Vit­ti­ma un cin­quan­ten­ne In­set­ti­ci­da con­tro il ni­do lo scia­me di ve­spe si ri­bel­la e lo uc­ci­de

L’uo­mo vo­le­va ri­muo­ve­re un ni­do vi­ci­no al­la fi­ne­stra del ba­gno: shock ana­fi­lat­ti­co

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Federica Fant

CA­STEL­LA­VAZ­ZO (Bel­lu­no) — As­sa­li­to da uno scia­me di ve­spe nel ba­gno di ca­sa do­po aver­le af­fron­ta­te con l’in­set­ti­ci­da, muo­re da­van­ti al­la mo­glie e ai fi­gli. É ac­ca­du­to a Co­dis­sa­go, in co­mu­ne di Ca­stel­la­vaz­zo. Gianni Zol­dan, 53 an­ni, è sta­to in­ve­sti­to dal­lo scia­me che ha rea­gi­to all’in­set­ti­ci­da.

CA­STEL­LA­VAZ­ZO (Bel­lu­no) — Vie­ne as­sa­li­to da uno scia­me di ve­spe nel ba­gno di ca­sa e muo­re da­van­ti al­la mo­glie e ai fi­gli. É ac­ca­du­to in pro­vin­cia di Bel­lu­no mar­te­dì sera, nel­la fra­zio­ne di Co­dis­sa­go, in co­mu­ne di Ca­stel­la­vaz­zo. Gianni Zol­dan, 53 an­ni, è sta­to vit­ti­ma di una sven­tu­ra­ta ca­sua­li­tà. Il re­fer­to del­la guar­dia me­di­ca par­la di un pro­ba­bi­le shock ana­fi­lat­ti­co a cau­sa del­le ri­pe­tu­te pun­tu­re e di un con­se­guen­te in­far­to. La cau­sa del de­ces­so è di­ven­ta­ta pub­bli­ca sol­tan­to ie­ri, gior­no dei fu­ne­ra­li. L'uo­mo, era il fi­glio dell'ex sin­da­co non­ché dia­co­no del­la fo­ra­nia di Lon­ga­ro­ne, Ri­no Zol­dan.

Man­ca­va­no po­chi mi­nu­ti al­le 22 di mar­te­dì sera quan­do una te­le­fo­na­ta è ar­ri­va­ta nei lo­ca­li del Suem 118 di Pie­ve di Ca­do­re. «Pre­sto, fa­te pre­sto. C'è un'emer­gen­za in via Pa­pa Gio­van­ni XXIII a Co­dis­sa­go. Un uo­mo è sta­to pun­to dal­le ve­spe. Mol­tis­si­me ve­spe». Par­to­no una squa­dra dei vi­gi­li del fuo­co, la guar­dia me­di­ca e gli in­fer­mie­ri. Sul po­sto ci so­no fa­mi­glia­ri e ami­ci dell'uo­mo. Lui, ste­so per ter­ra, ha il vol­to scon­vol­to, sul­le brac­cia si con­ta­no de­ci­ne di pun­tu­re di ve­spe. Qual­cu­na di lo­ro si ag­gi­ra an­co­ra per le stan­ze del­la ca­sa. Al­tre, quel­le as­sas­si­ne, so­no stra­maz­zan­ti a ter­ra. Do­po aver pun­to, le ve­spe muo­io­no. Pic­co­li in­set­ti ka­mi­ka­ze.

Il me­di­co del Suem non può che ac­cer­tar­ne il de­ces­so. Gianni Zol­dan è mor­to per «un pro­ba­bi­le shock ana­fi­lat­ti­co» a cui è se­gui­to, qua­si si­cu­ra­men­te, un in­far­to. An­che la mo­glie Ma­ri­le­na è sta­ta pun­ta, mol­to me­no del ma­ri­to. Lei si è sal­va­ta. Mar­te­dì sera l'uo­mo ave­va de­ci­so di por­re fi­ne a quel fa­sti­dio­so ni­do di ve­spe che si era for­ma­to all'in­ter­no del cas­so­net­to del­la fi­ne­stra del ba­gno, a ri­dos­so del­le tap­pa­rel­le. Mu­ni­to e ar­ma­to di in­set­ti­ci­da ha co­min­cia­to l'ope­ra­zio­ne. Le ve­spe, sen­ten­do­si in pericolo, si so­no or­ga­niz­za­te in un bat­ter d'oc­chio e si so­no schie­ra­te pron­te per l'as­sal­to all'uo­mo. Tan­te e tut­te in­sie­me so­no vo­la­te con­tro Zol­dan. Ar­rab­bia­te.

La fu­ga di Zol­dan non è sta­ta re­pen­ti­na e gli in­set­ti non gli han­no la­scia­to scam­po. La mo­glie è su­bi­to cor­sa ver­so il ma­ri­to, cer­can­do di soc­cor­rer­lo, ma sen­za riu­scir­vi. Le pun­tu­re, so­prat­tut­to sul­le brac­cia, ma al­cu­ne per­fi­no in te­sta, so­no sta­te le­ta­li. I fi­gli di 10 e 14 an­ni han­no as­si­sti­to in­cre­du­li e im­po­ten­ti al­la mor­te del pa­dre. Scon­vol­ti, ie­ri po­me­rig­gio, lo han­no ac­com­pa­gna­to al ci­mi­te­ro, dan­do­gli l'ul­ti­mo ad­dio e ri­co­pren­do di ter­ra la sua ba­ra, ba­gna­ta dal­le lo­ro stes­se la­cri­me. A sa­lu­ta­re per l'ul­ti­ma vol­ta Gianni Zol­dan c'era tut­to il pae­se. Dif­fi­ci­le fa­re la con­ta, ma del­le 650 per­so­ne che abi­ta­no a Co­dis­sa­go, la gran par­te era in chie­sa.

La ce­ri­mo­nia è sta­ta mol­to com­po­sta e par­te­ci­pa­ta. Un si­len­zio di­sar­man­te che ha fat­to vi­ve­re tut­to il do­lo­re che pro­va­no la fa­mi­glia e gli ami­ci per una mor­te im­prov­vi­sa, ca­sua­le e as­sur­da. Il pa­dre dell'uo­mo, Ri­no Zol­dan, al­la fi­ne del­la ce­le­bra­zio­ne ha ri­vol­to ai pre­sen­ti un sen­ti­to e com­mos­so rin­gra­zia­men­to per la vi­ci­nan­za di­mo­stra­ta. Gianni Zol­dan era mol­to co­no­sciu­to in pae­se. La­vo­ra­va per una dit­ta di ri­fi­ni­tu­re per cu­ci­ne ed era un cat­to­li­co con­vin­to. Si sta­va oc­cu­pan­do del grup­po gio­va­ni del­la fra­zio­ne e sta­va anc he c ol l a bo­ran­do, da al­pi­no, con il suo grup­po Ana, per la sa­gra pae s a na c he s i ter­rà a fi­ne me­se. Gianni era spo­sa­to da pa­rec­chi an­ni con Ma­ri­le­na, ave­va­no adot­ta­to due fra­tel­li in­dia­ni: una ra­gaz­za di 14 an­ni e un bam­bi­no di 10. Il fra­tel­lo di Gianni è con­si­glie­re di mag­gio­ran­za a Ca­stel­la­vaz­zo.

Fran­co Roc­con, sin­da­co di Ca­stel­la­vaz­zo, de­scri­ve Gianni Zol­dan co­me «un buon pa­dre di fa­mi­glia, dai va­lo­ri for­ti e ra­di­ca­ti. Una per­so­na mol­to de­di­ta al la­vo­ro sia a li­vel­lo per­so­na­le che quel­lo de­di­ca­to al­la co­mu­ni­tà di cui fa­ce­va par­te. Era un cat­to­li­co con­vin­to e se­gui­va il grup­po gio­va­ni di Co­dis­sa­go e il grup­po di ani­ma­zio­ne per la sa­gra del pae­se». Roc­con rac­con­ta che «que­sta è la se­con­da gros­sa tra­ge­dia in po­chi me­si che si ab­bat­te sul­la fra­zio­ne di Co­dis­sa­go. Ad apri­le, in­fat­ti, è man­ca­to in con­di­zio­ni tra­gi­che an­che il pic­co­lo Vic­tor Piat». Il bam­bi­no di 5 an­ni era an­ne­ga­to in una pi­sci­na al Ca­val­li­no, for­se per una con­ge­stio­ne. Quel­lo che ri­ma­ne ora a Ca­stel­la­vaz­zo «è lo scon­for­to di una tra­ge­dia as­sur­da, ina­spet­ta­ta e in­com­pren­si­bi­le».

La tra­ge­dia Nel­la fo­to qui a si­ni­stra, un ni­do di ve­spe. In al­to, Gianni Zol­dan, la vit­ti­ma: è mor­to a Ca­stel­la­vaz­zo Co­dis­sa­go (qui sot­to una im­ma­gi­ne del cen­tro sto­ri­co)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.