Ma­noa, la ter­za del­le Fi­ji «Ma mi sen­to ita­lia­no»

È il pri­mo atle­ta di co­lo­re del­la na­zio­na­le

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - El­vis Luc­che­se

TREVISO - Ven­ti­set­te an­ni com­piu­ti lo scor­so 12 ago­sto, na­ti­vo del­le Iso­le Fi­ji ma «adot­ta­to» dal Par­ma per set­te sta­gio­ni, Ma­noa Vo­sa­wai sa­rà uno dei gio­ca­to­ri-chia­ve del Be­net­ton ver­sio­ne 2010-2011, at­te­so dall'im­pe­gna­ti­vo sal­to in Celtic Lea­gue. Sul­le pos­sen­ti spal­le del­la ter­za li­nea di Su­va, 188 cen­ti­me­tri per 112 chi­li, pog­ge­rà la re­spon­sa­bi­li­tà di pri­mo «ball car­rier» del pac­chet­to bian­co­ver­de, con l'in­gra­to com­pi­to di rac­co­glie­re l'ere­di­tà nel­la po­si­zio­ne nu­me­ro 8 di Dion Kin­gi, uno de­gli atle­ti più sti­ma­ti dall'en­tou­ra­ge e dal pub­bli­co tre­vi­gia­no. «Kin­gi è un ot­ti­mo gio­ca­to­re, fra noi del Sud del Pa­ci­fi­co c'era sem­pre una sfi­da per­so­na­le in cam­po e quin­di lo co­no­sco be­ne», spie­ga in una pau­sa de­gli al­le­na­men­ti Vo­sa­wai. «Il mio gio­co è un po' di­ver­so, più of­fen­si­vo, ma al­tret­tan­to fi­si­co, per­chè que­sto è il mo­do di in­ten­de­re il rug­by al­le Fi­ji o in Nuo­va Ze­lan­da».

Vo­sa­wai ha la­scia­to l'ar­ci­pe­la­go na­tìo a vent'an­ni, quan­do ave­va av­via­to an­che una car­rie­ra uni­ver­si­ta­ria in Fi­si­ca e Ma­te­ma­ti­ca. Og­gi si con­si­de­ra «mez­zo ita­lia­no», tan­to da ave­re ri­nun­cia­to ad una pos­si­bi­le chia­ma­ta per le Fi­ji a fa­vo­re del­la ma­glia az­zur­ra. È sta­to pe­ral­tro il pri­mo atle­ta di co­lo­re del­la no­stra Na­zio­na­le.

«So dei fi­schi a Ba­lo­tel­li, ma il rug­by per for­tu­na è un am­bien­te di­ver­so, nel qua­le con­ta so­lo quel­lo che dai in cam­po. Ge­sti di raz­zi­smo? Mai su­bi­ti. L'Ita­lia è or­mai per me una se­con­da ca­sa». A chi gli chie­de dei suoi pre­gi e di­fet­ti, lui ri­spon­de co­sì: «Mi di­stur­ba il fred­do in­ver­na­le, men­tre la co­sa più bel­la so­no... le don­ne». Ora il pas­sag­gio dal mo­de­sto Su­per Ten no­stra­no al­la du­ris­si­ma Ma­gners. «Sia­mo cre­sciu­ti fi­si­ca­men­te, ma ades­so do­vre­mo sa­pe­re ge­sti­re una in­ten­si­tà men­ta­le mol­to su­pe­rio­re. Ci vor­rà del tem­po per al­za­re an­co­ra di più il no­stro li­vel­lo, ma non ab­bia­mo pau­ra».

Ma­noa Vo­sa­wai Mi piac­cio­no le don­ne ita­lia­ne ma odio il vo­stro fred­do. Non ho mai sof­fer­to per que­stio­ni raz­zia­li: ho scel­to di gio­ca­re con la na­zio­na­le az­zur­ra an­che per que­sto

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.