TRE GAM­BE PER GLI STU­DEN­TI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di VIT­TO­RIO FI­LIP­PI

Ida­ti di­co­no che i neo­ma­tu­ri ve­ne­ti han­no avu­to vo­ti de­ci­sa­men­te più ele­va­ti del­la me­dia ita­lia­na. Be­nis­si­mo, buon per lo­ro. E au­gu­ri. Sal­ta­no al­la men­te, a que­sto pun­to, due sem­pli­ci do­man­de. La pri­ma: so­no al­lo­ra an­che più bra­vi dei lo­ro col­le­ghi di tan­te al­tre par­ti d’Ita­lia? E, so­prat­tut­to, avran­no di con­se­guen­za in fu­tu­ro mag­gio­ri suc­ces­si pro­fes­sio­na­li nel mon­do del la­vo­ro? Cir­ca la bra­vu­ra, il di­scor­so si fa sci­vo­lo­so. Co­me tut­ti gli stu­den­ti san­no, e co­me san­no so­prat­tut­to chi con gli stu­den­ti ci la­vo­ra, cioè gli in­se­gnan­ti, da­re i vo­ti è sem­pre sta­to un eser­ci­zio de­li­ca­to, de­li­ca­to per­ché ter­ri­bil­men­te ar­bi­tra­rio. Esi­ste per­fi­no un ra­mo del­la pe­da­go­gia, la do­ci­mo­lo­gia, che si po­ne pro­prio co­me la scien­za del­la va­lu­ta­zio­ne. Ma va­lu­ta­re og­get­ti­va­men­te è ar­duo, for­se (uma­na­men­te) im­pos­si­bi­le. Nel tra­sfor­ma­re un col­lo­quio o un ela­bo­ra­to scrit­to in un nu­me­ro for­ma­le, in un vo­to, en­tra­no tan­te e ta­li va­ria­bi­li per­so­na­li (dal­la sim­pa­tia al­la stan­chez­za, dal­la fur­bi­zia al ca­so) che ci ob­bli­ga­no a fa­re at­ten­zio­ne nel com­pa­ra­re vo­ti e giu­di­zi. Cir­ca i suc­ces­si - o gli in­suc­ces­si - la­vo­ra­ti­vi, è me­glio ri­cor­re­re all’im­ma­gi­ne del ta­vo­li­no con tre gam­be. Co­sì co­me il ta­vo­li­no si reg­ge sul­le tre gam­be, co­sì la riu­sci­ta pro­fes­sio­na­le ha tre com­po­nen­ti. Una è cer­ta­men­te la scuo­la, il per­cor­so for­ma­ti­vo se­gui­to, la spen­di­bi­li­tà del ti­to­lo con­qui­sta­to, gli stes­si vo­ti fi­na­li che - pur con i li­mi­ti det­ti - do­vreb­be­ro clas­si­fi­ca­re la pre­pa­ra­zio­ne con­se­gui­ta. C’è poi un se­con­do aspet­to, non col­to dal­la scuo­la e dai vo­ti. E’ da­to dal ca­rat­te­re, dal pro­fi­lo psi­co­lo­gi­co, da tut­ti que­gli aspet­ti stret­ta­men­te per­so­na­li che - al di là dei ti­to­li di stu­dio in­cor­ni­cia­ti con tan­to or­go­glio - fan­no la per­so­na, la co­sti­tui­sco­no nei com­por­ta­men­ti con­cre­ti. Nel mon­do del la­vo­ro non en­tra una spe­cie di au­to­ma ca­ri­co di tan­te no­zio­ni, ma una per­so­na che può es­se­re più o me­no ti­mi­da, più o me­no mo­ti­va­ta e co­sì via. In­fi­ne c’è un ter­zo aspet­to, che in so­cio­lo­gia si chia­ma ca­pi­ta­le so­cia­le. E’ un ve­ro e pro­prio ca­pi­ta­le, più o me­no pin­gue, di re­la­zio­ni per­so­na­li che pos­so­no aiu­ta­re ad esem­pio nel­la ri­cer­ca del po­sto di la­vo­ro de­si­de­ra­to. E’ ov­vio che le co­no­scen­ze «giu­ste» del­le fa­mi­glie con­ta­no mol­to nell’ef­fi­ca­cia dei per­cor­si la­vo­ra­ti­vi e nel fu­tu­ro piaz­za­men­to pro­fes­sio­na­le dei fi­gli. Co­me si ve­de la tra­iet­to­ria è com­ples­sa per­ché ri­spon­de a tre aspet­ti e non - co­me tal­vol­ta si cre­de - ad una spe­cie di rap­por­to uni­co e mec­ca­ni­co tra scuo­la e la­vo­ro. Tra l’al­tro la stes­sa sto­ria eco­no­mi­ca ve­ne­ta è sta­ta pro­dot­ta da im­pren­di­to­ri che so­no di­ve­nu­ti ta­li - tal­vol­ta con suc­ces­so - gra­zie a do­ti per­so­na­li, a pro­pen­sio­ni e mo­ti­va­zio­ni for­ti. Sa­reb­be di gran­de im­por­tan­za che in­se­gnan­ti e ge­ni­to­ri tra­smet­tes­se­ro ai gio­va­ni l’idea che non ba­sta ap­pren­de­re (pren­de­re con la men­te): oc­cor­re an­che com­pren­de­re (pren­de­re den­tro di sé, cioè in­te­rio­riz­za­re), ri­pren­de­re (ri­tor­nar­ci, ri­ve­de­re, non ab­ban­do­na­re nel di­men­ti­ca­to­io) ed in­fi­ne in­tra­pren­de­re, cioè con­ti­nua­re per­so­nal­men­te con la pro­pria crea­ti­vi­tà. E’ que­sto il pas­so più im­por­tan­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.