Boom di «Com­pro oro»: in Ve­ne­to 500 ne­go­zi Ma 39 azien­de chiu­do­no

Prez­zi al­le stel­le, mer­ca­to sdop­pia­to: le fa­mi­glie ven­do­no, gli ora­fi sten­ta­no

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Clau­dio Tra­bo­na

VI­CEN­ZA - Il di­stret­to ora­fo vi­cen­ti­no as­si­ste qua­si im­po­ten­te al pro­prio de­cli­no: al­tre 39 azien­de so­no spa­ri­te nel pri­mo tri­me­stre del 2010 e la pro­ie­zio­ne su­gli ul­ti­mi ot­to an­ni, dal 2002, ar­ri­va a con­ta­re qua­si 500 vit­ti­me tra la­bo­ra­to­ri, pic­co­le im­pre­se, in­du­strie del ca­te­na­me. Un fat­ti­vo con­tri­bu­to al tra­col­lo lo ha da­to il prez­zo dell'oro, più che rad­dop­pia­to in so­li tre an­ni: si ag­gi­ra­va sui 10 eu­ro al gram­mo a ini­zio 2007, ora viag­gia in­tor­no ai 30 eu­ro, so­glia pe­ral­tro ab­bon­dan­te­men­te su­pe­ra­ta ne­gli ul­ti­mi me­si, quan­do si è rag­giun­to il mas­si­mo sto­ri­co nel­le quo­ta­zio­ni in­ter­na­zio­na­li. I prez­zi mai vi­sti del­la ma­te­ria pri­ma han­no re­so trop­po ca­ri i pro­dot­ti dell'ore­fi­ce­ria, ab­bas­san­do dra­sti­ca­men­te i vo­lu­mi di ven­di­ta in tut­to l'Oc­ci­den­te e in par­ti­co­la­re in Ita­lia. Ma han­no pro­vo­ca­to un fe­no­me­no che non co­no­sce bat­tu­te d'ar­re­sto. E' quel­lo dei ne­go­zi «Com­pro oro»: un boom, già esplo­so da un pa­io d'an­ni, in­ter­pre­ta­to ini­zial­men­te co­me spia dell'ir­ru­zio­ne del­la cri­si nel­le fa­mi­glie. Ma che, a ben ve­de­re, rac­con­ta una sto­ria di bu­si­ness fio­ren­te più che di bi­so­gno per­so­na­le: si pen­sa, tra­di­zio­nal­men­te, al­la ven­di­ta dei pre­zio­si di ca­sa co­me un at­to qua­si estre­mo di so­prav­vi­ven­za, in­ve­ce tut­to que­sto ha mol­to a che fa­re con i nuo­vi con­su­mi e, ap­pun­to, con l'esplo­sio­ne del­le quo­ta­zio­ni dell'oro.

I ne­go­zi cre­sco­no co­me fun­ghi: non c'è una sta­ti­sti­ca pun­tua­le, ma si sti­ma­no og­gi tra le cin­que­mi­la e le ot­to­mi­la uni­tà sul suo­lo na­zio­na­le, con un gi­ro d'af­fa­ri an­nuo tra i due e i tre mi­liar­di di eu­ro e un get­ti­to fi­sca­le da 200-300 mi­lio­ni. «E in Ve­ne­to sia­mo al­me­no a quo­ta cin­que­cen­to ne­go­zi - cal­co­la Mau­ri­zio Ber­ton­cel­lo, ex am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Chi­men­to (mar­chio ora­fo nu­me­ro uno a Vi­cen­za), ades­so con­su­len­te e con­si­glie­re na­zio­na­le di Con­fin­du­stria-Fe­de­ro­ra­fi -. Ne­gli ul­ti­mi due an­ni so­no al­me­no rad­dop­pia­ti. E da que­sto con­to so­no esclu­se tut­te le ore­fi­ce­rie che que­sta at­ti­vi­tà, il ri­ti­ro dell'usa­to, la fan­no tra­di­zio­nal­men­te al­la spic­cio­la­ta».

Te­sti­mo­nian­za di tut­to que­sto è la crescita tu­mul­tuo­sa de­gli ope­ra­to­ri an­che in ter­mi­ni di­men­sio­na­li. I pio­nie­ri di Mer­ca­to Ve­ne­to dell'Oro (spa con se­de a Pa­do­va in Pas­sag­gio Ti­to Li­vio, am­mi­ni­stra­to­re uni­co Fa­bri­zio Zi­ro­ni) ini­zia­ro­no con un pic­co­lo ne­go­zio nei pri­mi an­ni No­van­ta e ora si tro­va- no a ge­sti­re 19 ve­tri­ne, di cui sei in re­gio­ne (il re­sto in Emi­lia Ro­ma­gna). Vi­ror, con se­de ad Al­ta­vil­la Vi­cen­ti­na, è con­ces­sio­na­ria esclu­si­va per l'Ita­lia del mar­chio Gold 2000, ol­tre 70 ne­go­zi spe­cia­liz­za­ti in tut­to il Pae­se. Oro­con­tan­te è brand che agi­sce so­prat­tut­to nel Tre­vi­gia­no (se­de a Co­ne­glia­no, ne­go­zi a Spre­sia­no, Su­se­ga­na, Onè di Fon­te ma an­che Feltre e Bas­sa­no). Tut­te real­tà in asce­sa. Per non par­la­re poi del­la lom­bar­da Oro­ca­sh, ap­par­sa per la pri­ma vol­ta a Mon­za nel 2000 e ora for­te di ben 350 ne­go­zi a ge­stio­ne di­ret­ta o in fran­chi­sing (si con­ta­no fi­lia­li ad Aba­no, Bas­sa­no, Ca­stel­fran­co, Me­stre, Pa­do­va, Ro­vi­go, Schio , Treviso, Vi­cen­za).

Co­sì, fiu­mi di oro in­tra­pren­do­no uno stra­no per­cor­so all'in­die­tro. Spie­ga Ber­ton­cel­lo: «I ne­go­zi gi­ra­no l'oro ac­qui­sta­to ai ban­chi me­tal­li che a lo­ro vol­ta spe­di­sco­no in Sviz­ze­ra, do­ve il pro­dot­to ri­di­ven­ta lin­got­to. In que­sto mer­ca­to l'in­du­stria dei pre­zio­si ha as­sun­to or­mai un ruo­lo qua­si mar­gi­na­le: la do­man­da de­gli in­ve­sti­to­ri fi­nan­zia­ri ha su­pe­ra­to quel­la per la gio­iel­le­ria. So­no ap­par­si stru­men­ti co­me gli hed­ge fund, i fon­di pen­sio­ne, gli etc (fon­di quo­ta­ti che han­no co­me va­lo­re sot­to­stan­te il va­lo­re di una ma­te­ria pri­ma, ndr) e i prez­zi so­no schiz­za­ti in al­to». I ge­sto­ri con­ti­nua­no a con­si­glia­re l'oro co­me in­ve­sti­men­to e be­ne ri­fu­gio, for­mu­la as­sai di mo­da nei mo­men­ti di cri­si fi­nan­zia­ria mon­dia­le co­me quel­li che ab­bia­mo vis­su­to in que­sti due an­ni. «A tut­to que­sto - con­ti­nua Ber­ton­cel­lo - si è ac­cop­pia­ta una pro­fon­da tra­sfor­ma­zio­ne cul­tu­ra­le. In ogni fa­mi­glia c'è un po' d'oro ere­di­ta­to dai pa­ren­ti: og­get­ti spes­so fuo­ri mo­da, che nes­su­no in­dos­sa, re­le­ga­ti in un cas­set­to di ca­sa, pe­ral­tro a ri­schio fur­to. Pian pia­no, la gen­te si è ac­cor­ta che ven­den­do que­sti pez­zi si por­ta­va­no a ca­sa bei gruz­zo­let­ti: i ne­go­zi com­pra­no at­tual­men­te in­tor­no ai 20 eu­ro al gram­mo di oro fi­no, a scon­to quin­di di cir­ca il 30%, fet­ta dal­la qua­le trag­go­no poi il pro­prio mar­gi­ne. Le quo­ta­zio­ni so­no tal­men­te ele­va­te che al­la fi­ne tut­ti sen­to­no di gua­da­gnar­ci: il ren­di­men­to per chi ven­de si è qua­dru­pli­ca­to, tre an­ni fa non si ri­ca­va­va più di cin­que eu­ro al gram­mo dall'usa­to». Con un po' di ca­te­na­me ti­ra­to fuo­ri da un cas­set­to si ot­ten­go­no ma­ga­ri i sol­di per la tv al pla­sma o per la va­can­za al ma­re. Be­ni as­sai più de­si­de­ra­ti, og­gi, dei vec­chi gio­iel­li. «Cer­to - ri­flet­te Ber­ton­cel­lo - qual­che re­mo­ra an­co­ra esi­ste, c'è un po' di ver­go­gna per­ché l'idea di ven­de­re i pre­zio­si di fa­mi­glia è le­ga­ta ad an­ti­chi ri­cor­di di po­ver­tà. Ma lo sta­to di bi­so­gno, in real­tà, non è il mo­to­re di que­sta espan­sio­ne. Il pu­do­re di chi ven­de è sta­to co­mun­que uno de­gli ele­men­ti che ha con­sen­ti­to la pro­li­fe­ra­zio­ne dei ne­go­zi Com­pro oro: non si ha mol­ta vo­glia di ce­de­re i pro­pri pre­zio­si al gio­iel­lie­re di fi­du­cia, si pre­fe­ri­sce l'ano­ni­ma­to di una ve­tri­na spe­cia­liz­za­ta».

In espan­sio­ne I no­go­zi di «Com­pro oro» stan­no vi­ven­do un mo­men­to di for­te crescita. Mau­ri­zio Ber­ton­cel­lo (con­si­glie­re Fe­de­ro­ra­fi): non è so­lo una que­stio­ne di cri­si, c’è an­che una tra­sfor­ma­zio­ne cul­tu­ra­le per cui ci so­no me­no re­mo­re del pas­sa­to a ven­de­re l’oro di fa­mi­glia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.