«Tra i mu­sul­ma­ni ca­si di pe­do­fi­lia co­per­ti da imam»

La con­sul­ta per l’im­mi­gra­zio­ne

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di MASSIMILIANO MELILLI

La Pel­le­gri­ni ur­la l'in­no d'Ita­lia do­po i trion­fi agli Eu­ro­pei di Bu­da­pe­st. Una le­zio­ne (di sti­le e di or­go­glio) ai tan­ti cal­cia­to­ri mi­lio­na­ri che non ne co­no­sco­no nean­che una stro­fa

TREVISO — «Ci so­no fi­gu­re re­li­gio­se, che per noi mu­sul­ma­ni so­no sa­cre, gra­ve­men­te com­pro­mes­se con la pe­do­fi­lia». Do­po aver let­to per me­si pa­gi­ne e pa­gi­ne sui pre­sun­ti abu­si su mi­no­ri per­pe­tra­ti da­gli espo­nen­ti del cle­ro cat­to­li­co, Ab­dal­lah Khe­z­ra­ji, il ma­roc­chi­no neo-vi­ce­pre­si­den­te del­la con­sul­ta re­gio­na­le per l’im­mi­gra­zio­ne, ha de­ci­so di al­za­re il ve­lo sul­la pia­ga del­la «pe­do­fi­lia ovun­que, an­che nel­la co­mu­ni­tà isla­mi­ca, gra­zie al­la co­per­tu­ra di qual­che imam».

TREVISO — Per me­si ha let­to pa­gi­ne e pa­gi­ne sui pre­sun­ti abu­si su mi­no­ri per­pe­tra­ti da­gli espo­nen­ti del cle­ro cat­to­li­co. Cro­na­che ro­se pe­rò da un tar­lo che al­la fi­ne ha mes­so in cri­si la sua co­scien­za di mu­sul­ma­no: «Da stra­nie­ro ho vis­su­to sul­la mia pel­le la di­scri­mi­na­zio­ne del pre­giu­di­zio e quin­di so co­sa vuol di­re ac­cu­sa­re sem­pre e so­lo gli al­tri». Co­sì ora Ab­dall a h Khe­z­ra­ji , i l ma­roc­chi­no neo-vi­ce­pre­si­den­te del­la con­sul­ta re­gio­na­le per l’im­mi­gra­zio­ne, ha de­ci­so di al­za­re il ve­lo s ul l a pia­ga del l a « pe­do­fi­lia ovun­que, an­che nel­la co­mu­ni­tà isla­mi­ca, gra­zie al­la co­per­tu­ra di qual­che imam». Per­ché que­sta usci­ta? «Ul­ti­ma­men­te sen­to par­la­re di un te­ma co­sì de­li­ca­to che coin­vol­ge an­che fi­gu­re no­te, re­li­gio­si, po­li­ti­ci, im­pren­di­to­ri. È sem­pre im­ba­raz­zan­te sa­pe­re che si fa vio­len­za nei con­fron­ti dei bam­bi­ni e di­sa­bi­li gra­vi e su quel­le per­so­ne che non han­no la pos­si­bi­li­tà di espri­mer­si per pau­ra o per in­no­cen­za. Il la­vo­ro del­la so­cie­tà ci­vi­le do­vreb­be es­se­re quel­lo di pre­ve­ni­re, punt a ndo s o prat­tut­to sul­le mam­me e su tut­ti co­lo­ro che han­no un mi­ni­mo di co­scien­za».

Co­me si è av­vi­ci­na­to a que­sto te­ma?

«At­tra­ver­so il con­tat­to che nel Tre­vi­gia­no ab­bia­mo avu­to con una don­na di Ra­bat che un gior­no ha vi­sto sul cor­po di suo fi­glio i se­gni di vio­len­ze. Quel­la ma­dre ha sco­per­to che del suo bam­bi­no ave­va abu­sa­to un bi­del­lo e co­sì l’ha de­nun­cia­to, co­min­cian­do una bat­ta­glia che tut­to­ra la por­ta a com­bat­te­re la pe­do­fi­lia an­che ad al­to li­vel­lo, vi­sto che nel frat­tem­po ha sco­per­to che in Ma­roc­co que­sto ma­le si an­ni­da pu­re fra i po­li­ti­ci, le au­to­ri­tà re­li­gio­se, la gen­te im­por­tan­te. Ab­bia­mo in­vi­ta­to que­sta con­na­zio­na­le a Mon­te­bel­lu­na, do­ve una sera ab­bia­mo pro­mos­so un con­cer­to a fa­vo­re dei bam­bi­ni in­di­fe­si e l’in­do­ma­ni ab­bia­mo or­ga­niz­za­to un in­con­tro per di­vul­ga­re que­sta espe­rien­za di pre­ven­zio­ne. Lì, da­van­ti a 700 spet­ta­to­ri, ci rac­con­ta­va­no che com­pli­ci era­no an­che al­cu­ne no­stre fi­gu­re re­li­gio­se co­me imam di gran­di spic­co. Que­sto per di­re che pur­trop­po il fe­no­me­no è ovun­que. Da al­lo­ra con­ti­nuia­mo a so­ste­ne­re la cau­sa di que­sta mam­ma, per­ché in fon­do è la cau­sa di tut­ti noi, an­che se sap­pia­mo be­ne che que­sto te­ma vie­ne igno­ra­to o al più trat­ta­to sot­to ban­co».

Gli imam co­me i ve­sco­vi, dun­que?

«Non dob­bia­mo ge­ne­ra­liz­za­re, non so­no tut­ti co­sì. Di­cia­mo pe­rò che è sta­to for­te lo choc nel­lo sco­pri­re che pu­re al­cu­ne fi­gu­re re­li­gio­se, che per noi so­no sa­cre, ri­sul­ta­no gra­ve­men­te com­pro­mes­se con la pe­do­fi­lia. Un fe­no­me­no uf­fi­cial­men­te con­dan­na­to dal mon­do mu­sul­ma­no. Ma la que­stio­ne in­fa­sti­di­sce e im­ba­raz­za tal­men­te tan­to da far sì che pra­ti­ca­men­te non se ne par­li, al pun­to che si fa fin­ta che il pro­ble­ma non esi­sta. In­ve­ce an­che noi isla­mi­ci dob­bia­mo apri­re gli oc­chi e am­met­te­re che il mo­stro può na­scon­der­si pu­re nel­la no­stra co­mu­ni­tà. Non so di che re­li­gio­ne fos­se il ni­ge­ria­no che è sta­to ar­re­sta­to nel Vi­cen­ti­no con l’ac­cu­sa di aver vio­len­ta­to la fi­glia di una cop­pia di con­na­zio­na­li che gli ave­va­no da­to ospi­ta­li­tà. Ma, al di là del­la sua fe­de, quel­la vi­cen­da è la di­mo­stra­zio­ne che le per­so­ne pos­so­no an­che cam­bia- re Pae­se, ma se han­no cer­te per­ver­sio­ni le man­ten­go­no. Ciò de­ve far­ci ri­flet­te­re».

Non te­me rea­zio­ni ne­ga­ti­ve al­la sua pre­sa di po­si­zio­ne?

«Mi ri­ten­go un li­be­ral e so­no abi­tua­to a di­re quel­lo che pen­so. So­no con­sa­pe­vo­le del fat­to che que­ste mie pa­ro­le po­treb­be­ro non pia­ce­re a qual­cu­no, ma per­so­nal­men­te sen­to il do­ve­re di por­mi de­gli in­ter­ro­ga­ti­vi e di cer­ca­re del­le ri­spo­ste».

Af­fron­te­rà que­sto ar­go­men­to an­che nel suo nuo­vo in­ca­ri­co in Re­gio­ne?

«Non è un te­ma prio­ri­ta­rio, nel sen­so che non ri­scon­tro al­lar­mi par­ti­co­la­ri in Ve­ne­to. Cre­do pe­rò che an­che que­sto pun­to va­da in­se­ri­to in agen­da, per es­se­re af­fron­ta­to in chia­ve di pre­ven­zio­ne. Dob­bia­mo far sì che la po­po­la­zio­ne im­mi­gra­ta pre­sti più at­ten­zio­ne a cer­ti pro­ble­mi. Ad esem­pio fi­no­ra ci sia­mo ri­vol­ti al­le don­ne so­lo in ter­mi­ni di al­fa­be­tiz­za­zio­ne, o al mas­si­mo di in­fi­bu­la­zio­ne. In­ve­ce è op­por­tu­no pen­sa­re a lo­ro an­che co­me ma­dri, che van­no edu­ca­te pu­re a te­ne­re al­ta l’at­ten­zio­ne nei con­fron­ti dei di­sa­gi ma­ni­fe­sta­ti dai lo­ro fi­gli».

In pre­ghie­ra Nel­la fo­to a fian­co, mu­sul­ma­ni riu­ni­ti per la pre­ghie­ra in un pa­laz­zet­to. Nel ton­do, il vi­ce­pre­si­den­te del­la con­sul­ta re­gio­na­le, Ab­dal­lah Khe­z­ra­ji, di Treviso So­no le mi­glia­ia di im­mi­gra­ti di fe­de mu­sul­ma­na (sti­ma del­la Ca­ri­tas) pre­sen­ti in Ve­ne­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.