­sta e ap­pro­fon­di­re il dos­sier. «In­tan­to chia­ria­mo che il go­ver­no non è as­so­lu­ta­men­te con­tra­rio al com­ple­ta­men­to dell’idro­via che di­fat­ti è in­se­ri­ta nel pro­gram­ma di svi­lup­po del­le infrastrutture. Poi va sgom­bra­to il cam­po da al­cu­ne die­tro­lo­gie che pu­re ho sen­ti­to, quel­le per cui l’idro­via ver­reb­be boi­cot­ta­ta per­ché fun­zio­na­le al­la rea­liz­za­zio­ne del por­to off-sho­re, che sa­reb­be con­tra­sta­to dal­la pre­si­den­te del Friu­li Venezia Giu­lia De­bo­ra Ser­rac­chia­ni in chia­ve di­fen­si­va di Trie­ste. Non c’è nul­la di ve­ro, il nuo­vo pre­si­den­te del Por­to di Venezia, Pi­no Mu­so­li­no, sta la­vo­ran­do be­ne, sen­za for­za­tu­re e an­ta­go­ni­smi». Tut­to ciò pre­mes­so, la do­man­da re­sta quel­la: il mi­ni­ste­ro è di­spo­ni­bi­le a fi­nan­zia­re il progetto de­fi­ni­ti­vo ed ese­cu­ti­vo e il pri­mo stral­cio dei la­vo­ri co­me chie­sto dal­la Re­gio­ne?

«Il mi­ni­ste­ro - ri­spon­de De Menech - è pron­to a fa­re la sua par­te, ma non al­le con­di­zio­ni at­tua­li. Par­lia­mo di un’opera mol­to co­sto­sa, che pre­ve­de can­tie­ri del­la du­ra­ta di an­ni, e la Re­gio­ne non può pre­ten­de­re che il go­ver­no si muo­va sul­la ba­se di una let­te­ra spe­di­ta a Ro­ma, sen­za al­cun se­gui­to. Ha idea Bot­ta­cin di quan­te let­te­re ar­ri­vi­no al mi­ni­ste­ro? E se le al­tre di­cian­no­ve Re­gio­ni fa­ces­se­ro al­tret­tan­to? Suv­via, non scher­zia­mo - con­clu­de il de­pu­ta­to dem - que­sto è so­lo un mo­do mal­de­stro per crear­si un ali­bi. La Re­gio­ne ha il progetto in ma­no, si muo­va per crea­re il con­sen­so ne­ces­sa­rio ad av­via­re un’in­ter­lo­cu­zio­ne for­te col go­ver­no, di­mo­stri di “cre­der­ci” al di là de­gli an­nun­ci sui gior­na­li e ve­drà che le por­te del mi­ni­ste­ro so­no aper­te».

In chiu­sa, pe­rò, De Menech si ri­ser­va una no­ta po­le­mi­ca: «Cer­to fa ri­flet­te­re che la Re­gio­ne stia sem­pre qui a chie­de­re l’au­to­no­mia, ri­ven­di­can­do di vo­ler fa­re da sé, ma poi si la­men­ti per­ché non in­ter­vie­ne lo Sta­to in suo soc­cor­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.