«I rim­bor­si? Il ve­ro scan­da­lo non è emer­so»

Due an­ni con i 5 Stel­le: «Il ve­ro scan­da­lo de­ve an­co­ra esplo­de­re»

Corriere del Veneto (Padova e Rovigo) - - DA PRIMA PAGINA - Ma. Bo.

«I man­ca­ti rim­bor­si? Il ve­ro scan­da­lo, ben più gros­so e più gra­ve, si an­ni­da al­tro­ve e non è an­co­ra esplo­so. Sta a mon­te del pro­ble­ma di cui si par­la in que­sti gior­ni, i ver­sa­men­ti non fat­ti op­pu­re fat­ti e poi re­vo­ca­ti, e cioè nel modo in cui ven­go­no cal­co­la­te le ci­fre che i parlamentari Cin­que Stel­le de­vo­no re­sti­tui­re. Le spe­se ven­go­no in­fat­ti si­ste­ma­ti­ca­men­te gon­fia­te, co­sì da ri­dur­re l’avan­zo da ri­con­se­gna­re e po­ter­si in­ta­sca­re più sol­di. Lo san­no tut­ti ma nes­su­no di­ce nien­te, an­che per­ché non c’è modo di con­trol­la­re o me­glio, nes­su­no vuo­le con­trol­la­re».

Tan­cre­di Tur­co, veronese, av­vo­ca­to, nel 2013 fu elet­to alla Ca­me­ra col Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le. Nel 2015 de­ci­se di usci­re dal grup­po e, in­sie­me ad al­tri no­ve pen­ta­stel­la­ti, die­de vi­ta ad Al­ter­na­ti­va Libera. Per due an­ni, dun­que, ha par­te­ci­pa­to alla «re­sti­tu­zio­ne vo­lon­ta­ria», di cui co­no­sce be­ne i mec­ca­ni­smi. Per al­tri tre an­ni ha vi­sto da vi­ci­no i col­le­ghi del Mo­vi­men­to al la­vo­ro, den­tro e fuo­ri dall’Au­la. E dun­que co­me fun­zio­na­no i rim­bor­si? «Lo sti­pen­dio del par­la­men­ta­re è com­po­sto di più vo­ci. C’è lo sti­pen­dio ve­ro e pro­prio, 5 mi­la eu­ro net­ti, che i parlamentari Cin­que Stel­le qua­si si di­mez­za­no re­sti­tuen­do 1.800 eu­ro al me­se. Poi c’è la dia­ria, 3.500 eu­ro, di fat­to un se­con­do sti­pen­dio, le­ga­ta alla par­te­ci­pa­zio­ne al­le se­du­te della Ca­me­ra e del Se­na­to. I parlamentari del Mo­vi­men­to han­no tas­si di pre­sen­za mol­to al­ti, sic­ché la ci­fra è quella più o me­no per tut­ti. Poi ci so­no le spe­se per l’eser­ci­zio del man­da­to, al­tri 3.700 eu­ro, più bo­nus ogni 4 me­si, sic­ché la ci­fra ar­ri­va a cir­ca 4.000».

Dun­que, 1.800 eu­ro ven­go­no stor­na­ti dal­lo sti­pen­dio, il re­sto?

«Dal­la dia­ria e dal­le spe­se per l’eser­ci­zio del man­da­to va re­sti­tui­to, se­con­do i det­ta­mi del Mo­vi­men­to, tut­to ciò che non è sta­to sbor­sa­to per l’at­ti­vi­tà par­la­men­ta­re: col­la­bo­ra­to­ri e con­su­len­ti, iniziative sul ter­ri­to­rio, ma an­che al­ber­ghi, ri­sto­ran­ti, ben­zi­na. Sic­ché più al­te so­no que­ste spe­se, me­no si de­ve re­sti­tui­re, il che spin­ge mol­ti a gon­fia­re gli im­por­ti».

Ci do­vran­no pur es­se­re del­le pez­ze giu­sti­fi­ca­ti­ve, o no? «Man­nò, qua­li pez­ze, è tut­to ba­sa­to sul­la fi­du­cia. Tu di­ci: ho spe­so 20 mi­la eu­ro di av­vo­ca­to. Fi­ne. Non de­vi pre­sen­ta­re al­cu­na par­cel­la o fat­tu­ra, hai det­to 20 mi­la e 20 mi­la ti puoi te­ne­re. E nes­su­no po­trà mai ve­ri­fi­ca­re al­cun­ché per­ché nes­su­na car­ta vie­ne con­se­gna­ta e de­po­si­ta­ta da qual­che par­te. Re­sta tut­to nel­le ma­ni dei parlamentari». Che si di­co­no pron­ti a ren­di­con­ta­re tut­to.

«Ma poi lo fan­no? Gli at­ti­vi­sti do­vreb­be­ro chie­der­lo, ri­cor­do che all’ini­zio ci fu per­si­no chi si dis­se di­spo­ni­bi­le a pub­bli­ca­re tut­to su Fa­ce­book, me­se per me­se... In­tan­to Fan­ti­na­ti so­stie­ne di spen­de­re 46 mi­la eu­ro di vit­to, Di Ma­io 6 mi­la eu­ro di can­cel­le­ria, Di Bat­ti­sta mi­glia­ia di eu­ro di av­vo­ca­ti per di­fen­der­si dal­le que­re­le. E c’è chi, co­me Lom­bar­di, è co­sì sfor­tu­na­ta che un la­dro le ru­ba pro­prio la bor­sa in cui c’era­no tut­ti gli scon­tri­ni...». Non è che lei pen­sa ma­le per­ché ha rot­to col M5s?

«Fi­gu­ria­mo­ci. Chia­ria­mo, qui è tut­to le­git­ti­mo, gli al­tri parlamentari pren­do­no gli stes­si sol­di, se li in­ta­sca­no e nes­su­no di­ce nien­te e men che me­no si so­gna di an­da­re a ve­de­re co­me ven­go­no spe­si. I Cin­que Stel­le, pe­rò, han­no sempre det­to di es­se­re di­ver­si, i “mi­glio­ri”. E ora de­vo­no di­mo­strar­lo. Nel com­por­ta­men­to di al­cu­ni di lo­ro, se non c’è di­so­ne­stà sul pia­no le­ga­le c’è si­cu­ra­men­te su quel­lo in­tel­let­tua­le».

Nes­su­na pez­za giu­sti­fi­ca­ti­va, è un si­ste­ma ba­sa­to sul­la fi­du­cia

Di­so­ne­stà? Non sul pia­no le­ga­le, ma su quel­lo in­tel­let­tua­le di si­cu­ro

Ex gril­li­no Tan­cre­di Tur­co, veronese, è sta­to elet­to con il M5s

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.