Val­du­ga «Se vuo­le con­ta­re, il Ve­ne­to de­ve par­ti­re dal­la sua sto­ria»

La poe­tes­sa: nel­le ca­se edi­tri­ci ser­vo­no più in­tel­let­tua­li

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - Isa­bel­la Pan­fi­do

«Vor­rei po­ter im­pa­ra­re a me­mo­ria ver­si in tut­te le lin­gue del mon­do» esor­di­sce co­sì Pa­tri­zia Val­du­ga, una del­le vo­ci più in­ten­se del­la poe­sia ita­lia­na con­tem­po­ra­nea, tra­dut­tri­ce dal­la ra­ra sen­si­bi­li­tà, sag­gi­sta, na­ta a Ca­stel­fran­co ma mi­la­ne­se da de­cen­ni. Re­cen­te­men­te è sta­ta «in­co­ro­na­ta» poe­ta dell’an­no, al Fe­sti­val In­ter­na­zio­na­le Flus­sidiver­si di Caor­le.

Qual è sta­ta la sua im­pres­sio­ne sul­le tan­te vo­ci, ita­lia­ne e stra­nie­re, che ha ascol­ta­to a Caor­le?

«È sta­to emo­zio­nan­te sco­pri­re che tut­te le lin­gue so­no bel­le quan­do di­ven­ta­no poe­sia: il bas­so-bel­lu­ne­se che, for­se per­ché lo ca­pi­sco be­ne, mi pia­ce po­co, mi è sem­bra­to bel­lis­si­mo nei ver­si di Lu­cia­no Cec­chi­nel. È sta­ta una gran­de gio­ia sen­ti­re il gio­va­ne poe­ta un­ghe­re­se Ga­bor Na­gy re­ci­ta­re una poe­sia di At­ti­la Jószef. Una ma­ni­fe­sta­zio­ne co­me quel­la di Caor­le, non una del­le so­li­te pas­se­rel­le di poe­ti, fa cul­tu­ra, pro­du­ce co­no­scen­za, non ci la­scia co­me sia­mo».

Ri­tie­ne che il Ve­ne­to pos­sa rap­pre­sen­ta­re un ful­cro per una fu­tu­ra cen­tra­li­tà del­la cul­tu­ra me­di­ter­ra­nea-bal­ca­ni­ca?

«Te­mo che og­gi la sua po­si­zio­ne con­ti mol­to po­co. Quel­lo che po­treb­be con­ta­re è la sua sto­ria cul­tu­ra­le: se ri­par­tis­se da que­sta, po­treb­be di­ven­ta­re un po­lo di pro­du­zio­ne cul­tu­ra­le di gran­de por­ta­ta».

Vuo­le fa­re una ri­fles­sio­ne sul sen­so del­la poe­sia nel­la cul­tu­ra ita­lia­na con­tem­po­ra­nea? Quan­do e per­chè la poe­sia ita­lia­na ha per­du­to au­to­re­vo­lez­za cul­tu­ra­le, sci­vo­lan­do nel ruo­lo di ‘an­cel­la’ del­la pro­sa?

«La poe­sia in­te­res­sa a po­chi. Mar­zia­le scap­pa da Ro­ma di­cen­do: " Poe­ta / exie­rat, ve­niet cum Cy­tha­re­dus erit", per­ché "gra­zie, ono­ri e pre­mi" toc­ca­va­no so­lo ai mu­si­ci. È sem­pre sta­to co­sì, e sa­rà sem­pre co­sì. I poe­ti non si aspet­ta­no più nien­te dai me­dia. Og­gi è di mo­da il gial­lo, ita­lia­no e stra­nie­ro: gli edi­to­ri de­vo­no far qua­dra­re i lo­ro bi­lan­ci, vo­glio­no il li­bro che ven­de tan­to e su­bi­to, ma la gran­de let­te­ra­tu­ra ven­de po­co, ma ven­de­rà per sem­pre. Io non di­spe­ro: pri­ma o poi ar­ri­ve­ran­no de­gli edi­to­ri col­ti».

Per­ché l’edi­to­ria fa­ti­ca sem­pre di più a pub­bli­ca­re li­bri di poe­sia? Il fe­no­me­no del­la edi- to­ria a pa­ga­men­to è da con­dan­na­re?

«È cam­bia­ta la fi­gu­ra dell’edi­to­re. Og­gi ci so­no ma­na­ger a di­ri­ge­re le ca­se edi­tri­ci, non in­tel­let­tua­li. I po­chi edi­to­ri che han­no con­ser­va­to, per sem­pli­ci ra­gio­ni di pre­sti­gio, le lo­ro col­la­ne sto­ri­che di poe­sia, non fan­no nien­te per pro­muo­ver­la, non in­ve­sto­no. Al­lo­ra ven­de di più il poe­ta che si au­to­pro­muo­ve, che non è mai il mi­glio­re. Quan­to all’edi­to­ria a pa­ga­men­to, sco­rag­ge­rei qual­sia­si poe­ta a pub­bli­ca­re lì, per­ché in ge­ne­re non so­lo non fa pro­mo­zio­ne, ma non ha nep­pu­re una di­stri­bu­zio­ne».

Qual è sta­to il pe­rio­do au­reo del­la poe­sia ve­ne­ta? E, se ha la­scia­to ere­di, qua­li, nel­la con­tem­po­ra­nei­tà?

«So­no sta­ta un’ap­pas­sio­na­ta del­la poe­sia del Cin­que-Sei­cen­to, ho ama­to Ve­ro­ni­ca Fran­co, e tut­to l’an­ti­pe­trar­chi­smo, non sol­tan­to co­mi­co rea­li­sti­co, di An­drea Cal­mo, di Giam­bat­ti­sta Ma­gan­za, di Maf­fìo Ve­nier, di Nic­co­lò Fran­co, di Ca­mil­lo Scrof­fa. For­se è que­sto il pe­rio­do au­reo del­la poe­sia ve­ne­ta, che ha il suo cen­tro a Ve­ne­zia. Ba­sta da­re un’oc­chia­ta ai tre vo­lu­mi cu­ra­ti fa Man­lio Daz­zi per far­si un’idea dell’im­por­tan­za del­la poe­sia in lin­gua ve­ne­zia­na... Poi ci so­no i non ve­ne­zia­ni, an­zi, pri­ma: Bar­to­lo­meo Ca­vas­si­co, che, dà vo­ce ai con­ta­di­ni bel­lu­ne­si, pri­ma di Ru­zan­te; c’è Fo­len­go, ve­ne­to di ado­zio­ne... Ci so­no gran­di, iso­la­ti, qua e là. E Zan­zot­to è il no­stro mas­si­mo, ve­ne­to, ita­lia­no, eu­ro­peo».

Co­sa ne pen­sa del pro­ble­ma del­la tra­du­zio­ne in poe­sia? Ri­tie­ne che il dia­let­to, ve­ne­to ma non so­lo, pos­sa oc­cu­pa­re una po­si­zio­ne di di­gni­tà di lin­gua, tan­to da es­se­re in­tro­dot­ta co­me in­se­gna­men­to nel­le scuo­le?

«Il pro­ble­ma non è la tra­du­zio­ne e il di­lem­ma non è più tra bel­la e in­fe­de­le o brut­ta e fe­de­le, e si sa che si può sal­va­re la for­ma dell’ori­gi­na­le sen­za di­strug­ge­re o ba­na­liz­zar­ne il sen­so. Il pro­ble­ma è che si tra­du­ce sem­pre me­no e sem­pre peg­gio, for­se per­ché i poe­ti non si ap­pas­sio­na­no più al­la poe­sia de­gli al­tri, si ap­pas­sio­na­no so­lo al­la pro­pria. Pen­so che qual­sia­si dia­let­to pos­sa ac­qui­sta­re una di­gni­tà di lin­gua quan­do uno scrit­to­re o un poe­ta gli con­fe­ri­sce una di­gni­tà let­te­ra­ria. Il va­lo­re di una lin­gua è nel va­lo­re del­la sua let­te­ra­tu­ra».

Nel pa­no­ra­ma let­te­ra­rio ita­lia­no con­tem­po­ra­neo, qua­li au­to­ri vor­reb­be con­si­glia­re ad un let­to­re, nar­ra­to­ri e/o poe­ti?

«An­che se non so­no bra­va a leg­ge­re la pro­sa, con­si­glie­rei Lan­dol­fi e Vol­po­ni. E, tra i poe­ti vi­vi, Zan­zot­to e Zan­zot­to».

Ca­stel­la­na Pa­tri­zia Val­du­ga, na­ta a Ca­stel­fran­co, una del­le mag­gio­ri poe­tes­se ita­lia­ne: «Zan­zot­to è il no­stro mas­si­mo poe­ta»

Amo­ri So­no ap­pas­sio­na­ta del­la poe­sia del 500-600, ho ama­to Ve­ro­ni­ca Fran­co

❜❜

Ri­sco­per­te Tut­te le lin­gue so­no bel­le quan­do di­ven­ta­no poe­sia. È il ca­so di Cec­chi­nel

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.