I pe­ri­co­li del­la fi­ne del ber­lu­sco­ni­smo

L’uni­tà e la vo­glia di au­to­no­mia Il ruo­lo di un pre­mier che fa da col­lan­te

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di AN­TO­NIO CO­STA­TO

Do­ves­se ve­ni­re me­no il col­lan­te che ha ga­ran­ti­to il pre­mier, per il Pae­se si apri­rà una sta­gio­ne dif­fi­ci­le

An­cor­ché plu­ri­mil­le­na­ria quel­la del no­stro Pae­se non è una sto­ria uni­ta­ria. Ci fu una lun­ga sta­gio­ne in cui tut­to il mon­do co­no­sciu­to ave­va il suo cen­tro in Ro­ma da do­ve ve­ni­va­no espor­ta­te lin­gua, tec­ni­che di guer­ra, leg­gi, re­li­gio­ne e la no­stra pe­ni­so­la non fa­ce­va ec­ce­zio­ne. Ma all'in­ter­no del­la stes­sa, an­che in epo­ca ro­ma­na, con­ti­nua­va­no a vi­ve­re po­po­li che ave­va­no un sen­ti­re pro­prio, co­sì co­me ac­ca­de­va in tut­ti gli an­go­li dell'Im­pe­ro. Nel V se­co­lo, con il ve­ni­re me­no dell'or­di­ne co­sti­tui­to, le po­po­la­zio­ni ri­pre­se­ro un per­cor­so au­to­no­mo che le por­tò ad at­tra­ver­sa­re la lun­ga e buia sta­gio­ne del Me­dioe­vo fi­no all'in­di­vi­dua­zio­ne di pe­ri­me­tri geo­gra­fi­ci e sta­tua­li in par­te ri­con­du­ci­bi­li a po­ten­ta­ti au­toc­to­ni, in par­te a so­vra­ni di pae­si lon­ta­ni e in par­te ad­di­rit­tu­ra al­la Chie­sa.

Quan­do 150 an­ni fa si vol­le da­re vi­ta al pro­get­to uni­ta­rio fu su­bi­to chia­ro co­me il te­ma del­la crea­zio­ne di un'iden­ti­tà con­di­vi­sa fos­se cen­tra­le. In soc­cor­so al mi­to ri­sor­gi­men­ta­le, de­bo­le per­ché eli­ta­rio, ar­ri­vò pri­ma la Gran­de Guer­ra, ve­ro cam­po di con­fron­to per col­ti­va­re e te­sta­re il sen­ti­men­to na­zio­na­le, e poi il fa­sci­smo con tut­ta la sua re­to­ri­ca e i suoi mi­ti. La te­nu­ta de­lI'Ita­lia, gio­va­ne en­ti­tà di po­co più di 80 an­ni, fu mes­sa a du­ra pro­va tra il set­tem­bre 1943 e il re­fe­ren­dum che san­cì la na­sci­ta del­la Re­pub­bli­ca. Ce la ca­vam­mo per­ché nel frat­tem­po una nuo­va oc­ca­sio­ne ve­ni­va of­fer­ta dal­la Sto­ria: la cre­scen­te pres­sio­ne del bloc­co So­vie­ti­co che ob­bli­ga­va i pae­si che gli Al­lea­ti era­no riu­sci­ti a li­be­ra­re pri­ma dell'Ar­ma­ta Ros­sa a ri­ma­ne­re uni­ti e so­li­da­li tra lo­ro. La Guer­ra Fred­da dun­que, ac­com­pa­gna­ta dal­la ne­ces­si­tà di ri­co­strui­re, im­po­se un'agen­da co­mu­ne di la­vo­ro da Tren­to al­la Si­ci­lia che fe­ce re­cu­pe­ra­re te­nu­ta al fi­lo dell'iden­ti­tà na­zio­na­le che si era ri­schia­to di spez­za­re con la scon­fit­ta e la fi­ne del­la mo­nar­chia.

Nel 1989 la di­vi­so­ne del mon­do in bloc­chi fi­ni­sce e si apre una nuo­va sta­gio­ne per l'Eu­ro­pa per­ché quel­lo che era sta­to un col­lan­te for­mi­da­bi­le vie­ne me­no. Na­zio­ni si­no a pri­ma te­nu­te in­sie­me dall'es­se­re co­mu­ni­ste si dis­sol­vo­no an­dan­do a re­cu­pe­ra­re iden­ti­tà sto­ri­che, cul­tu­ra­li, et­ni­che e re­li­gio­se che non coin­ci­de­va­no con i con­fi­ni geo­gra­fi­ci im­po­sti dal­la po­li­ti­ca più re­cen­te. La Yu­go­sla­via, l'Urss, la ci­vi­lis­si­ma Ce­co­slo­vac­chia si de­com­pon­go­no. Le car­te geo­gra­fi­che so­no stra­vol­te. An­che dal­la no­stra par­te del­la cor­ti­na l'es­se­re an­ti­co­mu­ni­sti era un va­lo­re ca­pa­ce di uni­re. Il ri­pren­de­re co­scien­za di iden­ti­tà so­pi­te dal­la Spa­gna al Belgio so­no fa­vo­ri­te dal ve­ni­re me­no il sen­so di ap­par­te­nen­za ad un «bloc­co». In Ita­lia fi­no ad ora ci è an­da­ta be­ne com­pli­ce la par­ti­co­la­ris­si­ma sta­gio­ne po­li­ti­ca che ab­bia­mo co­no­sciu­to ne­gli ul­ti­mi quin­di­ci an­ni. Al­la con­trap­po­si­zio­ne Dc-Pci si è so­sti­tui­ta una non me­no ac­ce­sa con­trap­po­si­zio­ne Ber­lu­sco­ni - An­ti Ber­lu­sco­ni che ha vi­sto l'at­tua­le pri­mo mi­ni­stro nel­la ne­ces­si­tà e ca­pa­ce di con­dur­re le sua bat­ta­glie sem­pre sul pia­no na­zio­na­le. I go­ver­ni a gui­da Ber­lu­sco­ni che dal 1994 ad og­gi si so­no sus­se­gui­ti so­no sem­pre sta­ti un in­sie­me tut­to som­ma­to equi­li­bra­to di rap­pre­sen­tan­ti pro­ve­nien­ti da tut­te le par­ti del Pae­se. Con For­za Ita­lia pri­ma e il Pdl ora, Ber­lu­sco­ni ha fat­to con­vi­ve­re mi­ni­stri di ogni do­ve ge­sten­do in ma­nie­ra abi­le an­che il par­ti­co­la­re rap­por­to con la Le­ga. Chi lo cri­ti­ca, con­te­stan­do che l'at­tua­le ese­cu­ti­vo sa­reb­be trop­po «con­di­zio­na­to» nel suo ope­ra­re dal­la Le­ga, non ren­de in­fat­ti un giu­di­zio obiet­ti­vo agli equi­li­bri­smi che il pri­mo mi­ni­stro con­ti­nua a fa­re per te­ne­re uni­to go­ver­no e Pae­se pu­re di fron­te al­le pres­sio­ni di una for­za che ha dal­la sua par­te vo­ti che, an­che in de­mo­cra­zia, de­vo­no es­se­re pe­sa­ti per­ché rac­col­ti nel­le zo­ne più pro­dut­ti­ve e ge­ne­ro­se dal pun­to di vi­sta fi­sca­le.

La con­clu­sio­ne non vuo­le cer­to es­se­re l'epi­taf­fio dell'uo­mo più po­ten­te d'Ita­lia ma una sem­pli­ce con­sta­ta­zio­ne: do­ves­se ve­ni­re me­no il col­lan­te che per me­ri­ti, ca­pa­ci­tà, mez­zi, op­por­tu­ni­smo o quel che si vo­glia ha co­mun­que sa­pu­to ga­ran­ti­re il «Ma­re­scial­lo» Ber­lu­sco­ni pri­ma del va­ro del­la ri­for­ma del­lo Sta­to in sen­so Fe­de­ra­le, per il Pae­se si apri­rà una sta­gio­ne do­ve non sa­rà fa­ci­le tro­va­re un com­pro­mes­so al­le aspi­ra­zio­ni di cia­scu­no dei po­po­li che lo abi­ta­no.

Im­pren­di­to­re An­to­nio Co­sta­to, ro­di­gi­no, è vi­ce­pre­si­den­te di Con­fin­du­stria

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.