Sul­la re­si­den­za il Pdl fre­na la Le­ga Ma Bos­si: «Buo­na idea»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - S.D’A.

VE­NE­ZIA — «I ve­ne­ti par­la­no in dia­let­to, po­co in ita­lia­no. E’ una real­tà con pe­cu­lia­ri­tà mol­to for­ti. O l’Ita­lia le dà de­gli spa­zi o la per­de. Pri­ma il Ve­ne­to? una buo­na idea». Da Pon­te di Le­gno Bos­si lan­cia il mes­sag­gio ai suoi. «Sta­tu­to, an­da­te avan­ti co­sì». Ma nel Pdl si al­za­no i di­stin­guo. L’or­di­ne di scu­de­ria è di te­ne­re un pro­fi­lo bas­so: una vol­ta che si è tro­va­to l’ac­cor­do tra Le­ga e Pdl su una boz­za di ri­for­ma del­lo sta­tu­to nes­su­no vuo­le av­ve­le­nar­si le fe­rie po­le­miz­zan­do con l’al­lea­to. Pe­rò i se­gna­li che la que­stio­ne del «pri­ma i ve­ne­ti» fa­ti­che­rà a pas­sa­re in­den­ne in Con­si­glio ci so­no tut­ti. Pri­mo: la let­tu­ra, un po’ ama­ra, del­la «Pa­da­nia» di ie­ri. Do­ve un’in­ter­vi­sta al go­ver­na­to­re Za­ia esce col ti­to­lo «È leg­ge il mo­del­lo ve­ne­to». «Ma­ga­ri fos­se co­sì!», scher­za il pre­si­den­te del Con­si­glio, Clo­do­val­do Ruf­fa­to. «Ci sa­rà un per­cor­so in com­mis­sio­ne, ve­lo­ce mi au­gu­ro. Ma dev’es­se­re un’am­pia di­scus­sio­ne, nul­la è già fat­to — pre­ci­sa il pre­si­den­te — di­re co­sì è un az­zar­do». Poi, sem­pre dal­la «vo­ce del nord», la «Pa­da­nia» ap­pun­to, il ca­po­grup­po del­la Le­ga Fe­de­ri­co Ca­ner ri­ba­di­sce quan­to det­to in con­fe­ren­za stam­pa: «Vie­ne in­tro­dot­to un se­rio le­ga­me con il ter­ri­to­rio, in­se­ren­do il prin­ci­pio del­la re­si­den­za». «Quel prin­ci­pio non c’è, non c’è scrit­to "pri­ma i ve­ne­ti", la pa­ro­la re­si­den­za non c’è — pre­ci­sa cau­to e at­ten­to a non fa­re po­le­mi­che il vi­ce­pre­si­den­te Ma­ri­no Zor­za­to — ma è nor­ma­le che chi è più at­tac­ca­to al ter­ri­to­rio, chi ci sta da più tem­po, ab­bia un ri­co­no­sci­men­to». Non ba­sta. An­co­ra sul­la «Pa­da­nia» il co­sti­tu­zio­na­li­sta Lu­ca An­to­ni­ni, con­su­len­te di Za­ia per il fe­de­ra­li­smo, spie­ga che «nel fat­to che una nor­ma che pre­ve­da per l’as­se­gna­zio­ne de­gli al­log­gi po­po­la­ri la pre­fe­ren­za a chi ri­sie­de nel ter­ri­to­rio non c’è nul­la di in­co­sti­tu­zio­na­le, an­che se al suo in­ter­no c’è cer­ta­men­te un’in­ter­pre­ta­zio­ne for­te del prin­ci­pio di ter­ri­to­ria­li­tà». Per­ciò, pen­sa­no dal Pdl, me- glio met­te­re le co­se in chia­ro: di re­si­den­za par­la so­lo la Le­ga. Dev’es­se­re per quel­lo che a un cer­to pun­to, ie­ri mat­ti­na, nel si­to del grup­po con­si­lia­re del Pdl (www.grup­popdl­ve­ne­to.it) com­pa­re l’au­dio del­la con­fe­ren­za stam­pa di mer­co­le­dì: co­sì chi vuo­le può sen­ti­re che il Pdl di re­si­den­za non par­la. A scan­so di equi­vo­ci. «Quel­lo che è scrit­to è con­di­vi­so, quel­lo che è di­chia­ra­to è og­get­to di di­scus­sio­ne — spie­ga, in un ca­po­la­vo­ro di di­plo­ma­zia il pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne sta­tu­to, il con­si­glie­re Pdl Car­lo Al­ber­to Tes­se­rin, che in que­sta fa­se de­ve sta­re su­per par­tes — il te­sto di Pdl e Le­ga, che si mi­glio­re­rà su­gli al­tri te­sti, è sta­to di­chia­ra­to un te- sto aper­to. Co­me pre­si­den­te non con­si­de­ro che ci sia una po­si­zio­ne di gui­da: cer­to, è quel­la è la boz­za del­la mag­gio­ran­za e avrà un pe­so di­ver­so ri­spet­to al­le al­tre. Ma io con­si­de­ro al­la pa­ri tut­te le pro­po­ste». E sul­le cri­ti­che dei fi­nia­ni Tes­se­rin ha una sua teo­ria: «È lo sta­tu­to di una re­gio­ne che è di­ven­ta­ta im­por­tan­te, è nor­ma­le che tut­ti ne par­li­no. Ed è evi­den­te che per la "Pa­da­nia" è già fat­to: espri­me le idee di una par­te, non del Con­si­glio. Ma Mof­fa, che ie­ri ha par­la­to di Re­pub­bli­che ma­ri­na­re, non ven­ga a in­se­gnar­ci co­me si ap­pro­va uno sta­tu­to: lo sap­pia­mo be­ne».

Vi­ce­go­ver­na­to­re Ma­ri­no Zor­za­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.