La tas­sa sul pic nic di­vi­de il po­po­lo del­le gri­glia­te

Fa di­scu­te­re la pro­po­sta dei sin­da­ci di Ca­lal­zo e Cor­ti­na Viag­gio tra i tu­ri­sti. «Bal­zel­lo sui po­ve­ri». «Uti­le tu­te­la»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Federica Fant

CA­LAL­ZO (Bel­lu­no)— Ha fat­to scal­po­re la pro­po­sta del sin­da­co di Ca­lal­zo, se­gui­to a ruo­ta dal pri­mo cit­ta­di­no di Cor­ti­na, che in­vo­ca una tas­sa sui pic nic («spor­ca­no e non pa­ga­no, que­sto tu­ri­smo mor­di e fug­gi non ci ser­ve»). Il po­po­lo del­le gri­glie si di­vi­de: c'è chi con­di­vi­de l’idea di Lu­ca De Car­lo e chi lo cri­ti­ca, ar­go­men­tan­do che sa­reb­be una tas­sa im­po­po­la­re. Ie­ri a Ca­lal­zo di Ca­do­re, sul­la stra­da che por­ta in Val d'Oten, una co­mi­ti­va di tre­vi­gia­ni si è ri­tro­va­ta in un'area at­trez­za­ta per la con­sue­ta gri­glia­ta esti­va dell'an­no. Qual­cu­no ha la se­con­da ca­sa in co­mu­ne di Ca­lal­zo e as­si­cu­ra «pa­ghia­mo l'Ici» ag­giun­gen­do che «tut­to quel­lo che ab­bia­mo con­su­ma­to in que­sta bel­la gri­glia­ta tra ami­ci è sta­to com­pe­ra­to a Ca­lal­zo. Ab­bia­mo spe­so più di 20 eu­ro so­lo per il pa­ne - di­ce mo­stran­do lo scon­tri­no -, più di un cen­ti­na­io di eu­ro per la car­ne».

Gian­fran­co Bas­so, un ami­co del­la cop­pia che ha la ca­sa in Ca­do­re, è ve­nu­to da Co­ne­glia­no in gior­na­ta «e mi chie­do se rien­tro nel­la ca­te­go­ria dei "tu­ri­sti mor­di e fug­gi" - spie­ga sor­ri­den­do -. Son qua per un ri­tro­vo tra ami­ci. Ri­ten­go che si pos­sa an­che far pa­ga­re una quo­ta mi­ni­ma, ma che l'im­por­tan­te sia tro­va­re e poi, so­prat­tut­to, la­sciar pu­li­to il ter­ri­to­rio che è dav­ve­ro splen­di­do». Lu­cia­no Bres­san, ex ca­po­sta­zio­ne di Co­ne­glia­no, Ca­lal­zo la co­no­sce be­ne, an­che per mo­ti­vi la­vo­ra­ti­vi. «Non è col­pa no­stra, ma dei po­li­ti­ci che do­vreb­be­ro ave­re un po' più di sen­si­bi­li­tà per l’am­bien­te». Gui­do Pa­sco­lo non con­di­vi­de l'idea del sin­da­co Lu­ca De Car­lo per­chè «chi vie­ne in Ca­do­re, ver­reb­be lo stes­so e, mes­so in con­di­zio­ne di pa­ga­re, si ac­cam­pe­reb­be da qual­che par­te e si con­su­me­reb­be le sue co­se». An­che la mo­glie Ade­le è cri­ti­ca, pro­prio non le pia­ce la pro­vo­ca­zio­ne del sin­da­co ca­lal­ti­no: «Pa­ga­re per un pic-nic? Io non ci sto. L'Ita­lia è un pae­se li­be­ro». Un'al­tra si­gno­ra, la mo­glie del tre­vi­gia­no che ha la ca­sa a Ca­lal­zo, è in di­sac­cor­do con la tas­sa di sco­po. «In tem­pi di cri­si ci so­no mol­te fa­mi­glie che sten­ta­no. Mi sem­bra un'of­fe­sa al­la po­ve­ra gen­te far­la pa­ga­re an­che per una gri­glia­ta fuo­ri por­ta. Chi con­su­ma un pa­sto qui, si­cu­ra­men­te fa ac­qui­sti in lo­co. C'è la for­tu­na di tro­va­re i pa­ni­fi­ci aper­ti in mon­ta­gna e noi li sfrut­tia­mo. Nien­te di me­glio di ave­re il pa­ne fre­sco».

In pae­se la pro­po­sta del sin­da­co era sul­la boc­ca di tut­ti. Ti­zia­na del bar Al pon­te è in pie­na sin­to­nia con l'am­mi­ni­stra­zio­ne. «Io so­no d'ac­cor­do per­chè ve­do che, do­po tut­to, è un'usan­za che sta pren­den­do pie­de an­che in al­tre lo­ca­li­tà qui vi­ci­no. Far pa­ga­re una quo­ta sim­bo­li­ca per uti­liz­za­re l'area at­trez­za­ta è una buo­na idea». Dall'Ho­tel Bel­la­vi­sta, un'ospi­te esce per fa­re una pas­seg­gia­ta e, an­che lei, co­no­sce la que­stio­ne. «So tut­to per­chè ie­ri sera il sin­da­co era ad una con­fe­ren­za e ha espo­sto la que­stio­ne - rac­con­ta, con ac­cen­to to­sca­no, Lo­ra Ban­di­ni di Piom­bi­no -. Il di­scor­so può es­se­re giu­sto: per Ca­lal­zo in esta­te ci pas­sa tan­ta gen­te e non sem­pre il tu­ri­sta la­scia qual­co­sa al pae­se. Pec­ca­to, per­chè è un po­sto me­ra­vi­glio­so».

Il ti­to­la­re dell'Ho­tel Bel­la­vi­sta, Ma­rio Ber­ta­gnin sta dal­la par­te di De Car­lo. «Tro­vo giu­sto far pa­ga­re una som­ma sim­bo­li­ca so­prat­tut­to per­chè si può pre­no­ta­re il pun­to fuo­co. Il vil­leg­gian­te, dun­que, par­te se­re­no sa­pen­do che tro­va la po­sta­zio­ne a di­spo­si­zio­ne». All'Ho­tel Fer­ro­via, al­ber­go che da an­ni ospi­ta il se­na­tùr Um­ber­to Bos­si, che è at­te­so an­che per fi­ne me­se, è il pro­prie­ta­rio Gi­no Mon­din a par­la­re. «L'idea del sin­da­co è un po' di­scu­ti­bi­le. È giu­sto tas­sa­re, pur­chè si dia un ser­vi­zio va­li­do. Ave­vo fat­to una pro­po­sta cin­que an­ni fa al­la Co­mu­ni­tà mon­ta­na. Of­fri­re un bel ser­vi­zio, ma­ga­ri la le­gna e l'area pu­li­ta, dar­la in ge­stio­ne al­la Pro lo­co e dar la pos­si­bi­li­tà di pre­no­ta­re il pun­to fuo­co. La tas­sa di sco­po, se de­fi­ni­ta co­sì, può an­da­re. As­so­lu­ta­men­te con­tra­rio al­la tas­sa di pe­dag­gio».

Gri­glie tas­sa­te Co­mi­ti­ve di tu­ri­sti fo­to­gra­fa­te ie­ri nel Bel­lu­ne­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.