Ca­val­li­no con­tro Je­so­lo le tri­bù del­le spiag­ge in guer­ra

Qui Je­so­lo: por­tia­mo gen­te, e poi la mu­si­ca chiu­de a mez­za­not­te Qui Ca­val­li­no: ma qua­le mez­za­not­te, i clien­ti scap­pa­no e non tor­na­no

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di AN­DREA PASQUALETTO

JE­SO­LO - Di qua Je­so­lo, gio­va­ne, fe­sta­io­la e ti­ra­tar­di. Di là il Ca­val­li­no, ma­tu­ra, tra­di­zio­na­le e fa­mi­lia­re. Di qua il Ter­raz­za­ma­re, cioè la spiag­gia più tran­dy del li­to­ra­le che spri­tza e im­paz­za sul­la sab­bia; di là il cam­ping Vil­la al Ma­re, rou­lot­te, ten­de, bun­ga­low, sal­va­gen­ti, il bal­lo del qua qua e a una cer­ta ora tut­ti a let­to. Due mon­di di­ver­si. In li­te.

JE­SO­LO - Di qua Je­so­lo, gio­va­ne, fe­sta­io­la e ti­ra­tar­di. Di là Ca­val­li­no, ma­tu­ra, tra­di­zio­na­le e fa­mi­lia­re. Di qua il Ter­raz­za­ma­re, cioè la spiag­gia più tren­dy del li­to­ra­le che spri­tza, ru­mo­reg­gia e im­paz­za sul­la sab­bia al rit­mo del­la di­sco-dan­ce, au­to­riz­za­ta dal sin­da­co; di là il cam­ping Vil­la al Ma­re, rou­lot­te, ten­de, bun­ga­low, sal­va­gen­ti, il bal­lo del qua qua e a una cer­ta ora tut­ti a let­to. Due mon­di di­ver­si, due di­ver­si mo­di di con­ce­pi­re la va­can­za.

Il fat­to è che si tro­va­no uno di fron­te all’al­tro, di­vi­si so­lo dal­le ac­que del Si­le che scor­ro­no len­te ver­so il ma­re. «Non sia­mo un ospi­zio!», sen­ten­zia più di qual­cu­no dal­la spon­da je­so­la­na. «Tu­ti dro­gai», di­ce un si­gno­re con il cap­pel­lo se­du­to su una pan­chi­na del­la spon­da op­po­sta. Chia­ro che non pos­so­no an­da­re d’ac­cor­do. La li­te è fi­ni­ta in tri­bu­na­le e il tri­bu­na­le ora ha de­ci­so: ha ra­gio­ne il cam­ping, «nell’in­te­res­se pub­bli­co al­la sa­lu­te dan­neg­gia­ta dall’in­qui­na­men­to acu­sti­co». Si­gni­fi­ca che le or­di­nan­ze del sin­da­co di Je­so­lo che ha con­ces­so li­cen­ze di di­ver­ti­men­to a grap­po­lo e in de­ro­ga, so­no sba­glia­te, che gli even­ti sul­la spiag­gia ven­go­no can­cel­la­ti, che l’at­te­so «Big Bub­ble di Fer­ra­go­sto, il più gran­de schiu­ma par­ty del mon­do» non po­trà ave­re luo­go.

«Nooo, vo­le­vo an­da­re», si di­spia­ce Ta­tia­na, 21 an­ni, uni­ver­si­ta­ria ed edi­co­lan­te sta­gio­na­le che sta pren­den­do il so­le sul­la spiag­gia pen­san­do al­la schiu­ma del­la not­te del 15 ago­sto. «Good good», met­te il pol­li­ce all’in­sù un te­de­sco al­to e ru­bi­con­do ospi­te nel cam­ping.

Il fron­te je­so­la­no sem­bra com­pat­to. C’è per esem­pio Cri­stian Gan­zo, il ti­to­la­re del chio­sco al Fa­ro che no­no­stan­te non sia un so­cio del Ter­raz­za­ma­re lo di­fen­de a spa­da trat­ta: «In un pe­rio­do co­me que­sto, con la cri­si che c’è e il me­teo che ro­vi­na i week end, io di­co ben­ve­nu­ta qual­sia­si co­sa che por­ti gen­te e mo­vi­men­to. Ma poi la mu­si­ca chiu­de a mez­za­not­te, mez­za­not­teee!».

Il ti­to­la­re del cam­ping: com­bat­to que­sta guer­ra da 17 an­ni, ades­so i giu­di­ci mi dan­no ra­gio­ne Il tu­ri­sta au­stria­co: il ru­mo­re era co­sì po­ten­te che vi­bra­va tut­ta la rou­lot­te e tre­me­va­no i bic­chie­ri Il ri­sto­ra­to­re: io so­no dell’idea che le fe­ste al ma­re si de­vo­no fa­re e an­che i con­cer­ti Il ti­to­la­re del chio­sco: con la cri­si che c’è, qual­sia­si co­sa che por­ti mo­vi­men­to è ben­ve­nu­ta

Dall’al­tra par­te del Si­le, se par­li di mez­za­not­te al ti­to­la­re del cam­ping Vil­la al Ma­re, Ren­zo Bal­la­rin, pri­ma re­spi­ra a fon­do, poi si trat­tie­ne, in­fi­ne esplo­de: «Ve­di quel ra­gaz­zo? Si chia­ma Marco, è mio fi­glio, ha 18 an­ni, ne ave­va uno quan­do ho ini­zia­to que­sta guer­ra, e mi par­li di mez­za­not­te». Non sa da do­ve co­min­cia­re. «Guar­da qua», di­ce in­tan­to l’al­tro suo fi­glio, im­pie­ga­to al­la re­cep­tion, che ti mo­stra due vi­deo gi­ra­ti col te­le­fo­ni­no pun­ta­to sul­la spiag­gia del Fa­ro. Uno è del 2 lu­glio, ore 1.17 del­la not­te, c’è del­la gen­te che bal­la, del­la mu­si­ca che mar­tel­la, del­le lu­ci che il­lu­mi­na­no. L’al­tro è del 25 lu­glio , ore 0.36, stes­sa sce­na. «E poi di­co­no mez­za­not­te». Nel frat­tem­po il pa­dre, si­gno­re ro­bu­sto ed ener­gi­co, ha sco­va­to le let­te­re dei suoi clien­ti: «Il ru­mo­re era co­sì po­ten­te che i bic­chie­ri tre­ma­va­no e vi­bra­va tut­ta la rou­lot­te. Mi spia­ce ma io parto og­gi stes­so», scri­ve ta­le Lo­thar Som­platz­ki, au­stria­co. Un al­tro clien­te, di no­me Pe­ter Ha­ris Gron­ski, pri­ma di sa­lu­ta­re il si­gnor Bal­la­rin ha ver­ga­to due ri­ghe de­fi­ni­ti­ve: «Mai più tor­ne­rò qui a fa­re le fe­rie. So­no ru­mo­ri si­mi­li a una guer­ra. Ar­ri­ve­der­ci, pe­rò mai più qui». Un ter­zo cam­peg­gia­to­re, Jo­han­nes Von Gor­sel, che si fir­ma co­me in­ge­gne­re acu­sti­co olan­de­se, si è spin­to ol­tre: «La­scio il cam­peg­gio per que­sti sound. So­no co­sì ter­ri­bi­li che tre­ma­va­no le pa­re­ti del ca­ra­van. Vi as­si­cu­ro che ne­gli an­ni que­sto ru­mo­re fa di­ven­ta­re sor­di». Un te­de­sco, qui l’80% del­la clien­te­la è dell’Eu­ro­pa del Nord, ha in­ve­ce mes­so ne­ro su bian­co l’in­ten­zio­ne di que­re­la­re il sin­da­co di Je­so­lo per i dan­ni all’udi­to su­bi­ti dai suoi ni­po­ti­ni.

In­som­ma, una piog­gia di pro­te­ste ma va pre­ci­sa­to che ne­gli ul­ti­mi due an­ni gli ora­ri e i de­ci­bel si so­no ri­dot­ti. «Pri­ma si lot­ta­va fi­no al­le quattro del mat­ti­no», spie­ga Ma­rio Pio­van, un si­gno­re to­ri­ne­se che cam­peg­gia qui da trent’an­ni, pas­san­do dal­la ca­na­de­se al bun­ga­low al­la rou­lot­te. «Quan­do ero nel­le ca­pan­ne, non si po­te­va sta­re». Per­ché non ha cam­bia­to? «Per­ché so­no af­fe­zio­na­to al po­sto».

Ba­sta usci­re dal cam­peg­gio per tro­va­re qual­cu­no che la pen­sa in un al­tro mo­do. E' il ca­so di Si­mo­ne Mal­vi­ci­ni del ri­sto­ran­ti­no al Fa­ro Pia­ve, sem­pre dal­la par­te del Ca­val­li­no, un gio­va­ne che guar­da al Ter­raz­za­ma­re con un oc­chio di­ver­so: «Io so­no dell’idea che le fe­ste al ma­re si de­vo­no fa­re e an­che i con­cer­ti. Lo di­co con­tro il mio in­te­res­se per­ché se pen­so che l’an­no scor­so, quan­do so­no ve­nu­ti i Che­mi­cal Bro­thers, ho fat­to so­lo due co­per­ti, un po’ mi gi­ra­no. Ma io pen­so che fac­cia be­ne al li­to­ra­le, che ci ren­da con­cor­ren­zia­li. Se pen­sas­si so­lo ai miei co­per­ti do­vreb­be­ro to­glie­re an­che i fuo­chi del 24 ago­sto, per­ché van­no tut­ti in spiag­gia a ve­der­li e io re­sto vuo­to».

Fra i due con­ten­den­ti, in una po­si­zio­ne in­ter­me­dia e dia­lo­gan­te, si è in­se­ri­to il cam­ping In­ter­na­tio­nal. An­che lo­ro han­no clien­te­la tra­di­zio­na­le, in mag­gio­ran­za stra­nie­ra, ma cer­ca­no co­mun­que di ca­pir­si con i ra­gaz­zi del Fa­ro. Sa­rà per­ché la strut­tu­ra è per me­tà co­mu­na­le, sa­rà per­ché l’on­da gio­va­ne un po’ ba­gna an­che lo­ro, nel sen­so che por­ta gua­da­gno, ma non se­gna­la­no gros­si di­sa­gi. «Le uni­che co­se che dav­ve­ro de­te­sto di que­sti even­ti so­no le dro­ghe e la spor­ci­zia del gior­no do­po, quan­do sem­bra di es­se­re su un cam­po di bat­ta­glia. Ma per il re­sto tro­vo po­si­ti­ve que­ste ini­zia­ti­ve. Par­lo pe­rò a ti­to­lo per­so­na­le», so­spi­ra Fran­ce­sca del­la re­cep­tion, ma­dre di una quin­di­cen­ne che al Fa­ro ci va.

Nel frat­tem­po, il si­gnor Bal­la­rin ha sco­va­to an­che un’al­tra sen­ten­za. E' del giu­di­ce di San Do­nà di Pia­ve, Pio Eu­ge­nio Gia­bar­do, che l’8 lu­glio scor­so ha con­dan­na­to il Ter­raz­za­ma­re a pa­ga­re 130 mi­la eu­ro per il dan­no ar­re­ca­to al cam­ping del Ca­val­li­no: «Or­di­na di rispettare i li­mi­ti di leg­ge pre­vi­sti per le emis­sio­ni acu­sti­che, ri­por­tan­do­le al­la nor­ma­le tol­le­ra­bi­li­tà». Non so­lo. Nel suo pon­de­ro­sis­si­mo fa­sci­co­lo c’è an­che un pro­nun­cia­men­to del di­fen­so­re ci­vi­co del­la Re­gio­ne Ve­ne­to, Vit­to­rio Bot­to­li: «Non po­ten­do con­vi­ve­re le due at­ti­vi­tà, io so­no a fa­vo­re del­la pri­ma im­pian­ta­ta nel luo­go in or­di­ne di tem­po, cioè il cam­ping. A que­st’ul­ti­mo con­si­glio di de­nun­cia­re pe­nal­men­te tut­ti i re­spon­sa­bi­li».

Nel frat­tem­po, con­tro la sen­ten­za del Tar è sta­to an­nun­cia­to ri­cor­so dal­la par­te je­so­la­na. «Ma­ga­ri lo fa­ces­se­ro – rin­ghia Bal­la­rin dal fron­te del Ca­val­li­no – per­ché quei sol­di non mi ba­sta­no. E non è fi­ni­ta qui».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.