«Bi­so­li? Mi ri­cor­da tan­to pa­pà»

Pa­do­va-Trie­sti­na e Ti­to Roc­co, fi­glio del Pa­ron: «Uma­no ma du­ro quan­do ser­ve»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - SPORT - Di­mi­tri Ca­nel­lo

C’è una fra­se che af­fon­da le pro­prie ra­di­ci nel tem­po e che tor­na a far­si lu­ce nel­la set­ti­ma­na che por­ta a Pa­do­va Trie­sti­na, il derby tri­ve­ne­to che an­drà in sce­na ve­ner­dì se­ra al­lo sta­dio Eu­ga­neo.

È quel­la che Ti­to Roc­co, fi­glio del leg­gen­da­rio Ne­reo, ri­cor­da qua­si con le la­cri­me agli oc­chi e con un ve­lo di mal­ce­la­ta com­mo­zio­ne: «Mio pa­dre di­ce­va sempre, do­po aver al­le­na­to il Milan, che il suo ultimo de­si­de­rio sa­reb­be sta­to quel­lo di ri­por­ta­re il Pa­do­va e la Trie­sti­na in se­rie A. Ma pur­trop­po non ha fat­to in tem­po». Og­gi Ti­to ha 75 an­ni e il ri­trat­to del pa­dre, scom­par­so in una ge­li­da mat­ti­na di feb­bra­io del 1978, è per­so nei ri­cor­di di un tem­po che non c’è più, fug­gi­to via in un sof­fio di ven­to, la­scian­do die­tro di sé l’eco delle sue me­ra­vi­glio­se im­pre­se e del­la sua non co­mu­ne uma­ni­tà. «So­no si­cu­ro che mio pa­dre ve­ner­dì ac­cen­de­rà la tv — sor­ri­de Ti­to — non so do­ve tra­smet­ta­no da quel­le par­ti la par­ti­ta, ma so­no si­cu­ro che la guar­de­rà... Io, se po­trò, ver­rò all’Eu­ga­neo. An­zi, pen­so pro­prio che ci ver­rò. So che non è uno sta­dio mol­to ama­to, in ef­fet­ti il Roc­co di Trie­ste è de­ci­sa­men­te più bel­lo. Ma, guar­da il ca­so, la Trie­sti­na fa più fa­ti­ca in ca­sa che fuo­ri. For­se il Roc­co è trop­po gran­de ma se la Trie­sti­na an­drà in A so­no si­cu­ro che si riem­pi­rà».

Roc­co, ex di­ri­gen­te ala­bar­da­to, si com­muo­ve più vol­te, per­ché quan­do si par­la di Pa­mol­to do­va evi­den­te­men­te c’è un tuf­fo al cuo­re e le emo­zio­ni so­no tra­vol­gen­ti. «Io vi­vo a Trie­ste ma Pa­do­va è nel mio cuo­re. Ci ho vis­su­to sei an­ni, al tem­po Hum­ber­to Ro­sa era l’al­le­na­to­re bian­co­scu­da­to. Og­gi pur­trop­po an­che lui non c’è più, di quel­la squa­dra che mio pa­dre por­tò ai ver­ti­ci del calcio ita­lia­no so­no ri­ma­sti in po­chis­si­mi. E que­sto mi ri­cor­da una vol­ta di più quan­to sia di­ven­ta­to vec­chio an­che io». Lo spi­ri­to di Roc­co ve­glia su due ti­fo­se­rie ri­va­li, fra le qua­li esi­ste ed è sempre esi­sti­to un gran­dis­si­mo ri­spet­to re­ci­pro­co. «Dall’al­to mio pa­dre or­di­ne­rà gran bat­ta­glia — sor­ri­de Ti­to Roc­co — ma so­lo in cam­po. Par­lia­mo di due gran­di ti­fo­se­rie, che me­ri­te­reb­be­ro più di que­ste ca­te­go­rie. Mi­la­ne­se e Bia­sin a Trie­ste stan­no fa­cen­do be­nis­si­mo ma an­che a Pa­do­va c’è una buo­na di­ri­gen­za. L’ul­ti­ma vol­ta ven­ni all’Eu­ga­neo nel 2010, in oc­ca­sio­ne del­lo spa­reg­gio per ri­ma­ne­re in B che, al­la fi­ne, vin­se il Pa­do­va. Io spe­re­rei in un pa­reg­gio e che a fi­ne an­no en­tram­be sia­no pro­mos­se. Sa­reb­be il mas­si­mo e se lo me­ri­te­reb­be­ro. So­no due piaz­ze mi­ni­mo da se­rie B, se non an­che da se­rie A».

Dul­cis in fun­do, Pier­pao­lo Bi­so­li. Che qual­cu­no ha ac­co­sta­to pro­prio al Pa­ron, con un pa­ra­go­ne qua­si ir­ri­ve­ren­te ma che per Ti­to Roc­co può ave­re un fon­do di ve­ri­tà. «Bi­so­li mi pia­ce mol­to — sor­ri­de — l’ho co­no­sciu­to di­ver­si an­ni fa, sa­rà che ave­va ap­pe­na vin­to una par­ti­ta ma mi fe­ce dav­ve­ro una bel­lis­si­ma im­pres­sio­ne. L’ho con­ti­nua­to a se­gui­re an­che in que­sti an­ni nel cor­so del­la sua car­rie­ra e de­vo am­met­te­re che per cer­ti ver­si mi ri­cor­da mio pa­dre... È una per­so­na san­gui­gna, so­la­re e se­ve­ra al­lo stes­so tem­po, sa vo­ler be­ne ai ra­gaz­zi, cre­sce i gio­va­ni e ha sempre una pa­ro­la at­ten­ta per tut­ti. Ma se ser­ve sa pu­re ti­ra­re qual­che ur­lac­cio e ri­met­te­re subito in ri­ga chi va fuo­ri stra­da. Se­con­do me è l’al­le­na­to­re giu­sto per ri­por­ta­re in al­to il Pa­do­va. E sa­reb­be an­che ora che ci fos­se qual­cos’al­tro di epi­co da rac­con­ta­re in que­sta me­ra­vi­glio­sa cit­tà...».

Amar­cord Ti­to (a sx) e Bru­no Roc­co, i fi­gli del Pa­ron

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.