Gob­bo: «La se­ces­sio­ne è già in at­to»

Il lea­der del­la Le­ga: «Fuo­ri chi ral­len­ta la lo­co­mo­ti­va. Pri­ma i ve­ne­ti? Sa­cro­san­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Marco Bo­net

VE­NE­ZIA — Bos­si agi­ta lo spet­tro del­la se­ces­sio­ne e ca­rez­za il Ve­ne­to che non si è mai «ita­lia­niz­za­to», che «sa­reb­be de­ci­so» se mai lo si chia­mas­se al­la guer­ra d’in­di­pen­den­za. At­tac­ca il Pd, at­tac­ca­no i fi­nia­ni, at­tac­ca il sin­da­ca­to (gli in­du­stria­li no, lo­ro con lo sta­tu­to sem­bra­no an­da­re d’ac­cor­do), la Chie­sa si di­ce per­ples­sa ed an­che al Pdl tre­ma­no un po­chi­no i pol­si. Gian Pao­lo Gob­bo, lì­der mà­xi­mo del­la Le­ga in Ve­ne­to, scen­de da Pon­te di Le­gno, il buen re­ti­ro ago­sta­no dal­le cui ci­me il Se­na­tùr la­scia ca­de­re le sue in­vet­ti­ve, e av­ver­te: ««In­ve­ce di strac­ciar­si le ve­sti, que­sta gen­te fa­reb­be me­glio a ren­der­si con­to che la se­ces­sio­ne è già in at­to, sta sot­to i lo­ro oc­chi. E se si fer­ma il fe­de­ra­li­smo c’è il ri­schio che suc­ce­da qual­co­sa di brut­to, qual­co­sa che va al di là del­la de­mo­cra­zia».

VE­NE­ZIA — Bos­si fa ro­tea­re il pu­gno, evo­ca la piaz­za (non an­co­ra in ar­mi, ma ci ar­ri­ve­rà: i mo­schet­ti so­no un re­frain di fi­ne esta­te), agi­ta lo spet­tro del­la se­ces­sio­ne, dell’ad­dio del­la Pa­da­nia all’Ita­lia. Poi ca­rez­za il Ve­ne­to che non si è mai «ita­lia­niz­za­to», che «sa­reb­be de­ci­so» se mai lo si chia­mas­se al­la guer­ra d’in­di­pen­den­za, che ha avu­to il fe­ga­to di fa­re uno sta­tu­to in cui fi­nal­men­te si di­ce pa­ne al pa­ne: «Pri­ma i ve­ne­ti». In­som­ma, Bos­si ac­cen­de la mic­cia col si­ga­ro e l’ago­ne po­li­ti­co fa bum! At­tac­ca il Pd, at­tac­ca l’Idv, at­tac­ca la Si­ni­stra, at­tac­ca­no i fi­nia­ni, at­tac­ca il sin­da­ca­to (gli in­du­stria­li no, lo­ro con lo sta­tu­to sem­bra­no an­da­re d’ac­cor­do), la Chie­sa si di­ce per­ples­sa ed an­che al Pdl tre­ma­no un po­chi­no i pol­si. «In­ve­ce di strac­ciar­si le ve­sti, que­sta gen­te fa­reb­be me­glio a ren­der­si con­to che la se­ces­sio­ne è già in at­to, sta sot­to i lo­ro oc­chi. E se si fer­ma il fe­de­ra­li­smo c’è il ri­schio che suc­ce­da qual­co­sa di brut­to, qual­co­sa che va al di là del­la de­mo­cra­zia». Gian Pao­lo Gob­bo, lì­der mà­xi­mo del­la Le­ga in Ve­ne­to, scen­de da Pon­te di Le­gno, il buen re­ti­ro ago­sta­no dal­le cui ci­me il Se­na­tùr la­scia ca­de­re le sue in­vet­ti­ve, e av­ver­te: «C’è un cli­ma in gi­ro, di odio ver­so la po­li­ti­ca e i po­li

ti­ci, che non mi pia­ce per

La se­ces­sio­ne c’è già, è quel­la tra un Nord che pro­du­ce e pa­ga le tas­se e un Sud che la­scia bu­chi di bi­lan­cio Ri­cor­do a tut­ti che «Pri­ma i ve­ne­ti» è sta­ta la pa­ro­la d’or­di­ne del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le del­la no­stra coa­li­zio­ne

nien­te».

E’ la so­li­ta mi­nac­cia dei fu­ci­li, del­la se­ces­sio­ne im­mi­nen­te?

«Nes­su­na mi­nac­cia, la se­ces­sio­ne è qui. Il Pae­se è già di­vi­so: il Nord pro­du­ce, van­ta un Pil dop­pio ri­spet­to al Sud, pa­ga le tas­se per tut­ti, men­tre sot­to il Po ci so­no re­gio­ni che non pre­sen­ta­no un bi­lan­cio dal 1990, che con­ti­nua­no a sfo­ra­re ogni bud­get, che la­scia­no bu­chi in ere­di­tà a de­stra e a si­ni­stra».

La so­lu­zio­ne è ognun per sé e Dio per tut­ti?

«Quan­do un tre­no è lan­cia­to a tut­ta ve­lo­ci­tà, se al­cu­ni va­go­ni ral­len­ta­no il con­vo­glio non si può far al­tro che stac­car­li. Bi­so­gna la­sciar an­da­re la lo­co­mo­ti­va, per­ché se si fer­ma quel­la è fi­ni­ta per tut­ti: per la lo­co­mo­ti­va, ma an­che per i va­go­ni che sta­va­no at­tac­ca­ti die­tro».

Il so­gno del­la Pa­da­nia, dun­que, non è tra­mon­ta­to.

«Mai. La Pa­da­nia è nel no­stro sim­bo­lo, an­che se non l’ab­bia­mo in­ven­ta­ta noi. Ne par­la­no i qua­der­ni del­la Fon­da­zio­ne Agnel­li del 1991, la de­fi­ni­sco­no una "su­per re­gio eco­no­mi­ca" ca­pa­ce di pro­dur­re an­che se or­fa­na di ma­te­rie pri­me. L’eco­no­mia, in quel ca­so, ha an­ti­ci­pa­to la po­li­ti­ca ed an­che og­gi so­no le im­pre­se a chie­der­ci un cam­bio di pas­so: lo vo­glio­no i pa­dro­ni e pu­re gli ope­rai».

Que­ste pul­sio­ni au­to­no­mi­ste so­no più for­ti in Ve­ne­to che al­tro­ve, co­me va di­cen­do Bos­si?

«L’ar­ti­co­lo 2 del­lo sta­tu­to del­la Re­gio­ne par­la chia­ra­men­te di "au­to­go­ver­no del po­po­lo ve­ne­to". Sa quan­do è sta­to scrit­to? Nel 1971, quin­di ben pri­ma che ar­ri­vas­si­mo noi, ben pri­ma che na­sces­se la Le­ga».

A pro­po­si­to di sta­tu­to, la nuo­va boz­za le pia­ce?

«Cer­to, per due mo­ti­vi: su­pe­ra uno stal­lo che du­ra da die­ci an­ni e ri­ba­di­sce mol­ti dei prin­ci­pi che ci stan­no a cuo­re».

Co­me il «Pri­ma i ve­ne­ti» del­la di­scor­dia.

«Non ve­do lo scan­da­lo, è una re­go­la dif­fu­sa in mol­ti Co­mu­ni, go­ver­na­ti dal­la Le­ga cer­to ma pu­re dal Pdl e dal Pd, an­che se lo­ro non lo di­co­no. E a chi se lo è scor­da­to, ri­cor­do che è sta­to lo slo­gan del­la no­stra cam­pa­gna elet­to­ra­le, la pa­ro­la d’or­di­ne con cui la coa­li­zio­ne Le­ga, Pdl, Adc ha con­qui­sta­to un con­sen­so ple­bi­sci­ta­rio». Lo ri­cor­da al Pdl? «Lo ri­cor­do a tut­ti». Lo sta­tu­to guar­da di­chia­ra­ta­men­te al fe­de­ra­li­smo che ver­rà, for­se an­che un po’ più in là. Ma se si tor­nas­se al­le ur­ne, ad­dio ri­for­ma?

«Il fe­de­ra­li­smo è fon­da­men­ta­le per la so­prav­vi­ven­za dell’Ita­lia e le ele­zio­ni an­ti­ci­pa­te ral­len­te­reb­be­ro il cam­bia­men­to. E poi at­ten­zio­ne, i cit­ta­di­ni so­no stan­chi di vo­ta­re di con­ti­nuo, non ne pos­so­no più».

I son­dag­gi, pe­rò, vi lan­cia­no nell’ipe­ru­ra­neo.

«Sia­mo tran­quil­li, vin­cia­mo. Pe­rò re­spi­ro un cli­ma che non mi pia­ce: ogni gior­no ci so­no grup­pi edi­to­ria­li e di opi­nio­ne che de­le­git­ti­ma­no la po­li­ti­ca, ali­men­tan­do un’in­sof­fe­ren­za che non vor­rei esplo­des­se in si­tua­zio­ni spia­ce­vo­li, al di là del­la de­mo­cra­zia».

Au­gu­ria­mo­ci di no. Cer­to è che pu­re i po­li­ti­ci ci han­no mes­so del lo­ro…

«E’ ve­ro. E qual­cu­no, pur­trop­po, si sta im­pe­gnan­do più de­gli al­tri nel da­re il peg­gio di sé».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.