Estor­sio­ne, por­tie­re ar­re­sta­to «ri­cat­ta­va» il ti­to­la­re del Pla­za

Pa­do­va, sot­to ac­cu­sa un di­pen­den­te me­stri­no. Ie­ri il Rie­sa­me

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Mas­si­mo Fa­va­ro

PA­DO­VA — Il sin­da­ca­li­sta dell'ho­tel, por­tie­re di not­te, è ac­cu­sa­to di ri­cat­ta­re il ti­to­la­re dell'al­ber­go. La vit­ti­ma non è pe­rò un im­pren­di­to­re qua­lun­que, ben­sì il pa­do­va­no Gian Er­ne­sto Za­nin, pre­si­den­te di Fe­der­tu­ri­smo Ve­ne­to, l'as­so­cia­zio­ne di ca­te­go­ria del­la Con­fin­du­stria Re­gio­na­le. Se­con­do la de­nun­cia pre­sen­ta­ta dal­lo stes­so Za­nin, il rap­pre­sen­tan­te dei di­pen­den­ti dell'Ho­tel Pla­za di Pa­do­va avreb­be ap­pro­fit­ta­to del suo ruo­lo pri­vi­le­gia­to per chie­de­re de­na­ro. Si trat­ta di un me­stri­no, Fa­bio To­non, che all'al­ber­go era sta­to as­sun­to co­me por­tie­re tur­nan­te, per le so­sti­tu­zio­ni del por­tie­re di ruo­lo du­ran­te due o più not­ti la set­ti­ma­na.

Le mi­nac­cie non ri­guar­de­reb­be­ro, in que­sto ca­so, la pro­cla­ma­zio­ne di scio­pe­ri e ini­zia­ti­ve sin­da­ca­li mi­ra­te. In cam­bio di sol­di, To­non avreb­be piut­to­sto chie­sto all'im­pren­di­to­re di com­pra­re il pro­prio si­len­zio su pre­sun­te «vio­la­zio­ni» com­mes­se all'in­ter­no del­la strut­tu­ra al­ber­ghie­ra, del qua­le il sin­da­ca­li­sta sa­reb­be sta­to a co­no­scen­za. Mi­glia­ia di eu­ro che Za­nin, si­cu­ro di non aver com­mes­so al­cun il­le­ci­to, non avreb­be in­ve­ce vo­lu­to pa­ga­re, de­ci­den­do in­ve­ce di ri­vol­ger­si al­le for­ze dell'or­di­ne per bloc­ca­re il ten­ta­ti­vo di estor­sio­ne. I fat­ti ri­sa­li­reb­be­ro al­lo scor­so me­se di mag­gio, a par­ti­re da quan­do i nor­ma­li in­con­tri sin­da­ca­li si sa­reb­be­ro tra­sfor­ma­ti in un pretesto di co­mo­do. Ap­pun­ta­men­ti nei qua­li To­non avreb­be uti­liz­za­to per espor­re le ri­chie­ste e le esi­gen­ze dei col­le­ghi dell'al­ber­go pa­do­va­no, quan­to piut­to­sto per ri­cat­ta­re l'am­mi­ni­stra­to­re dell'ho­tel. Do­po la de­nun­cia, do­cu­men­ta­ta, pre­sen­ta­ta da Gian Er­ne­sto Za­nin è scat­ta­to im­me­dia­ta­men­te il fer­mo del por­tie­re, che è sta­to co­stret­to agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri dal giu­di­ce del­le in­da­gi­ni pre­li­mi­na­ri di Pa­do­va Vin­cen­zo Sgub­bi, sul­la ba­se del­le ri­chie­ste del pub­bli­co mi­ni­ste­ro. Sus­si­ste­va in­fat­ti se­con­do il gip sia il ri­schio di rei­te­ra­zio­ne del rea­to che quel­lo di in­qui­na­men­to del­le pro­ve. Una mi­su­ra cau­te­la­re che ie­ri, il tri­bu­na­le del rie­sa­me di Ve­ne­zia, pre­sie­du­to da Ste­fa­no Man­du­zio, ha in­ve­ce re­vo­ca­to. Bi­so­gne­rà at­ten­de­re le mo­ti­va­zio­ni dell'or­di­nan­za del Rie­sa­me per ca­pi­re per­chè i giu­di­ci del­la cit­tà la­gu­na­re han­no ri­bal­ta­to la scel­ta, la­scian­do il me­stri­no in li­ber­tà.

Nel frat­tem­po To­non, di­fe­so dall'av­vo­ca­to Fran­ce­sco Stra­no, po­trà aspet­ta­re a pie­de li­be­ro il pro­ces­so, che si svol­ge­rà nel­la cit­tà del San­to. Una de­ci­sio­ne che Gian Er­ne­sto Za­nin, na­to a Pa­do­va nel 1954 e da due man­da­ti pre­si­den­te di Fe­der­tu­ri­smo Ve­ne­to, non vuo­le com­men­ta­re. Za­nin, in que­sti gior­ni in va­can­za, è am­mi­ni­stra­to­re uni­co dal 2007 del­la so­cie­tà Ala­bar­da srl, a cui fa ca­po l'Ho­tel Pla­za di Cor­so Mi­la­no a Pa­do­va. Dal­lo scor­so an­no lo sbar­co nel­la Ca­pi­ta­le, con l'ac­qui­si­zio­ne del­la ge­stio­ne del pre­sti­gio­so ho­tel Abi­tart nel quar­tie­re Ostien­se. I di­pen­den­ti in to­ta­le so­no ol­tre cin­quan­ta, dei qua­li 35 nel­la strut­tu­ra pa­do­va­na e mai si­no­ra si era­no ve­ri­fi­ca­ti com­por­ta­men­ti il­le­ci­ti. Ora, per Za­nin, l'obiet­ti­vo è ri­sta­bi­li­re la se­re­ni­tà all'in­ter­no del­la pro­pria strut­tu­ra al­ber­ghie­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.