Un fe­de­ra­li­smo cen­tri­pe­to l’al­ter­na­ti­va è la se­ces­sio­ne

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Lu­ca Za­ia Pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Ve­ne­to

Le ri­fles­sio­ni di Um­ber­to Cu­ri ci aiu­ta­no a spie­ga­re me­glio ai cit­ta­di­ni, in par­ti­co­la­re a quel­li ve­ne­ti, qua­le sia l'obiet­ti­vo di fon­do che si po­ne un go­ver­no elet­to con co­sì am­pio suf­fra­gio e con un pro­gram­ma co­sì chia­ro, «Pri­ma il Ve­ne­to». E per ri­spon­de­re a que­sto, non si può non fa­re ri­fe­ri­men­to a un go­ver­no na­zio­na­le e a una mag­gio­ran­za che so­no sta­ti ca­pa­ci in po­co tem­po di por­re ma­no al­le pre­mes­se le­gi­sla­ti­ve che por­ta­no al­la ri­for­ma. Par­lia­mo di pre­mes­se, per­ché poi la ri­for­ma rea­le so­no i cit­ta­di­ni a do­ver­la fa­re. La de­mo­cra­zia non ca­la dall'al­to, non è il gra­zio­so omag­gio di un prin­ci­pe an­no­ia­to, ma è il la­vo­ro quo­ti­dia­no di una co­mu­ni­tà che si dà del­le re­go­le. Ri­guar­do a quel­le mi­su­re che, se­con­do Cu­ri, sa­reb­be­ro «mi­se­ra co­sa», di­rei che nien­te è più lon­ta­no dal ve­ro. De­ma­nio: la ter­ra è di pro­prie­tà di chi ci vi­ve so­pra. Co­sti stan­dard: so­no il le­ga­me rea­le e con­cre­to che de­ter­mi­na il va­lo­re del­la so­li­da­rie­tà tra le sin­go­le Re­gio­ni. Sul­le tas­se, poi, si è fat­ta - ca­ro pro­fes­so­re - la più gran­de ri­vo­lu­zio­ne di tut­ti i tem­pi, che è quel­la ame­ri­ca­na, non quel­la fran­ce­se o so­vie­ti­ca. Le ri­cor­do il più ef­fi­ca­ce slo­gan di tut­ti i tem­pi: «No ta­xa­tion wi­thout re­pre­sen­ta­tion», che era il mo­do del tem­po per di­re di una vo­lon­tà fe­ro­ce all'au­to­de­ter­mi­na­zio­ne. A par­ti­re da que­sti ca­pi­sal­di si pos­so­no im­ma­gi­na­re ri­for­me più am­bi­zio­se, que­sto è cer­to. Tan­to è ve­ro che ab­bia­mo af­fi­da­to al pro­fes­sor An­to­ni­ni il com­pi­to di sti­la­re una ve­ra e pro­pria li­sta del­la spe­sa. La que­stio­ne che po­ne Cu­ri, pe­rò, è mol­to più pro­fon­da. Egli si chie­de qua­le sia il ve­ro obiet­ti­vo stra­te­gi­co del­la Le­ga, ma poi com­pie un er­ro­re di pro­spet­ti­va al­lor­ché giu­di­ca la Le­ga stes­sa sul­la ba­se di pa­ro­le d'or­di­ne che vent'an­ni fa ave­va­no un sen­so e che og­gi so­no sta­te tra­sfor­ma­te dal la­vo­ro com­piu­to nel frat­tem­po sul ter­ri­to­rio. Que­sto non to­glie che, qua­lo­ra non do­ves­se ar­ri­va­re nes­su­na ri­spo­sta, i po­po­li del Nord do­vreb­be­ro sce­glie­re la stra­da del­la se­ces­sio­ne. Ma que­sta, og­gi, è una pro­spet­ti­va mol­to più lon­ta­na di quel­la at­tua­le, che in­ve­ce si chia­ma «fe­de­ra­li­smo». Va­le a di­re: po­po­li e ter­ri­to­ri che scel­go­no da so­li gli stru­men­ti e le re­go­le del go­ver­no, an­co­ra vin­co­la­ti in un pat­to na­zio­na­le che si chia­ma Sta­to. Co­me ab­bia­mo più vol­te af­fer­ma­to, il fe­de­ra­li­smo è l'ul­ti­ma spiag­gia per una via de­mo­cra­ti­ca e ri­for­mi­sta all'au­to­no­mia. Sia­mo una for­za cen­tri­pe­ta, pro­fes­so­re: è quel­la cen­tri­fu­ga in ma­no al cen­tra­li­smo che po­treb­be por­ta­re a esi­ti non più con­trol­la­bi­li. Il rap­por­to che si vuo­le in­stau­ra­re tra le re­gio­ni del Nord è un pat­to di ri­spet­to, di so­li­da­rie­tà per lo svi­lup­po. Ed è quel­lo che vo­glia­mo fa­re nei con­fron­ti di quei ter­ri­to­ri del Sud che non aves­se­ro la for­za di ar­ri­va­re su­bi­to all'au­to­no­mia. Nel frat­tem­po ri­chia­mia­mo i sin­go­li ad edu­ca­re all'au­to­no­mia e a da­re va­lo­re al pat­to na­zio­na­le. Ca­ro pro­fes­so­re, sia­mo gli ul­ti­mi a par­la­re di que­ste co­se sen­za ri­fe­rir­le esclu­si­va­men­te all'in­no del­la na­zio­na­le di cal­cio e al tri­co­lo­re che si le­va quan­do Federica Pel­le­gri­ni (una ve­ne­zia­na, per in­ten­der­ci) vin­ce le sue me­da­glie. Di que­sto vo­glia­mo par­la­re con tut­ti co­lo­ro che non mi­li­ta­no dal­la no­stra par­te ma che co­me noi han­no a cuo­re va­lo­ri de­ci­si­vi qua­li la de­mo­cra­zia, le li­be­re isti­tu­zio­ni, lo svi­lup­po ar­mo­ni­co del­le no­stre so­cie­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.