NON CAM­BIA­TE IL VOL­TO DEI LUO­GHI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di RO­MO­LO BU­GA­RO* *Scrit­to­re

Iclien­ti di un cam­peg­gio del Ca­va­li­no si la­men­ta­no. La mu­si­ca pro­ve­nien­te da un lo­ca­le al­la mo­da nel­le vi­ci­nan­ze è in­sop­por­ta­bi­le. Le pa­re­ti di cam­per e rou­lot­tes vi­bra­no per col­pa dell'eccesso di de­ci­bel nel cuo­re del­la not­te. Im­pos­si­bi­le dor­mi­re, go­de­re di una va­can­za nor­ma­le. La mat­ti­na i clien­ti pro­te­sta­no col pro­prie­ta­rio, se ne van­no in an­ti­ci­po con la pro­mes­sa di non tor­na­re più. Il po­ver'uo­mo, giu­sta­men­te pre­oc­cu­pa­to, scri­ve al sin­da­co e de­nun­cia la si­tua­zio­ne. Il sin­da­co emet­te un'or­di­nan­za: il lo­ca­le di­stur­ba­to­re de­ve ri­dur­re il vo­lu­me del­la mu­si­ca (op­pu­re chiu­de­re più pre­sto op­pu­re chiu­de­re del tut­to) nel no­me del­la sal­va­guar­dia del di­rit­to al ri­po­so. Sem­bra un per­cor­so coe­ren­te, li­nea­re, inec­ce­pi­bi­le. Ma è dav­ve­ro co­sì? Se guar­dia­mo le co­se da vi­ci­no for­se no. Chi scri­ve ri­spet­ta il la­vo­ro di chiun­que, c om­pre­so nat ur a l - men­te quel­lo del pro­rie­ta­rio del cam­peg­gio.

(...) Di cer­to quel­la strut­tu­ra ha per­so dei clien­ti per col­pa del di­stur­bo crea­to dal­la mu­si­ca di­sco. Tut­ta­via, con ogni pro­ba­bi­li­tà, al­tri clien­ti fre­quen­ta­no quel cam­peg­gio pro­prio per­ché at­trat­ti dai lo­ca­li, dal­la mu­si­ca, dal­la vi­ta not­tur­na del­la vi­ci­na Je­so­lo. Inol­tre, nel­le lo­ca­li­tà bal­nea­ri esi­ste sem­pre, più o me­no di­stan­te, un cam­peg­gio, un al­ber­go, un ca­sa pri­va­ta che av­ver­te un po' trop­po ru­mo­re. Fa­sti­dio, cer­to. Ma si trat­ta, ap­pun­to, di lo­ca­li­tà bal­nea­ri. L'iden­ti­tà dei luo­ghi, co­me quel­la del­le per­so­ne, è frut­to di un lun­go pro­ces­so di ac­cu­mu­la­zio­ne. Se­quen­ze di av­ve­ni­men­ti, in­con­tri, scon­tri e tra­sfor­ma­zio­ni dan­no in­fi­ne luo­go a una for­ma. Je­so­lo e Sot­to­ma­ri­na so­no luo­ghi di va­can­za che pos­sie­do­no una sto­ria. Pri­ma qual­che stan­za in più nel­le ca­se dei pe­sca­to­ri. Poi le pri­me, pic­co­le pen­sio­ni. In­fi­ne, la mo­vi­da di og­gi. So­no luo­ghi fat­ti di lu­ce, mo­vi­men­to, ve­lo­ci­tà. E mu­si­ca, ap­pun­to. Vo­ler mo­di­fi­ca­re a colpi di or­di­nan­za que­sto ca­rat­te­re è co­me im­por­re a qual­cu­no di cam­bia­re il pro­prio vi­so tra­mi­te chi­rur­gia.

«Vie­ta­to vie­ta­re» di­ce­va uno slo­gan del­la con­te­sta­zio­ne di qual­che de­cen­nio fa. Uno slo­gan in­fan­ti­le, mas­si­ma­li­sta e pe­ri­co­lo­so, cer­to. A noi pe­rò con­ti­nua a pia­ce­re mol­tis­si­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.