Pia­ve, asce­sa e ca­du­ta di un fiu­me

Alessandro Mar­zo Ma­gno ri­per­cor­re la sto­ria: «Ora non mor­mo­ra più»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cultura & Tempo Libero - Alessandro Tor­ta­to in­fo@ales­san­dro­tor­ta­to.com

«Par­lia­mo di un fiu­me scom­par­so. Di un fiu­me che vi­ve nel­la me­mo­ria col­let­ti­va di un pae­se, ma che nel suo let­to or­mai è mor­to. Non c’è più. O qua­si. Be­vu­to da cen­to­ven­tu­no cen­tra­li idroe­let­tri­che, as­sor­bi­to dai cam­pi al rit­mo di novantotto me­tri cu­bi al se­con­do, in real­tà è un fiu­me che fa di tut­to, fuor­ché fa­re il fiu­me. Ov­ve­ro non scor­re, non flui­sce, non si gon­fia, non eson­da. Non mor­mo­ra più». Sog­get­to di que­sto ef­fi­ca­ce in­ci­pit, con cui Alessandro Mar­zo Ma­gno apre il suo nuo­vo la­vo­ro ( Pia­ve. Cro­na­che di un fiu­me sa­cro, Il Sag­gia­to­re, 261 pp., 16 eu­ro) è il Pia­ve, il fiu­me sa­cro al­la Pa­tria, un cor­so d’ac­qua dall’im­men­su­ra­bi­le va­lo­re sim­bo­li­co, uno dei mag­gio­ri cro­no­to­pi dell’iden­ti­tà ita­lia­na. L’au­to­re ci ac­com­pa­gna sul fi­lo del­la me­mo­ria lun­go i due­cen­to­ven­ti chi­lo­me­tri del suo al­veo, in un af­fa­sci­nan­te per­cor­so flu­via­le di ven­ti tap­pe che ci per­met­te di ri­vi­ve­re pa­gi­ne fon­da­men­ta­li del no­stro pas­sa­to e co­no­sce­re real­tà in­te­res­san­tis­si­me del no­stro pre­sen­te. Un viag­gio go­di­bi­lis­si­mo lun­go un fiu­me pa­ra­dos­sa­le, ri­dot­to com’è al die­ci per cen­to di quel­lo che era. Pa­ra­dos­sa­le nel­le sue sor­gen­ti, una uf­fi­cia­le, un poz­zan­ghe­ro­ne «si­mi­le ad una pi­sci­net­ta gon­fia­bi­le» si­tua­to al­le pen­di­ci del Mon­te Pe­ral­ba a 1830 me­tri d’al­ti­tu­di­ne, l’al­tra, ri­ven­di­ca­ta da­gli abi­tan­ti del Co­me­li­co, sem­pre sul Pe­ral­ba, ma qual­che cen­ti­na­io di me­tri più in là, quel po­co che ba­sta per far­lo scen­de­re lun­go la Val Vi­sden­de. Pa­ra­dos­sa­le an­che nel­le fo­ci: quel­la odier­na ha so­la- men­te 300 an­ni, ta­glia­ta dal­la Se­re­nis­si­ma nel XVII se­co­lo, men­tre la boc­ca sto­ri­ca è og­gi di­ven­ta­ta l’estua­rio del Si­le, in un cu­rio­sis­si­mo scam­bio di fiu­mi ope­ra an­co­ra una vol­ta dei ve­ne­zia­ni che te­me­va­no la la­gu­na ve­nis­se in­ter­ra­ta. Un fiu­me che pro­prio nei suoi pa­ra­dos­si ha ispi­ra­to tan­ta let­te­ra­tu­ra. Vi­vo­no lun­go le sue spon­de lo scrit­to­re-scul­to­re-al­pi­ni­sta Mau­ro Co­ro­na ed un gran­de poe­ta co­me An­drea Zan­zot­to. Un fiu­me che, quan­do esi­ste­va, di­vi­de­va le due spon­de in due mon­di, quel­lo «al di qua» e quel­lo «al di là». Chi vi­ve­va sul­la si­ni­stra con­si­de­ra­va im­bro­glio­ni e po­co af­fi­da­bi­li quel­li del­la de­stra; quel­li del­la de­stra ri­te­ne­va­no in­ve­ce quel­li del­la si­ni­stra roz­zi e pri­mi­ti­vi (e non è det­to che la for­ma pas­sa­ta del ver­bo sia la più cor­ret­ta…). Di­vi­sio­ni, que­ste, con­fer­ma­te da­gli idio­mi: il ve­ne­to del­la de­stra-Pia­ve è più mor­bi­do, dol­ce, «ve­ne­zia­neg­gian­te», quel­lo del­la si­ni­stra du­ro, tron­co, più mon­ta­na­ro.

E, per re­sta­re nel­la lin­gui­sti­ca, è be­ne ri­cor­da­re che quel­lo che noi ora in­di­chia­mo co­me «il Pia­ve», per se­co­li, si­no al­la Gran­de Guer­ra, è sta­to «la Pia­ve». Il ge­ne­re fem­mi­ni­le, in­fat­ti, non si ad­di­ce­va al fiu­me che ave­va sbar­ra­to la stra­da all’in­va­so­re ger­ma­ni­co do­po Ca­po­ret­to, e co­sì, il Va­te, Ga­brie­le D’An­nun­zio, no­no­stan­te fior di uf­fi­cia­li (Por­ro, il du­ca d’Ao­sta, tan­to per ci­tar­ne due) con­ti­nuas­se­ro a par­la­re de «la Pia­ve», pro­cla­mò il cor­so d’ac­qua «fiu­me ma­schio, che tra­sci­na­va grap­po­li di ca­da­ve­ri au­stria­ci, da Ner­ve­sa al ma­re». Ci pen­sò poi la ce­le­ber­ri­ma Leg­gen­da del Pia­ve, can­ta­ta dai fan­ti in trin­cea, a far­lo «mor­mo­ra­re» per sem­pre vi­ri­le. La Leg­gen­da fu in­no prov­vi­so­rio d’Ita­lia tra il 1943 ed il 1946, sin quan­do E.A. Ma­rio si ri­fiu­tò di com­por­re su com­mis­sio­ne di De Ga­spe­ri l’in­no al­la De­mo­cra­zia Cri­stia­na.

Pa­re co­sì che lo sta­ti­sta tren­ti­no, per ri­pic­ca, ab­bia op­ta­to per Ma­me­li. A di­re il ve­ro il Pia­ve, ma non il fiu­me, è tor­na­to al fem­mi­ni­le a me­tà de­gli an­ni Set­tan­ta, quan­do, dal­le par­ti di Co­ne­glia­no, i fra­tel­li Ma­schio de­ci­se­ro di sfrut­ta­re il no­me sa­cro per la pro­du­zio­ne del­la lo­ro ac­qua­vi­te: la «Pia­ve». Un se­con­do, omo­ni­mo fiu­me, que­sto, ma di grap­pa!

Scom­par­so Una ve­du­ta ae­rea del Pia­ve. Il gior­na­li­sta e scrit­to­re Alessandro Mar­zo Ma­gno ha pub­bli­ca­to «Pia­ve. Cro­na­che di un fiu­me sa­cro» (Il Sag­gia­to­re, 261 pp., 16 eu­ro)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.