L’IDEN­TI­TÀ CHIU­SA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di AN­TO­NIO AL­BER­TO SE­MI

Il di­bat­ti­to in cor­so nel Ve­ne­to e sul no­stro gior­na­le su fe­de­ra­li­smo, sim­bo­li iden­ti­ta­ri (ban­die­re, in­ni, «pri­ma i ve­ne­ti» ecc.) e po­si­zio­ni del­la Le­ga e de­gli al­tri par­ti­ti me­ri­ta, cre­do, che si ren­da­no espli­ci­ti al­cu­ni mec­ca­ni­smi in at­to. In un con­te­sto, per di più, nel qua­le la si­ni­stra e buo­na par­te del cen­tro­de­stra sem­bra­no per­de­re pro­gres­si­va­men­te ca­pa­ci­tà co­mu­ni­ca­ti­va e di con­se­guen­za ap­pog­gio (e poi po­te­re de­le­ga­to) da par­te dei cit­ta­di­ni.

La Le­ga sta gio­can­do sul ver­san­te dell'iden­ti­fi­ca­zio­ne, pro­po­nen­do sim­bo­li af­fet­ti­va­men­te im­por­tan­ti raf­fi­gu­ra­ti tra­mi­te un'im­ma­gi­ne del Ve­ne­to glo­rio­so, ric­co di sto­ria, al qua­le si può es­se­re or­go­glio­si di ap­par­te­ne­re. Vie­ne pro­po­sta cioè un'im­ma­gi­ne par­ti­co­la­re del Ve­ne­to e vie­ne in­cent i va­ta l ' i den­ti­fi­ca­zio­ne con quell'im­ma­gi­ne. Che poi la sto­ria sia sta­ta an­che di­ver­sa po­co im­por­ta, per­ché di im­ma­gi­ni e di sim­bo­li si trat­ta, non di real­tà con­cre­te: il Ve­ne­to è cer­ta­men­te fat­to di Gior­gio­ne e Ti­zia­no, di Re­pub­bli­ca di Ve­ne­zia or­go­glio­sa­men­te au­to­no­ma, ma an­che di mi­se­ria e di emi­gra­zio­ne, di umi­lia­zio­ni e di ver­go­gna del­la pro­pria po­ver­tà e del­la pro­pria igno­ran­za, di pel­la­gra e di sfrut­ta­men­to, di be­nes­se­re co­strui­to sì sul su­per­la­vo­ro ma an­che sul la­vo­ro ne­ro in ca­sa e co­sì via. Pe­rò, l'im­ma­gi­ne pro­po­sta per l'iden­ti­fi­ca­zio­ne è vin­cen­te e dif­fe­ren­zia mol­to la Le­ga dal­la Ba­le­na bian­ca: en­tram­be for­ze po­li­ti­che con un for­tis­si­mo ra­di­ca­men­to sul ter­ri­to­rio ep­pu­re di­ver­sis­si­me pro­prio per l'ele­men­to af­fet­ti­vo. La vec­chia Dc era un par­ti­to del qua­le mol­ti si ver­go­gna­va­no di es­se­re so­ste­ni­to­ri an­che se era mol­to vi­ci­na a bi­so­gni di sin­go­li in­di­vi­dui e di pic­co­li grup­pi: i mec­ca­ni­smi di spe­sa a piog­gia mo­stra­va­no pro­prio que­sta ca­pa­ci­tà di rap­pre­sen­ta­re bi­so­gni dif­fu­si e, con­tem­po­ra­nea­men­te, di in­cen­ti­va­re la ver­go­gna. L'ono­re­vo­le ta­le mi ha aiu­ta­to ma non pos­so dir­lo in gi­ro, per­ché mi ha fat­to un fa­vo­re.

Vi­ce­ver­sa, la Le­ga pun­ta mol­to - e be­ne - sull'or­go­glio, sull'ap­par­te­nen­za, ap­pun­to sul­la iden­ti­fi­ca­zio­ne con un'im­ma­gi­ne po­ten­te, glo­rio­sa, ric­ca e vin­cen­te.

Tut­ta­via l'iden­ti­fi­ca­zio­ne è un mec­ca­ni­smo par­ti­co­la­re, sul qua­le è be­ne ri­flet­te­re: ci si può «iden­ti­fi­ca­re con» e re­sta­re lì, op­pu­re ci si può «iden­ti­fi­ca­re per». Il pri­mo è la per­ver­sio­ne di un mo­do fisiologico di crescita, il se­con­do è il mo­do nor­ma­le: il bam­bi­no si iden­ti­fi­ca con i ge­ni­to­ri «per» po­ter di­ven­ta­re an­ch'egli gran­de e ca­pa­ce di af­fron­ta­re la real­tà, cioè per di­ven­ta­re se stes­so, di­ver­so da tut­ti gli al­tri. Que­sti mo­di di iden­ti­fi­car­si so­no usa­ti in tut­te le età del­la vi­ta ma so­lo se so­no ri­spet­ta­ti i due tem­pi del pro­ces­so di iden­ti­fi­ca­zio­ne si ha uno svi­lup­po so­li­do.

Se il pro­ces­so si fer­ma al­la pri­ma tap­pa, pri­ma o poi ca­pi­ta il crac e, sul pia­no in­di­vi­dua­le, si ha spes­so il di­sa­stro. Mi sem­bra che la Le­ga fa­reb­be be­ne a ri­flet­te­re sul pericolo di gio­ca­re so­lo sul­la iden­ti­fi­ca­zio­ne «con» e che gli al­tri par­ti­ti (e prin­ci­pal­men­te quel­li di si­ni­stra) fa­reb­be­ro be­ne a ri­flet­te­re sul fat­to che pro­por­re an­che gran­di pro­gram­mi ma sen­za pas­sa­re per la «iden­ti­fi­ca­zio­ne con» li al­lon­ta­na sem­pre più dal­la real­tà, che è fat­ta di in­di­vi­dui as­sai di­ver­si e mol­to più con­cre­ti ed af­fet­ti­va­men­te coin­vol­ti di quan­to es­si non sem­bri­no per­ce­pi­re. In que­sto sen­so, mi sem­bra che nel Ve­ne­to og­gi si stia an­che gio­can­do una gran­de par­ti­ta po­li­ti­ca ba­sa­ta sul ri­co­no­sci­men­to o il di­sco­no­sci­men­to del­la real­tà dell'in­di­vi­duo con­tem­po­ra­neo, il qua­le è as­sai di­ver­so da quel­lo dei tem­pi del­la Ba­le­na bian­ca o del Pci. In un mo­do (Le­ga) o nell'al­tro (si­ni­stra) il pericolo è, al di là del­le in­ten­zio­ni, quel­lo di sta­bi­li­re nuo­ve for­me di sud­di­tan­za an­zi­ché di cit­ta­di­nan­za e di fa­re ac­cu­mu­la­re ai sin­go­li in­te­rior­men­te gran­di quan­ti­tà di rab­bia, de­sti­na­te pri­ma o poi ad esplo­de­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.