Trien­na­le a Ve­ro­na: Ren­zi sa­lu­ta la Be­net­ton

Treviso ce­de uno dei gio­iel­li del vi­va­io: «Spe­ro di mo­stra­re le mie ca­pa­ci­tà»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - M.V.

TREVISO - Un con­trat­to trien­na­le in Le­ga­due con la ma­glia del­la Te­ze­nis Ve­ro­na ha strap­pa­to al­la Be­net­ton il gio­va­ne e pro­met­ten­te An­drea Ren­zi. Un col­po a sor­pre­sa quel­lo del­la for­ma­zio­ne sca­li­ge­ra, che in­gag­gia a ti­to­lo de­fi­ni­ti­vo uno de­gli ele­men­ti più pro­met­ten­ti cre­sciu­ti nel vi­va­io bian­co­ver­de, re­du­ce da un an­no di stop do­po l’in­for­tu­nio al gi­noc­chio. A sor­pren­de­re è so­prat­tut­to la scel­ta di ce­de­re de­fi­ni­ti­va­men­te un lun­go dut­ti­le e di pro­spet­ti­va qual è Ren­zi, che ha ve­sti­to an­che la ma­glia del­la Na­zio­na­le nel pe­rio­do di pre­pa­ra­zio­ne al­le qua­li­fi­ca­zio­ni per gli Eu­ro­pei.

Do­po quattro sta­gio­ni, dun­que, Ren­zi sa­lu­ta Treviso, non sen­za to­glier­si qual­che sas­so­li­no dal­la scar­pa: «Al­la Be­net­ton - spie­ga Ren­zi - ho avu­to po­che pos­si­bi­li­tà di svi­lup­pa­re le mie ca­pa­ci­tà da 4, mi au­gu­ro di po­ter­le mo­stra­re que­st’an­no con la Te­ze­nis. ATreviso so­no sem­pre sta­to uno dei gio­ca­to­ri del grup­po, an­che nei cam­pio­na­ti in cui ho gio­ca­to di più ero co­mun­que il quar­to lun­go. Non ave­vo in­som­ma quel­le re­spon­sa­bi­li­tà che a Ve­ro­na in­ve­ce non ve­do l’ora di as­su­mer­mi. Que­sto è un pas­sag­gio fon­da­men­ta­le per la mia crescita. Mi sen­to pron­to».

È evi­den­te che die­tro la ces­sio­ne del lun­go li­gu­re ci sia an­che una scel­ta tec­ni­ca ol­tre che ge­stio­na­le: Ren­zi ave­va bi­so­gno di ri­tro­va­re il rit­mo par­ti­ta do­po l’in­for­tu­nio pa­ti­to la scor­sa sta­gio­ne, ma pro­ba­bil­men­te la rot­tu­ra con Treviso ha ra­di­ci ben più pro­fon­de. Il gio­ca­to­re ora pe­rò non vuo­le più guar­da­re al pas­sa­to, ma pun­ta­re al fu­tu­ro con la ma­glia di una so­cie­tà bla­so­na­ta qua­le quel­la sca­li­ge­ra: «So­no ri­ma­sto fa­vo­re­vol­men­te col­pi­to dal pri­mo im­pat­to con la so­cie­tà. Ho tro­va­to - sot­to­li­nea Ren­zi - ot­ti­me strut­tu­re, di­ri­gen­ti mol­to pre­pa­ra­ti e un am­bien­te po­si­ti­vo. Si av­ver­te chia­ra­men­te che a Ve­ro­na c’è sta­to il gran­de ba­sket, la com­pe­ten­za non puoi crear­la dall’og­gi al do­ma­ni. Il mio so­gno ora è gio­ca­re un’ot­ti­ma sta­gio­ne con la Te­ze­nis, a li­vel­lo in­di­vi­dua­le e di squa­dra. An­che se ne­gli ul­ti­mi an­ni ha mi­li­ta­to in ca­te­go­rie in­fe­rio­ri, vi as­si­cu­ro che in se­rie A nes­su­no ha di­men­ti­ca­to una piaz­za co­me Ve­ro­na». E con­clu­de: «Tut­ta la pal­la­ca­ne­stro ita­lia­na ai più al­ti li­vel­li ha te­nu­to vi­vo il ri­cor­do di una real­tà co­me que­sta, tut­ti san­no che la Te­ze­nis è sta­ta ca­pa­ce di por­ta­re al Pa­laO­lim­pia più di tre­mi­la spet­ta­to­ri per al­cu­ne par­ti­te di cam­pio­na­to in A Di­let­tan­ti. Ades­so la Sca­li­ge­ra è tor­na­ta nel suo ha­bi­tat na­tu­ra­le, quel­lo che le è più con­ge­nia­le».

Az­zur­ro An­drea Ren­zi, da Treviso a Ve­ro­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.